Problemi disciplinari a scuola…

Dato che sono un duro non mi aspetto di piacervi, ma più mi odierete più imparerete!
[full metal jacket]

A quanto pare la notizia del momento è il comportamento da teppisti di alcuni studenti.

Non mi stupisce; da neolaureato ho dovuto insegnare matematica e fisica in un corso di formazione professionale, uno di quei corsi fatti per levare i ragazzi dalla strada ed insegnare loro un mestiere. Inizialmente il coordinatore era per la “comprensione”; erano ragazzi che venivano da situazioni difficili, dovevano essere compresi ed accolti. L’effetto fu che i ragazzi facevano a gara a chi la faceva più grossa, situazione pessima.

A febbraio si arrivò al punto di rottura: un ragazzo, non del mio corso, staccò un estintore a polvere dal muro e si divertì a spruzzare compagni e la docente usandolo come schiuma scherzo da carnevale. Ci fù una riunione di tutti i docenti e il coordinatore venne costretto “son’è corru1” a diventare leggermente più rigido con la disciplina.

Venne instaurato un regime di terrore giacobino: tre note sospensione, cinque sospensioni espulsione, non si sarebbe entrati nel merito delle note: un docente poteva scrivere “ammonisco Tizio perché ieri il Cagliari ha perso” e tizio avrebbe avuto la nota. L’idiota dell’estintore venne espulso e i più scalmanati si fecero tre giorni di sospensione, avvisati che altre due e poi cartellino rosso.

La disciplina migliorò sensibilmente e, dopo il tirocinio, quando i ragazzi capirono che c’era possibilità di assunzione, qualcuno tornò dal tirocinio con un pre contratto di assunzione2, si rivelarono voler imparare (e recuperare il tempo precedentemente perso).

Cosa imparai da quella vicenda:

  1. Che in certi casi vieni messo davanti alla scelta se perdere un ragazzo per salvare una classe o perdere tutta la classe. L’autore dello scherzo con l’estintore di fatto venne “perso” ma si riuscì a “salvare” gli altri. Il voler salvare tutti spesso si traduce nel non riuscire a salvare nessuno. In certi casi, purtroppo, vale la massima di Mao: colpirne uno per educarne cento.
  2. Che la cosa migliore non sono i pipponi solenni infarciti di retorica e belle parole; poche regole chiare, rispettate in primis dai docenti, si insegna con l’esempio prima che con le parole. Uno studente che vede un docente “che se ne sbatte” penserà che anche lui può “sbattersene”, e fatte rispettare. E chi è dentro è dentro e chi è fuori è fuori. Dura lex sed lex.
  3. Che basti il docente è una stronzata colossale; il primo a doversi motivare è lo studente, il docente può aiutare ma è lo studente a scegliere di voler imparare o voler cazzeggiare. Deresponsabilizzare ad oltranza lo studente è nocivo, cresci un bambinone incapace di prendersi le sue responsabilità. Spiace dirlo ma come esempio di didattica Paul Kersey è anni luce avanti rispetto a John Keating.


  1. Modo di dire campidanese, letteralmente “al suono del corno”, quando qualcuno viene costretto a fare le cose usando le maniere “decise”. 
  2. La condizione per essere assunto in azienda era il conseguimento della qualifica di operaio specializzato. Se conseguivano la qualifica l’assunzione sarebbe scattata da fine agosto. (il tirocinio venne fatto a maggio). 
Annunci

Il problema dell’Italia con l’inglese

Rilancio quest’ottimo articolo.
My 2 cent’s: in italia tutti dobbiamo essere, almeno apparentemente, uguali. L’invalsi, l’inglese sono odiati perché mostrano, impietosamente, che l’uguaglianza è una balla. Che, in media, un 10 in Calabria non vale quanto un 10 in Lombardia. Che ci son persone capaci di leggere un grafico, capire un testo scritto, andare a londra e riuscire a comprare un poco di pane ed il biglietto dell’autobus e persone, nello stessa classe che invece non ne son capaci.
Anche se “ufficialmente” son tutti allo stesso livello.

Il brutto è che se non te ne accorgi a scuola, del tuo valore reale, poi te ne dovrai accorgere quanto vieni a contatto con il mondo del lavoro, ed in quel caso il risveglio è molto doloroso e la correzione è molto più faticosa.

Buseca ن!

Il problema dell’Italia con l’inglese individua molto bene alcune

Dalla battaglia del Politecnico alle prove Invalsi: e se la vera distinzione di classe fosse fra chi lo sa e chi non lo sa?

Direi piuttosto che è la prova del fallimento della scuola statale.

View original post 295 altre parole

Cambridge Analytica? Facebook? Bischerate…

Fa riflettere, e molto.

BarneyPanofsky

Mentre tutto il mondo sta ancora pensando a quanto cattivo sia stato Mark Zuckenberg a vendere i dati di mezzo mondo a Cambridge Analytica (magari commentando su Facebook, tanto per gradire…), oggi ho letto una notizia che secondo me è molto, molto più preoccupante,

E non si tratta di Fico presidente della Camera, o di quell’altra che credeva che Ruby fosse davvero la nipote di Mubarak, quella dico che ora è presidente del Senato e tutti a dire “Meno male che la Boldrini è uscita dalle palle!” (ma non era alla Camera, la Boldrini?).

No, è una roba che  ho letto su slashdot (per gli amici /.), un aggregatore di notizie geek da tutto il mondo.

Oggi tra le mille news che interessano poco più o meno tutti c’era questa qua, che dice più o meno questo: “lavoratori dell’industria del sesso denunciano l’improvvisa scomparsa di contenuti pornografici dal…

View original post 732 altre parole

Iacoboni e i grillini, stavolta hanno ragione loro

Riprendo un commento fatto nel blog di Fallischaung riguardo all’esclusione di Iacoboni dalla convention dei grillini;

Per me i grillini hanno ragione ; ad una mia convention io invito solo chi mi va a genio. Siccome non esiste alcuna legge che mi impone di far entrare qualsiasi giornalista voglia farlo, io posso, legittimamente, fare qualsiasi selezione all’ingresso. E questa selezione non è affatto un attentato alla libertà di stampa.

Iacoboni è ancora libero di scrivere quello che vuole? qualcuno ha impedito fisicamente o minacciato Iacoboni per impedirgli di esprimere le sue opinioni? Che io sappia no. Inoltre credo che il lavoro del giornalista vada un poco oltre la mera copia di veline ma comprenda anche il reperimento dell’informazione, soprattutto se tale informazione vuole essere, goffamente, tenuta nascosta.

Per questo trovo, che in questo caso, gli attacchi ai grillini colpiscano il bersaglio sbagliato; più che attaccarli per non aver accreditato Iacoboni blaterando di un inesistente attentato alla libertà di stampa, sarebbe da chiedere loro come mai “il partito della trasparenza” alle sue convention accredita solo “pennivendoli” allineati e coperti alle sue posizioni che si limitano a trascrivere le veline di partito. E le dirette? e lo streaming?

A me i grillini ricordano tanto il comunista di questa barzelletta

Due comunisti si ritrovano, come tutte le sere, alla
sezione del partito.
Il primo chiede all’altro:
«Se tu possedessi due palazzi nel centro storico,
che cosa ci faresti?».
Il secondo, prontamente:
«Ne donerei subito uno al partito!».
L’altro insiste:
«E se avessi due appartamenti?».
«Uno a me e uno al partito!».
«E se avessi due barche a vela?».
«Una a me e una al partito!».
«E se avessi due Ferrari?».
«Una a me e una al partito!».
«E se avessi due biciclette?».
«Ah, no, quelle ce le ho veramente…»

Fare solenne rinuncia di quello che non si possiede è facilissimo, il problema è rinunciare a quello che invece si possiede. I grillini hanno rinunciato a tutto quello che non possedevano, quando hanno iniziato ad avere hanno iniziato a rinunciare di meno…

Perché quindi non li si attacca sulla “trasparenza” più che su Iacoboni? Perché se si batte il tasto “trasparenza” scatterebbe automatica la risposta: “è allora gli altri?” che sarebbe, cosa grave, fondata. L’impressione sarebbe la stessa di sentire Valentina Nappi  dare della “svergognata” a Sasha Grey.

il giustiziere dei social

Molti scambiano FB per un giustiziere ed uno sfogatoio facendo spesso colossali errori e castronate. Come nell’articolo di repubblica che ho riportato. Pur prendendo per buono il racconto della presunta vittima, ci sarebbero due riflessioni da fare:

  • La prima è che la giustizia “fai da te”, se non giustificata dalla legittima autodifesa o dallo stato di necessità, non è mai ammissibile. Vieni aggredita, reagisci e fai male ad un aggressore, ci può stare. Pubblicare a mente fredda, dopo che il pericolo è passato, foto “ad usum sputtanandum no”.
  • La seconda è che il tribunale di FB non va tanto per il sottile e, nei social, gente pronta a cogliere ogni minimo pretesto per esercitare lo sport del lancio della merda contro il ventilatore non manca di certo. Se il tribunale di FB dice che è colpevole allora è colpevole, anche se si tratta di un povero cristo che non c’entra nulla.

fonte: http://torino.repubblica.it/cronaca/2018/04/08/news/torino_pubblica_su_facebook_la_foto_del_molestatore_il_social_le_blocca_il_profilo-193297015/?ref=fbpr

Torino, pubblica su Facebook la foto del molestatore. Il social le blocca il profilo
La ragazza: “Volevo proteggermi”. L’immagine divulgata sulla pagina di un gruppo femminista. I parenti dell’uomo: “Ci scusiamo, ha problemi di alcol”

di CARLOTTA ROCCI

Torino, pubblica su Facebook la foto del molestatore. Il social le blocca il profilo

C’è una voce che Giulia, 26 anni, esperta di comunicazione e marketing, non riesce a dimenticare. E’ quella dell’uomo che, venerdì sera, sul tram 4, le ha detto: “Tu dovresti succhiarmi….”. Un messaggio inequivocabile corredato da gesti altrettanto espliciti. “Parlava con un tono roco, sussurrava.Sono rimasta pietrificata”, racconta la giovane. Una cosa, però, l’ha fatta: ha scattato una foto al suo molestatore con il cellulare e l’ha pubblicata su Facebook corredata dal resoconto di quello che le era accaduto. L’immagine è diventata virale in meno di 24 ore con oltre duemila commenti e settemila condivisioni sui social.

Prima cosa: ai sensi della costituzione una persona è colpevole se, e solo se, c’è una sentenza passata in giudicato. Anche in passato ci son stati casi di “colpevoli certi”, condannati dal tribunale dei media e poi assolti dal tribunale “vero”. Un minimo di cautela o di dubbio forse sarebbe il caso di porselo. Anche perché se i giornali son i primi a saltare da inquisito a colpevole certo, dopo scandalizzarsi perché tanti pensano che un inquisito sia un colpevole certo è solamente pura ipocrisia.

“Non immaginavo di innescare tutto questo – racconta la ragazza che alla fine, ieri pomeriggio, ha cancellato il post – Non era mia intenzione mettere alla gogna quell’uomo, nonostante tutto. Anzi quando gli ho scattato quella foto, l’ho fatto a mia tutela perché temevo che le cose potessero degenerare e che avrei avuto bisogno di una prova da portare alla polizia. Ero convinta che alla fine avrebbe provato a toccarmi. Non avevo pensato di pubblicarla”. Lo ha deciso più tardi, dopo averne parlato con gli amici: “Mi sono detta che se a qualche mia amica fosse capitato di incontrare quella persona sul bus era meglio che conoscesse la sua faccia”. Una specie di cartello “wanted” ai tempi dei social network che alla fine ha rischiato di farla passare dalla parte del torto almeno a giudicare dalle critiche ricevute sui social, tanto che alla fine la ragazza ha cancellato post e foto. “Il problema è che molti hanno scritto e commentato senza leggere quello che era accaduto. Le persone si schierano a casaccio, e lo fanno anche le donne. Non era questo il meccanismo che volevo innescare”. E il social ha deciso di bloccarle il profilo. (…)

Non “ha rischiato di farla passare dalla parte del torto” c’è andata e di brutto. Cosa abbiamo? solo il racconto della presunta vittima e basta. Capisco quanto possa essere spiacevole ma, “lo sputtanare” non è un comportamento da tollerare. La gogna è una barbarie medievale. Se il tizio è pericoloso deve essere la magistratura a muoversi, non la giustizia fai da te dei social. Ci vuol poco a far diventare uno sputtanamento “virale” e se il tizio poi avesse incontrato uno dei tanti paladini da strapazzo che infestano i social?
E se, come capitato in questo caso, chi ci passa è una persona che non c’entra niente colpevole solo di somigliare ad un inquisito?
Per il resto il blocco di FB mi sembra il minimo; usare i social per “diffamare”, pur con tutte le più pie intenzioni del mondo, è un abuso oltre che un comportamento scorretto.

La vicenda non è finita nero su bianco in una denuncia: “Ho scelto di aspettare perché non credo che sia la soluzione. Chi si comporta in questo modo, forse, non ha gli strumenti etici per capire quello che ha fatto e non penso che una denuncia sia utile”. Anche la sua foto pubblicata su Facebook e rilanciata (e poi rimossa) dalla piattaforma “Non una di Meno”, però, suona come una punizione. Ora la donna vorrebbe incontrare il suo molestatore: “Tra i tanti commenti su Facebook ho trovato anche un familiare di quell’uomo – racconta – Mi ha spiegato molte cose di lui e mi ha proposto un incontro. Credo che accetterò e se sarà possibile incontrerò anche quel signore perché chi è vittima di questi episodi ti chiedi che cosa sia passato per la testa dell’altra persona e un incontro, in una situazione sicura, con lui, potrebbe farmi bene”.

La storia che non ci sia stata una denuncia mi lascia perplesso; perché? Senza denuncia, e conseguente condanna, non si può parlare di colpevolezza dimostrata “in tribunale” e quindi si dovrebbe parlare di calunnia e sputtanamento.

Faccio un poco il malfidente: e se quello di Giulia fosse invece stato uno scherzo “sfuggito di mano”? Quello che molte “paladine del social” non capiscono è che basta pochissimo per sputtanare un innocente, una foto, una storiella verosimile e la frittata è fatta. Anche perché, come capita spesso, la bufala ha un altissimo impatto e la smentita un impatto molto, ma molto minore.

Quello che non mi è piaciuto dell’articolo di repubblica è il presentare “Giulia” come vittima della censura di FB e non come una persona che, anche se inavvertitamente e con tutte le migliori intenzioni del caso, ha fatto una stupidaggine abbastanza grave.

avere opinioni diverse, e manifestarlo, non è proibito dalla legge…

… e siccome non è esplicitamente ed espressamente proibito allora è permesso.

riprendo un mio vecchio articolo che scrissi durante le polemiche riguardo all’approvazione della legge Cirinnà sui patti di civile convivenza,  perché ho notato che il manifesto “pro vita” sta scatenando le stesse reazioni che avevano scatenato le sentinelle in piedi.

Un sacco di reazioni scomposte di gente che desidera che le opinioni, qualsiasi esse siano, che non condivide sia resa illegale e pertanto censurabile. Molti si twitter si lamentavano dell’illegalità del manifesto ma, quando veniva posta la domanda precisa su quale legge avesse violato quel manifesto, svicolavano o non rispondevano.

Questo tread nato a seguito di un tweet di marco cappato è illuminante

Marco Cappato
Tengo a precisare che considero la rimozione del manifesto anti-abortista un atto di censura, come tale ingiustificabile.

DoctorB
‘Hate speech’ è un reato in molti paesi. Manifesti apertamente razzisti o promotori di violenza, terrorismo o discriminazione non posso ne debbono essere tollerati da uno Stato civile. Lo stesso vale dunque per il manifesto al quale si riferisce. Tweet sbagliato, caro Cappato.

Marco Cappato
Che contenesse una istigazione del tipo di quelle da Lei citate mi pare quantomeno opinabile.

DoctorB
Terrorismo psicologico, discriminazione sulla base di scelte lecite e personali, potenzialmente anche istigazione alla violenza contro coloro le quali quelle scelte le hanno legittimamente compiute. La mia ‘opinione’ è questa e plaudo quindi la scelta di rimuovere il manifesto.

Istigazione alla violenza? terrorismo psicologico? discriminazione?  Interessante notare come si cerchino pretesti per nobilitare una bieca censura. Non è stato comunque un caso isolato; molti battevano con forza sull’illegalità del manifesto perché esercitava “violenza psicologica”.

Il problema è che banalizzare così la violenza psicologica facendola apparire come un jolly per consentire a frignoni capricciosi di non sentire cose che non condividono significa, come prima cosa, far considerare bugiardo e frignone anche chi tale violenza la subisce realmente.

Prendiamo il caso del fascismo; a furia di frignare che Salvini era fascista, Di maio idem, Renzi pure, chiunque non sia d’accordo completamente con me è fascistissimo, che qualunque “vera sinistra DOCG IGP, diffidate dalle imitazioni” diversa dalla mia sia fascista, si è persa la drammaticità del periodo fascista e oramai la parola fascista ha perso qualsiasi significato legato al periodo diventando al più un sinonimo di bulletto e di stronzo.

Per il resto uno dei capisaldi della democrazia è che “ciò che non è proibito espressamente dalla legge è permesso” e l’avere opinioni diverse, se si rimane nei binari della legge, ovvero senza cadere in insulti, diffamazioni,  ingiurie, calunnie et simili, è una cosa perfettamente lecita. Per quanto le opinioni possano essere non condivisibili e riprovevoli.

L’alternativa è uno “stato etico” dove ciò che è lecito e ciò che non lo è non lo decide la legge ma lo decidono gli umori della piazza, ovvero un ritorno al periodo della caccia alle streghe di Salem. Ed io non ci tengo a tornare a quel periodo.

Un ultima riflessione; si è, realmente, per la libertà di parola se si è disposti, in suo nome, a sentire anche idee che non ci trovano d’accordo e che mai condivideremo. Altrimenti non si è per la libertà di parola ma solo per il capriccio di voler dire quello che piace e che nessuno possa dire quello che invece non ci piace.

Qui riporto parte di quello che scrissi a suo tempo:

Siccome non esiste una legge che mi vieta di chiedere l’abrogazione dell’articolo 3 della costituzione io sono libero di manifestare, pacificamente e nel rispetto della vigente normativa, per chiedere che venga abrogato.  (…) non esiste alcuna legge che vieta di manifestare contro un DDL proposto in parlamento quindi io posso manifestare contro quel DDL…

È lo stato liberale darling. Sei libero di preferire una dittatura e di manifestare per quello. Però poi, se vieni accontentato ma la dittatura non ti garba, non piangere…

Io continuo a preferire lo stato liberale.

Il manifesto pro vita e la libertà di parola

Stavo leggendo le polemiche sul manifesto “pro vita” comparso a roma. Devo dire che la questione è stata gestita nel peggiore dei modi possibili.

Prima cosa; per me essere per il diritti alla libera espressione significa accettare l’obbligo di dover tollerare che anche gli altri possano esprimersi liberamente e dire, sempre che rimangano nei binari della legge, anche cosa che non ci trovano affatto d’accordo. Essere per la libertà di parola purché si possa dire solo quello che piace significa essere per la libertà di parola tanto quanto i capibastone fascisti.
Ed usare il “l’argomento X non deve essere usato perché offende” è un modo vigliacco per dirsi contro la libertà di parola.

Seconda cosa: in uno stato di diritto, tutto quello che non è espressamente proibito dalla legge è permesso. Scavalcare la legge cercando mille “alte” motivazioni etiche è un comportamento da stato totalitario. E la motivazione che qualcosa “disturbi” a qualcuno non è una valida motivazione legale, stop. Faccio notare come negli articoli “contro” si parli di attentato contro i diritti delle donne, contro la libertà di scelta ma non si dica: ai sensi della legge XYZ tale manifesto è illegale e pertanto non deve essere autorizzato. Permettere lo scavalco della legge per “motivi etici” è stato il grimaldello che ha aperto la porta alle peggiori porcate degli stati totalitari.

Terza cosa: sono abortista e penso che la donna abbia il diritto all’aborto, ma tale diritto non lo proteggi evitando di mostrare le conseguenze dell’uso di tale diritto o evitando che tale diritti venga esercitato in maniera consapevole. Che che se ne dica un aborto non è una seduta dal parrucchiere per cambiare taglio e non è una scelta da prendere a cuor leggero. In questa occasione sarebbe stato molto opportuno aprire il discorso sulla contraccezione; ricordo cosa disse il mio insegnante di religione del liceo: “Il sesso prematrimoniale è peccato ed è vietato dalla morale cattolica, però se peccate vedete di peccare cercando di fare meno danni possibili e prendete precauzioni.”1
Ho l’impressione che chi protesti contro il manifesto sia lui ad usare il corpo delle donne come “nobilitatore” per la sua lotta, per spostare la lotta dal campo delle discussioni e dei diritti nell’assoluto “bene contro male”. Buffo che spesso siano i primi a stracciarsi le vesti quando tale “giochetto” viene tentato dall’altra parte.

Quarta cosa: come ha scritto Mattia, quelle informazioni sono scientificamente corrette; temo che molti desiderino una nuova scienza politically correct e rispettosa delle minoranze e che nobiliti al rango di teoria accreditata qualsiasi punto di vista personale. Cosa che a me più che il rispetto delle persone ricorda tanto la scienza germanica opposta alla scienza giudaica[^2].

Ultima cosa, cito un altra mia docente, quello di filosofia:

Ogni diritto implica sempre due doveri: il dovere di non abusarne ed il dovere di permettere agli altri di godere dello stesso diritto.  Se tali doveri mancano allora non si sta parlando di “diritti” ma di arbitri e capricci.

[^2:] Stonzata colossale che però ebbe il vantaggio di far perdere la germania nazista nella corsa verso la bomba atomica.


  1. Buffo che molti sostengano che non si usino i sistemi contraccettivi per colpa della morale cattolica; morale che vieta anche il sesso al di fuori del matrimonio. Sono vietate entrambe eppure la prima si fa nonostante ciò mentre il secondo divieto, meno grave poi, viene rispettato pedissequamente… mah. 

Controesempi

Donna spara nella sede di YouTube
“Nel mirino c’era il fidanzato”

Le forze dell’ordine nella sede di YouTube La pista del terrorismo è stata esclusa: questa la novità più importante, emersa nel corso della notte, sulla sparatororia avvenuta nel pomeriggio di ieri a San Bruno (California) nella sede di YouTube.La donna che ha fatto irruzione negli uffici – identificata come Nasim Aghdam, 39 anni – voleva colpire il fidanzato, e ha fatto fuoco contro diverse persone, colpendone quattro, per togliersi infine la vita.

Sorgente: Donna spara nella sede di YouTube “Nel mirino c’era il fidanzato” – Cronaca – L’Unione Sarda.it

  • È una lei che vuole uccidere un lui e non viceversa.
  • Non è bianca, è persiana.
  • Non è una fanatica trumpista.
  • Attivista per i diritti degli animali

Praticamente tutto il contrario della corrente narrazione strappalacrime dei media su femminicidio, violenza dei bianchi, militarismo trumpista etc. etc.