fake news

Ricordate le infinite polemiche sulle fake news; la santa crociata lanciata dalla politica contro di loro, gli “sbufalatori” di professione, la boldrini e l’hashtag #bastabufale?

Ieri, dopo i primi lanci di agenzia e i primi articoli su questa sentenza della cassazione, è partita la gara a chi spargesse più indignazione e mostrasse solidarietà, imho molto, ma molto pelosa, verso le donne.

Era tutto un fiorire di messaggi indignati, messaggi o basati solo sul titolo dell’articolo e non sul suo contenuto, e di messaggi che prendevano quel titolo come pretesto per le solite lagne sulla “rape culture”.

Adesso che il classico webete analfabeta funzionale faccia polemiche su di un titolo che a malapena capisce me lo aspetto e lo trovo anche abbastanza scontato. Che lo faccia uno che si reputa progressista colto ed intelligente invece lo trovo abbastanza penoso, soprattutto quando, dopo la smentita e le precisazioni su cosa avesse realmente stabilito la cassazione, cerca di svicolare tirando fuori cose che non c’entrano poco o niente come la condizione femminile in italia e la cultura dello stupro.

Poi che lo faccia un politico invece lo trovo estremamente grave; anche perché trovo sia abbastanza ipocrita lamentarsi dell’ignoranza e del fatto che i politici della parte avversa preferiscano urlare  per stuzzicare la pancia della gggente arrivando anche ad ignorare la realtà, per poi comportarsi esattamente allo stesso modo ovvero urlando per soddisfare l’indignazione montante e farsi vedere bravi bravi a capo delle proteste.

La notizia sulla sentenza della cassazione era una buona bufala; un 90% di verità e un 10% di omissioni che hanno spinto molti a fraintendere ed a leggere non quello che era scritto, realmente, nell’articolo ma quello che si voleva  che si leggesse e capisse.

che conclusioni si possono trarre dalla vicenda:

  • che per manipolare non servono balle clamorose: “nei vaccini trovato uranio, plutonio, dilitio, feti di klingon e midi-chlorian del lato oscuro”, basta una verità leggermente alterata: “i vaccini contengono DHMO“.
  • Che se la balla è funzionale molti ci cascano perché ci vogliono cascare e “sospendono l’incredulità” accodandosi alla massa invece di esercitare il pensiero critico.
  • Che certi media da una parte fanno fuoco e fiamme contro le fake news a sfavore ma d’altra parte non hanno alcuna remora a fabbricarne loro se funzionali ai loro scopi, che potrebbe anche essere un pugno di click in più.
Annunci

la macchina del fango…

Hanno nominato i nuovi presidenti ed è partita di nuovo la macchina del fango.

Stavo leggendo questa notizia di Repubblica

Premessa: ogni ufficio politico, sindaco, assessore regionale, parlamentare, ministro ha a disposizione uno staff di supporto i cui membri vengono scelti a discrezione del politico. La durata di tali membri è legata alla durata dell’ufficio di gabinetto del politico di riferimento. Quando il politico molla il suo ufficio di gabinetto cessa di funzionare e tutto il personale torna a casa. Questo perché per la delicatezza di tali ruoli è essenziale ci debbano essere persone di stretta fiducia del politico. Faccio notare come, nonostante sia vero quanto scrive repubblica, nessun magistrato ha aperto un fascicolo sulla vicenda, fascicolo che nel caso si fosse cercato di taroccare gli esiti di una selezione, sarebbe stato sacrosanto aprire. Ciò significa che quanto fatto per quanto poco opportuno non è illegale.

Vediamo la notizia

Era il 2005. Maria Elisabetta Alberti Casellati, fedelissima del Cavaliere, si trovò a ricoprire la carica di sottosegretario al Ministero della Salute, guidato all’epoca dal “tecnico” Girolamo Sirchia.

Appena insediata, non perse tempo e piazzò a capo della segreteria del dicastero la figlia Ludovica. Inevitabili, piovvero sulla sua testa le accuse di familismo e clientelismo. Proprio a lei, esponente di un governo a guida Berlusconi, il premier dell'”Italia Azienda” che aveva giurato di fare piazza pulita della vecchia politica e dei suoi metodi.

Casellati non restò in silenzio. O meglio, fu la figlia Ludovica a rispondere a chi la accusava di aver sorpassato a destra (sic) tutti gli altri possibili e meritevoli candidati grazie al cuore della mamma che aveva fatto in modo che il suo curriculum finisse in pole position. Raccontando a mezzo stampa di averci messo 10 anni a liberarsi dell’etichetta “figlia di” e di essersi guadagnata l’assunzione sul campo, grazie a una professionalità nota solo a chi la conosceva davvero. Davvero pochi, quanto meno nella sanità, dove il suo nome non perveniva nelle ricerche incrociate seguite alla polemica. Lo “skill” nella Salute di Ludovica, proprio un segreto custodito gelosamente, difficilmente intuibile dalla precedente carriera manageriale trascorsa in Publitalia, la concessionaria Mediaset per la pubblicità.

Faccio notare come la scelta delle parole porti a pensare alla solita accozzata, senza alcune competenza, fatta assumere nel posto pubblico, usato, come al solito come bene privato dai politici; e questo fa notare come i giudizi su una vicenda spesso dipendano da come tale vicenda viene presentata.

Tanto per mettere i puntini sulle i

  • Il capo della segreteria di un ministro si occupa di organizzare le attività del ministro, visite, discorsi, altre attività istituzionali. Non ha alcun compito amministrativo, per quello esiste la struttura amministrativa del ministero, e neppure di consulenza visto che il ministro può chiamare consulenti specifici su questo o quello. Ergo la competenza nelle attività del ministero per quanto gradita non è richiesta.
  • Il capo della segreteria viene scelto ad arbitrio dal ministro e risponde solo a lui del suo operato.
  • Per esperienza tali posti rientrano nei “manuali cencelli”, ovvero vengono usati come merce di scambio o per saldare alleanze: il fedelissimo del ministro Tizio dirige la segreteria del ministro Caio e viceversa. Solita banale politica.

Quel vizio è comune a tutti i partiti politici; tanto per fare qualche esempio qui un articolo che parla di Michele Emilano e della nomina, legittima, della sua compagna come portavoce, qui invece si parla dei grillini.

Mi verrebbe da dire: chi è senza peccato scagli la prima pietra. Notare comunque come dei fatti, veri e senza alcuna rilevanza penale ma, paradossalmente, anche comprensibili e giustificabili, vengano presentati in una maniera facilmente fraintendibile.

Buffo che spesso chi compie simili giochetti è lo stesso che si lamenta delle fake news e della macchina del fango…

Una variazione significa poco

Su FB un mio contatto ha condiviso il seguente messaggio:

Furti, omicidi e rapine diminuiti in media del 21 per cento nel 2017, dati Viminale. Delitti in famiglia aumentati del 200%, vittime in maggioranza donne uccise da compagni o ex. Per aumentare la #sicurezza chi bisogna espellere, i migranti o i mariti?
Fonte: https://twitter.com/LiaCeli/status/973184268603154433

l’ho trovato molto interessante perché mostra un paio di tecniche dialettiche per contraffare l’informazione. La prima è il dare solo informazioni sulla variazione di una grandezza ma non sul valore assoluto che essa assume. E’ un comportamento malizioso perché il dare la sola variazione di una quantità generalmente non fornisce alcuna informazione sul valore assoluto di tale quantità, come fa intendere benissimo questa battuta: “questo mese son riuscito a triplicare il mio giro d’affari; il mese scorso ero riuscito a vendere due aspirapolveri, questo mese sono arrivato a sei.”. Un aumento delle vendite da 2 a 6 è, realmente, un aumento del 200% delle vendite, però non penso che a qualcuno venga in mente di investire cifre folli per acquistare quel portafoglio clienti.

Parlando in termini più matematici, il sapere come varia una quantità nel tempo purtroppo non fornisce alcuna informazione sul valore reale di tale quantità. Passare da 2 a 6 femminicidi o da 100 a 300 femminicidi è sempre un aumento del 200% ma nel primo caso i numeri “reali” non causerebbero alcun allarme mentre nel secondo sì. Perché quindi parlare solo della variazione dei femminicidi che del valore assoluto? perché a leggere una variazione del 200% si è portati a pensare ad un fenomeno che diventa “serio ed importante” anche se, ricordando l’esempio del passaggio da 2 a 6, i numeri son talmente piccoli da poter essere considerati semplice rumore statistico.

Faccio notare che, una riduzione di rapine da 10.000 a 7.900 casi ed un aumento da 2 a 6 femminicidi significa una riduzione del 21% delle rapine ed un aumento del 200% dei femminicidi; ma fra 7.900 e 6 qual’è il fenomeno più rilevante?

La seconda tecnica è il confrontare mele con pere mettere insieme furti, omicidi e rapine significa mettere insieme reati che vanno dal semplice scippo all’omicidio, una base molto vasta; da notare due cose: mentre ad una diminuzione delle denunce di violenza di genere si risponde che “non è vero che è diminuito il fenomeno, semplicemente molte non denunciano più”, perché tale ragionamento sarebbe inapplicabile nel caso di rapine e scippi?

Tornando comunque all’esempio del “venditore di aspirapolveri”, il confrontare femminicidi con furti, rapine e omicidi, sarebbe come il confrontare la variazione di fatturato di tutti i negozi di un grosso centro commerciale con la variazione di vendite di aspirapolveri. I due fenomeni son correlati ma le basi di valutazione son troppo diverse per poter fare paragoni sensati.

La terza è l’invenzione dei numeri a pera: qui, partendo, dalle statistiche istat con i numeri reali sul femminicidio e sulle variazioni, parlo di come si tenda a gonfiare enormemente certi fenomeni. Sarei curioso di sapere dove salta fuori l’aumento del 200% nel 2017 visto che nel 2016, fonte istat, il numero di femminicidi, in senso lato1 è di 149, se invece consideriamo solo quelli il cui autore è un partner o ex partner arriviamo a 76.  Un aumento del 200% significa passare da 149 a 437 omicidi, più di uno al giorno. Mah; più probabile una scarsa affinità con la matematica ed un uso malizioso, oltre che inappropriato, dei numeri.

Ultima cosa: che senso ha confrontare mariti con migranti, loro buoni buoni mentre italiani assassini. E poi stupiscono quando, alla scoperta del bluff, certi partiti hanno grossi boom elettorali.

fonti istat:


  1. cioè omicidi cui la vittima è di sesso femminile, senza considerare il sesso dell’omicida. 

Il rogo del re del carnevale e le fake news.

Una antica tradizione del carnevale, arrivata immutata da tempi pre cristiani, è il rogo del “re del carnevale” che chiude i festeggiamenti.

Durante il carnevale viene portato in città un fantoccio che viene eletto “re del carnevale”, con tanto di corte, feste e balli in piazza. Ed alla fine del carnevale viene ritualmente processato e bruciato in piazza.

Questo capita, ad esempio, in sardegna nel carnevale tempiese dove l’ultimo giorno del carnevale il “re del carnevale”, chiamato re Giorgio, viene processato, condannato e bruciato.

Il rito del bruciare il re del carnevale si innesta su antichi riti legati all’anno contadino; a gennaio e febbraio infatti si celebrano i fuochi di S. Antonio e di S. Sebastiano, ove in onore dei santi vengono accesi grandi falò sulla pubblica piazza con benedizioni balli e canti. Quella dei fuochi era una antica tradizione pagana poi cristianizzata.

In Sardegna la leggenda vuole che sia stato S. Antonio, detto Sant’Antoni de su fogu, a portare il fuoco agli uomini. La “cristianizzazione” del mito pagano è evidente.

Tutto questo per dire che è il bruciare fantocci in segno di buon auspicio è una antica, risalente all’antichità pre cristiana, tradizione del periodo carnevalesco, il periodo che va dall’epifania alla quaresima.

Nel periodo odierno non è raro che il fantoccio che impersona il re del carnevale e che verrà bruciato abbia le fattezze di qualche uomo politico o vip. Nei vari carnevali sardi con carri allegorici mi è capitato di vedere varie volte Berlusconi, o altri personaggi politici come Renzi, Renato Soru. Tanto per fare un esempio, qui il “Re Giorgio” del 2017 a tempio pausania; Re Giorgio con le fattezze di Trump.

Tutta questa premessa per parlare di un esempio concreto di come sia possibile, partendo da un fatto vero e dicendo solo cose vere, semplicemente enfatizzando  o minimizzando alcuni particolari, portare la gente a pensare alcune cose invece che altre.

Consideriamo la seguente notizia:

No, il fantoccio della Boldrini bruciato in piazza non è solo “goliardia giovanile”
A Busto Arsizio con la scusa di una festa locale le fiamme hanno avvolto un manichino della presidente della Camera
pira

Immaginate per un attimo se fosse accaduto nella piazza sotto casa vostra. A pochi passi dal vostro portone, dove giocano i bambini e passeggiano gli anziani. Un fantoccio raffigurante la presidente della Camera Laura Boldrini, che termina il mandato con eroica resistenza contro ogni genere di orrore che le è stato rovesciato addosso, viene bruciato in pubblico. Una pira come se ne vedono solo ai telegiornali, nei posti martoriati ai quattro angoli del pianeta, nelle manifestazioni di rabbia e violenza contro questo o quel leader mondiale, questo o quel Paese, questa o quella bandiera.

si nota subito la drammatica narrazione. Peccato che si parli non di un fantoccio portato, senza alcun motivo apparente in piazza ma di un fantoccio bruciato nelle feste carnevalesche dove spessissimo è presente il rito del rogo del re del carnevale, o della strega dell’inverno o di altre figure allegoriche. Figure che puntualmente hanno fattezze di politici o di vips. Quest’anno son stati bruciati, in quella festa tradizionale, fantocci con le effigi di Boldrini, Gentiloni e Trump. Ma stranamente lo scandalo grande è per la Boldrini, molto, ma molto, di meno per Gentiloni, nullo per Trump.

Impossibile fraintendere o soprassedere quanto è successo in piazza Einaudi di Busto Arsizio, in provincia di Varese: il manichino improvvisato ha il volto dell’ex portavoce dell’Unhcr per cinque anni a Montecitorio, ora candidata con Liberi e uguali. Non solo: intorno le è stata costruita una piccola e raccapricciante scenografia di cui ovviamente non daremo il minimo cenno. Basta limitarsi a spiegare che, al solito, prende di mira i migranti mescolando il tema alla tragedia della Costa Concordia.

Davvero il parto malato di un gruppo di nullafacenti che passano troppo tempo al bar.

A mettere a in scena il teatrino il Movimento Giovani Padani della Lega, che ha colto l’occasione – per così dire – della festa tradizionale della Giobia nella quale si brucerebbe un fantoccio in segno di buon auspicio. Un fantoccio che nel tempo ha assunto le sembianze di una strega e che quest’anno i nipotini di Matteo Salvini hanno pensato bene di sostituire col volto della presidente della Camera.

E che gli anni scorsi aveva fattezze di altri uomini politici come spiega bene questo tweet: (Ho letto l’articolo e non spiega esattamente che da anni i fantocci hanno le sembianze dei personaggi pubblici/potenti di turno che sono stati bruciati berlusconi salvini monti renzi pure il sindaco.. che è insomma una carnevalata che non meritava proprio di farci un articolo.. ) e quest’altro.

Sarà stato anche di pessimo gusto ma il pessimo gusto non è reato.

Nel corso della festa, tanto per non farsi mancare nulla (neanche un pizzico di contraddizione e nonsense), sono stati lanciati nel fuoco anche simulacri del presidente del Consiglio Paolo Gentiloni e di Donald Trump.

E già qui la vicenda comincia a puzzare; Boldrini e Trump, ok. Come mai lo scandalo è la boldrini mentre per Trump se ne parla di sfuggita? Non è che stiamo parlando di una carnevalata?

La Polizia ha avviato le indagini e identificherà, se non l’ha già fatto, i “creativi” del cretinismo leghista di provincia. Intanto, rimangono sul tavolo due questioni. La prima è la solita: la chiamerei sindrome da giustificazionismo. Sembra una leggerezza, è una strategia precisa per alzare l’asticella della tolleranza dell’opinione pubblica. Serve a fare in modo che sempre meno fatti di questo genere ci appaiano raccapriccianti come in effetti sono. Non è un caso che i vertici provinciali e cittadini del partito abbiano bollato il fatto come la solita “goliardia giovanile”. Alla pari, tanto per rispolverare lo stesso vocabolario, dell’invasione dei neofascisti di Como di qualche mese fa. “La goliardia giovanile non voleva mancare di rispetto all’ormai ex presidente della Camera” spiegano i dirigenti locali. Per fortuna il coordinamento federale del Movimento Giovani Padani di Milano si è dissociato “nella maniera più assoluta rispetto a quanto accaduto questa sera nella piazza di Busto Arsizio“.

Gombloddo…

L’altro elemento si riaggancia alla situazione concreta. Non risulta che nessuno abbia interrotto la violenta pagliacciata o abbia chiamato le forze dell’ordine in modo tempestivo. Ed è probabilmente questo l’aspetto più preoccupante, al netto degli sfortunati giovani padani. La mancanza di reazione, l’elettrocardiogramma piatto di cui parlavamo rispetto all’astensionismo che sembra scaricare i suoi effetti sulla cittadinanza attiva.

Al netto dello schieramento politico, infatti, e a maggior ragione nel contesto di una mezza tradizione locale, ci sono soglie che dovrebbero innescare una qualche reazione, un segno di vita e di disgusto, un po’ di dignità. E invece tutto tace e in piazza si bruciano, metaforicamente ma non troppo, le istituzioni della repubblica.

E qui stiamo allo sdegno a palate.

Faccio notare la struttura dell’articolo: apertura drammatica che da l’impressione che il rogo sia stato organizzato senza un motivo preciso che non l’odio verso la Boldrini, ovviamente santificata, viene minimizzato che si trattava di una tradizionale festa carnevalesca e viene omesso, o quasi, che i fantocci bruciati hanno avuto da sempre fattezze di politici, come i due tweet dimostrano e come ricordo personalmente dai carnevali tempiesi che ho visto. Ricordo di aver visto, a Tempio, in svariati carnevali, bruciato “Re Soru”, “Re Cappellacci”, “Re Berlusconi”, il sindaco, il vicesindaco, e nessuno che si sia mai scandalizzato.

Faccio notare che se il titolo dell’articolo fosse stato: “nella festa di busto arstizio bruciati fantocci rappresentanti Boldrini, Gentiloni e Trump”, molti avrebbero pensato alla solita carnevalata e si sarebbe persa un sacco di drammaticità.

Io mi chiedo quindi dove sia lo scandalo:

  1. Che venga bruciato un fantoccio in una festa carnevalesca?
  2. Che venga bruciato un fantoccio che somigli ad un politico in una festa carnevalesca?
  3. Che venga bruciato un fantoccio che somigli ad un politico italiano in una festa carnevalesca?
  4. Che venga bruciato un fantoccio che somigli ad un politico italiano di rilevanza nazionale in una festa carnevalesca?
  5. Che venga bruciato un fantoccio che somigli alla boldrini in una festa carnevalesca? (come dire)

Temo che la risposta sia la 5; la solita coerenza (con annesso kilometro di coda di paglia) di chi è charlie quando charlie ha nel mirino qualcuno che stia sulle balle altrimenti diventa uno degli sfegatati del Torquemada fans club.

PS

Tanto per par condicio queste “goliardate” stranamente non hanno sollevato la stessa indignazione Torino, i fantocci di Renzi, Salvini e Fassino appesi a testa in giù: “A piazzale Loreto c’è ancora posto”.

PPS

I giovani padani hanno fatto una stronzata dando un pretesto a tanti di piangere al ritorno del neofascismo, al vittimismo ed ad andare in piazza a stracciarsi le vesti (e chissà se tali vesti verranno stracciate anche per tanti altri carri allegorici carnevaleschi).

 

fake news oggi, le televisioni di berlusconi ieri.

Cosa è capitato nelle ultime elezioni in america? perché si sta parlando e straparlando di fake news e di come queste abbiano permesso a Trump (cugino in primo grado di Sauron e intimo amico di Palpatine) di vincere nonostante l’impegno di tutte le forze del bene dai Raminghi di Gondor ai cavalieri Jedi passando per i Puffi?

In realtà sta succedendo quanto è già capitato dal 1994 in Italia. Le forze del bene (e del sole dell’avvenire) italiane non riuscirono a capacitarsi come un fesso incompetente che guidava una masnada di beoti trogloditi telelobotomizzati fosse riuscito a vincere la parte migliore (più colta, più bella, più onesta).

Ovviamente, essendo, come dire, poco gradito parlare di qualche piccolo errore di valutazione e qualche infinitesima pecca nella comunicazione o di qualche trascurabile macchiolina legata a comportamenti passati, si tirò fuori l’idea che Berlusconi riuscisse a controllare telepaticamente le masse grazie alle televisioni e che fosse solo colpa loro se la storia non finiva con il lieto fine del trionfo dei buoni… E che quindi per far vincere i buoni occorresse contrastare lo strapotere televisivo del cavaliere nero. Anche umberto eco cascò in questa narrazione; nel 2001 scrisse un articolo in cui dipingeva un futuro distopico se avesse vinto il cavaliere (la solita narrazione del bene contro il male e l’armageddon se avesse vinto il male). Il tempo ha mostrato impietosamente che prese una solenne cantonata.

Come dire spesso una balla autoassolutoria è più accettabile della realtà, realtà che invece racconta di tremendi errori di valutazione, catastrofiche strategie comunicative, basti pensare alla campagna elettorale del 2006 ove un grande vittoria annunciata si trasformò, grazie a Bertinotti, Mastella e tutta l’ammucchiata dell’ulivo e i loro catastrofici errori di comunicazione, in una striminzita vittoria ai calci di rigore…

Però per il militante Berlusconi vinceva solo grazie alle televisioni. Che quella precedente sia una narrazione è dimostrato, banalmente, dalla realtà:

  • 1994 vittoria del CDX (presidente Berlusconi poi defenestrato dal ribaltone della lega, segue governo Dini)
  • 1996 vittoria del CSX (governi Prodi I, Dalema I, Dalema II, Amato). Giova ricordare che prodi venne fatto fuori da manovre di palazzo e che una gamba di Dalema era costituita dal partito, ottenuto grazie al mercato delle vacche in parlamento, di Cossiga e Mastella.
  • 2001 vittoria del CDX
  • 2006 vittoria, al fotofinish, dell’ammucchiata CSX. Il governo Prodi II fu il governo che fece più berlusconate della storia d’italia)
  • 2008 vittoria del cavaliere poi governo monti
  • 2013 un sostanziale pareggio fra CDX, CSX e il terzo incomodo M5S con conseguente grosse koalitionen.

Dov’è lo strapotere delle televisioni? come mai ha funzionato nel 1994, nel 2001 ed ha fatto cilecca nel 1996 o nel 2006?

Per le fake news penso sia la stessa cosa: una balla autoassolutoria per giustificare gli uccelli paduli arrivati. La Clinton è andata avanti con il partito spaccato e dopo aver giocato troppo sporco contro i suoi1 e dopo aver fatto qualche cazzata di troppo da ministro degli esteri (do you remember wikileaks?). Ha fatto l’errore strategico da una parte di voler fare la lotta nel fango e dall’altra di essere così bianca che più bianca non si può. Purtroppo a fare la lotta nel fango si finisce sporchi di fango. Per un “maiale” come trump poco importa. Se sei un maiale l’accusa di sguazzare contento nel fango non ti colpisce, se sei miss “così bianco che più bianco non si può” ti distrugge.

Fake news, una comoda scusa per non dover ammettere “forse abbiamo fatto qualche cazzata di troppo”.

PS

Quello che sta avvenendo in amerriga con il #meetoo penso sia solo un grande rituale catartico per espellere il trumpismo dall’ala liberal e trovare una nuova profetessa pronta a guidare le masse verso il sole dell’avvenire; in pratica un obama con le tette…

 


  1. Come capitò in sardegna con Soru quando si ricandidò dopo il primo mandato. Il partito spaccato e gran parte dei capi e capetti che lo odiavano. Strategia comunicativa sbagliata alla grande. Molti elettori, delusi dalle sue mancate promesse, avvelenati a votare chiunque tranne lui. Se fosse stato candidato Dudù (il barboncino di Berlusconi) contro Soru, Dudù sarebbe stato eletto presidente della Sardegna. In quella elezione Soru infatti prese meno voti di quanti ne prese la sua coalizione. 

debunking, fake news e politica

Chi lotta con i mostri deve guardarsi di non diventare, così facendo, un mostro. E se tu scruterai a lungo in un abisso, anche l’abisso scruterà dentro di te. (Friedrich Nietzsche);

cui custodiet ipsos custodes (Giovenale)

Stavo sentendo le polemiche sui 4 moschettieri del debunking per i loro rapporti con la Boldrini.
Imho se si vuoi esser considerati autorevoli si dovrebbe anche apparire imparziali. Avvicinarsi molto ad una parte politica significa prestare il fianco ad accuse del tipo: “dice questo perché è vero oppure per simpatia verso $partito”? Soprattutto quando invece di debunking si parla di fake news, notizie nei quali il vero ed il falso è molto più sfumato. Purtroppo se scegli di essere una persona “in partes”, scelta perfettamente lecita, perdi l’autorevolezza dell’essere “indipendente dalle parti”.

Definire il debunking è facile: smontare tesi farlocche infondate scientificamente. Definire una fake news diventa molto più sfumato; cos’è una fake news? Una notizia falsa?  e allora che differenza c’è con il debunking?

In realtà il debunking si occupa della verità di un fatto o di una affermazione “scientifica”; una affermazione della quale si può dimostrare, sperimentalmente, la verità o la falsità. Le fake news sono più sfumate. A rigor di logica dovrebbero essere le notizie false ma è una definizione fuorviante.

Come avevo scritto qui è facile montare fatti veri in maniera da portare la gente alla conclusione desiderata; ci son molte tecniche dialettiche per far ciò.

Ad esempio:

-> nel 2013 la Kyenge ha dichiarato: “Non c’è nessuno stop: nei primi mesi del 2014 sarà approvata la legge per concedere la cittadinanza ai figli di immigrati nati in Italia”(notizia vera: fonte)

->Nel 2013  arrivarono 43.000 migranti irregolari, l’anno dopo 170.000. (notizia vera: fonte)

Le affermazioni sono entrambe vere ed il giustapporle induce a pensare che la prima sia causa della seconda. Si tratta di fake news? direi di no visto che le notizie sono vere. Quello è un trucco abbastanza bastardo visto che, a chi risponde: “ma stai insinuando che sia colpa della Kyenge”? si può rispondere “questo lo stai dicendo tu; non mettermi in bocca cose che non ho detto”.

quelle due frasi, imho, avrebbero fatto scattare in avanti un sacco di “paladini contro le fake news”, paladini che avrebbero finito per autosputtanarsi visto che le due affermazioni di sopra sono entrambe vere. E allora dove sarebbe il falso che la rende una fake news?

Questo per mostrare come il linguaggio e la dialettica renda facile evitare di essere chiusi nella dicotomia: vero/falso.

Quello di cui ho paura è che la storia delle fake news, trainata dalle tante bufale e tante stronzate dette contro i vaccini venga usata come maglio per censurare. Chi dovrebbe decidere se una notizia è una fake news e sulla base di cosa? per il debunking è facile; basta trovare una teoria scientifica che smonti o un errore nel ragionamento. Ma come fai a dimostrare, ad esempio, che l’aumento dei migranti irregolari non è stato causato dalle, avventate, parole della kyenge? Non si può.

Prendiamo un altro esempio: la storia del “se ha i jeans non è stupro”; la corte di cassazione non ha mai pronunciato quella frase; frase che è nata da una lettura approssimata della sentenza. Qui e qui casi simili. Eppure adesso che le false notizie sembrano l’ennesima, farlocca, emergenza nazionale, nessuno ha chiesto conto ai giornalisti delle tante cazzate scritte.

A pensar male direi che “fake news” sia diventato, insieme a *-fobia, un sistema comodo per censurare le affermazioni e le notizie “scomode”. D’altronde una delle tecniche usate da tantissime dittature era di bollare come “falso” qualsiasi notizia scomoda o imbarazzante.

sistema automatico per individuare fake news? impossibile.

Un sistema automatico per l’individuazione di fake news non può esistere; e lo si può dimostrare matematicamente1

Supponiamo comunque per assurdo che esista un mitico sistema informatico capace di riconoscere immediatamente la verità o la falsità di qualsiasi affermazione. E tanto per rassicurare che sia capace di riconoscere affermazioni contraddittorie od autoreferenziali e rigettarle automaticamente2.

Il sistema in ogni caso non funzionerebbe lo stesso per due motivi:

  1. il sistema di identificazione di fake news non può riuscire a rivelare informazioni omesse.
  2. il valore di una informazione dipende dal contesto, è il contesto, la cornice che spinge l’interpretazione in un verso od in un altro.
Nazisti dell’Illinois

Vediamo un esempio del primo caso:

“Emergenza democratica: i nazisti dell’illinois hanno centuplicato i loro voti passando da 10 voti a 1.000 in tutta italia“. Nessun algoritmo di fake news può rivelare la parte cancellata, parte che ridimensiona alquanto la centuplicazione dei voti.

Ed un esempio del secondo caso; supponiamo che il partito dei nazista dell’illinois abbia avuto un boom elettorale passando dallo 0,001% dei voti allo 0,1% voti; entrambe le notizie seguenti sono vere:

  • la destra estrema avanza: i nazisti dell’illinois hanno centuplicato i loro voti, bisogna votare la legge Fiano per fermarli.
  • I nazisti dell’illinois arrivano a malapena allo 0,1% dei voti. Ha senso votare una legge liberticida per fermare un partito da prefisso telefonico?

le notizie sono entrambe vere ma l’interpretazione della prima “i nazisti dell’illinois stanno diventando un pericolo” è diametralmente opposta alla seconda “i nazisti dell’illinois non stanno diventando un pericolo” Da notare che le premesse di entrambe le frasi sono affermazioni vere, non sono false e di come, giocando un poco, si possano far dedurre due conclusioni opposte dalla stessa premessa semplicemente presentandola in due modi diversi.

Ma esempi di come si possa mutare profondamente una notizia semplicemente omettendo informazioni importanti o aggiungendo informazioni vere ma ininfluenti se ne possono fare a iosa.

Un altro esempio

  • Tizio è morto sotto i ferri del dottor Caio. Il dottor Caio anche precedentemente era stato inquisito per malasanità.
  • Tizio è morto sotto i ferri del dottor Caio. Tizio era arrivato in condizioni disperate in ospedale a causa di un incidente stradale.

Supponiamo vere tutte e tre le affermazioni; nel primo caso si viene portati a pensare che il dott. Caio sia un pasticcione. Da notare anche che inquisito non significa condannato, ma per molti invece vale l’equivalenza “inquisito = colpevole”

Nel secondo caso invece si pensa più ad una tragica fatalità; l’arrivare in condizioni disperate all’ospedale fa pensare ad una fatalità più che all’incompetenza del medico.

Il programma come si comporterebbe con quelle due notizie? Nessuna delle due è più vera dell’altra.

Purtroppo l’unico sistema contro le fake news rimane la cultura ed il senso critico. Tutte cose che chi ha lanciato la grande crociata contro le fake news (intendendo in realtà le notizie “scomode” pro domo sua) vede come fumo negli occhi.

 


  1. Supponiamo esista tale meraviglioso algoritmo. In tal caso sarebbe capace di riconoscere la verità di tale affermazione: “La macchina di Turing T con il programma P si arresta”.  Peccato che Alan Turing abbia dimostrato l’impossibilità dell’esistenza di un algoritmo capace di riconoscere se una generica macchina di Turing si arresti o no su un dato input. Vedi: https://it.wikipedia.org/wiki/Problema_della_terminazione
  2. in pratica rigetta affermazioni come “questa affermazione è falsa” o, in maniera più sofisticata: “l’affermazione seguente è vera”, “l’affermazione precedente è falsa”. 

Fake news

È impossibile ottenere una condanna per sodomia da una giuria inglese.
Metà dei giudici non crede che possa essere fisicamente compiuta, e l’altra metà la sta facendo.
W. Churchill

 

Prima Regola del Mago: Le persone credono a tutto ciò a cui vogliono credere o a quello che temono di credere.

«Le persone sono stupide: date loro una motivazione appropriata e quasi tutti crederanno a quasi tutto ciò che direte loro. Proprio perché le persone sono stupide, esse crederanno ad una menzogna perché lo vogliono, o perché hanno paura che possa essere vera. La testa delle persone è piena di fatti, notizie e credenze che nella maggior parte dei casi sono false, tuttavia continuano a crederci. Le persone sono stupide: raramente riescono a distinguere tra il vero ed il falso, tuttavia hanno tanta fiducia in loro stessi che credono di poterlo fare sempre, ecco perché è così facile ingannarle.»
[Terry Goodkind]

Le due citazioni in apertura mostrano quello che penso delle fake news; in italia non si agirà mai contro le fake news perché metà dei giornalisti son talmente stupidi da non distinguere una verità da una falsità e l’altra metà è pronto ad inventarsi le peggiori cazzate “pro domo sua”.

Alle fake news poi abbocca solo chi ha già voglia di abboccare; sarebbe interessante vedere quanti, non politici, hanno preso per oro colato il servizio delle iene su SOX, quale sia la loro formazione e quali siano le loro idee sull’ambiente. Direi tendenzialmente: “verdi con scarse competenze in fisica e scienze”. Le fake news, atroce anglismo per dire balle colossali, attecchiscono dove c’è già un terreno fertile. Per eliminarle occorre rendere le persone capaci di pensare e valutare. Ma ciò ha una controindicazione: quando una persona valuta, valuta tutto, non rifiuta sdegnato le sirene di una parte e accetta incondizionatamente quelle dell’altra. Cosa più detestabile per tutti che l’avere qualcuno che segue adorante le sirene dell’altra fazione.

E quindi a cosa serve discutere di fake news? semplicemente ad avere qualche argomento “forte” che giustifichi il poter censurare quello che potrebbe essere scomodo, attaccando, con il solito ad personam, chi lo dice e non cercando di confutare quello che viene detto. Anche perché se si incarcerassero domani tutti i giornalisti che hanno scritto una qualche fake news, dopodomani i giornali pubblicherebbero solamente cruciverba e bollettini meteo.

Gran Sasso: così il “metodo Iene” mina le istituzioni scientifiche – Il Foglio

Magistrale articolo del foglio sulla vicenda. La conclusione

L’Italia è, tra i paesi occidentali, uno di quelli che hanno il più basso livello di fiducia nelle istituzioni e nella democrazia. Le campagne mediatiche e politiche che insistono nel prendere a picconate, usando il sospetto e la menzogna, anche quel poco che è rimasto di parzialmente sano, come le istituzioni scientifiche, stanno perseguendo malvagiamente l’obiettivo di trascinare il paese in una nuova barbarie civile.

Per quanto sconfortante possa essere è purtroppo vera.

Sorgente: Gran Sasso: così il “metodo Iene” mina le istituzioni scientifiche – Il Foglio

Sulla risoluzione SOX della commissione attività produttive dell’abruzzo

Fonte: https://www.consiglio.regione.abruzzo.it/acra/esperimento-soxapprovata-risoluzione-del-m5s

22/11/2017 – 17:25)

(ACRA) – Approvata all’unanimità in Commissione Attività produttive la risoluzione del M5S che chiede il blocco immediato e definitivo dell’esperimento radioattivo SOX nei laboratori INFN del Gran Sasso. “Siamo soddisfatti” – spiega il Consigliere Riccardo Mercante – “Questa risoluzione approvata da tutta la maggioranza e da tutti i gruppi di opposizione impegna il presidente e la giunta tutta della Regione Abruzzo a mettere in campo tutte le azioni necessarie per interrompere e bloccare in modo definitivo, senza se e senza ma, l’esperimento. Della sua pericolosità abbiamo già argomentato precedentemente, così come dell’assoluto silenzio della Regione relativo all’autorizzazione rilasciata già due anni fa. Abbiamo messo in campo ogni azione possibile dentro e fuori dal palazzo per bloccare questa pericolosa operazione. Alle nostre numerose battaglie si aggiungono anche le dichiarazioni rilasciate dal direttore dei laboratori dell’INFN alla trasmissione le Iene: “Siamo noi nel posto sbagliato se li c’è la captazione dell’acqua”…ed ancora “Come direttore di laboratorio se potessi decidere di non erogarla sarebbe un grande sollievo per me”. Questo Governo Regionale non può continuare ad operare in questa direzione mettendo a rischio un patrimonio acquifero immenso e la salute di 800.000 cittadini. L’esperimento radioattivo deve essere immediatamente bloccato revocando qualunque tipo di autorizzazione data in precedenza. Colgo l’occasione per porgere a nome della Regione Abruzzo come istituzione e di tutti i suoi residenti le più sentite scuse alla giornalista Nadia Toffa per l’ atteggiamento del Presidente D’Alfonso nei suoi confronti”. (com/m.f.)

Dell’idiozia di tale risoluzione, dal punto di vista dei motivi scientifici e di merito, hanno già parlato tanti altri molto più titolati di me. Io invece vorrei far notare un altro fatto: che in Italia si ha difficoltà ad accettare che un procedimento amministrativo si concluda con una decisione “sgradita” e si cerca in tutti i modi di ostacolarne l’attuazione con tecniche di guerriglia e dilatorie.

In nome della certezza del diritto, se si è giunti ad una decisione definitiva nella quale non si può più entrare nel merito, tale decisione dovrebbe diventare effettiva. Altrimenti, se fosse possibile rimangiarsi dall’oggi al domani qualsiasi decisione, anche sulla base di argomentazioni vaghe e fumose, chi investirebbe in italia? Quale costruttore si azzarderebbe a costruire se scoprisse che, dall’oggi al domani solo perché a qualche politico son girate le scatole, le autorizzazioni sono carta straccia? Quale azienda investirebbe per aprire un impianto per poi vederselo bloccare perché nonna Pina pensa che emani karma negativo che ostacola la fioritura dei suoi gerani?

L’effetto di questa mentalità nelle opere pubbliche è dannato: consideriamo una azienda, la ACME, che vince una gara d’appalto. E prima di iniziare viene bloccata da mille cavilli e manifestazioni di protesta. Quei ritardi nell’avvio causano ovviamente dei costi extra all’azienda, costi della quale lei non è direttamente responsabile e che quindi può ricaricare sulla stazione appaltante. E chi paga quei costi extra? L’ente che vede lievitare il costo dell’opera dall’X inizialmente previsto a X+cifrone. Ecco un motivo della lievitazione dei costi della TAV, o del TAP, tanto per avere esempi reali.

Il fatto è che una volta giunti ad una decisione, a meno che tale decisione non sia stata presa in maniera fraudolenta, quella è e conviene mettersi il cuore in pace. Invece molti vogliono fare i paladini della gggente facendo colossali danni. Danni che però si guardano bene dal pagare e dal prendersene la paternità.

Se si blocca l’esperimento, chi paga i danni? ovviamente se l’esperimento si blocca per scelta unilaterale del governo dell’abruzzo chi risarcisce l’INFN dei danni dovuti alla perdita dei finanziamenti? alle penali per la rottura di contratti di fornitura? alla perdita di lavori dell’indotto? Non si sta parlando di bruscolini. Mi chiedo quanti che adesso si stanno spellando ad applaudire continueranno gli applausi entusiasti quando i soldi di quei risarcimenti dovranno essere trovati nel bilancio della regione.

Quando ci si lamenta dell’aumento “monstre” dei costi delle opere pubbliche in italia o del perché molte aziende non vengano qui ad investire ma preferiscano delocalizzare, forse una qualche riflessione sui comportamenti descritti sopra sarebbe opportuno farla invece di limitarsi a frignare: politici corrotti, aziende farabutte, tutti ladri contro la gggente onesta e studiata.