bella ciao ed il crocifisso

Il discorso con mauro mi ha fatto pensare agli oggetti che spesso vengono “adottati” come simbolo da un partito o da un movimento e questa acquisizione fa perdere il significato originario del simbolo che viene sostituito da un nuovo significato.

Prendiamo ad esempio il crocefisso; si tratta di un simbolo della religione cristiana che, per chi vi crede, ha un significato religioso preciso; e da cristiano sono il primo a dire che deve essere trattato seriamente e non come il gagliardetto del Jesus Crist Football Club. Per questo io sono favorevole che venga eliminato da tutti gli edifici pubblici italiani. Lo stato, civile, deve essere aconfessionale ed areligioso; negli edifici pubblici ci devono essere solo simboli “dello stato”. Questo per ribadire due cose: che lo stato deve essere “neutrale” e che lo stato è presente.

Per questo condivido le richieste di chi vuole che venga eliminato il crocefisso, la sua esposizione nei luoghi “dello stato” è una conseguenza dei patti lateranensi e della “pace” stipulata in seguito ad essa con il vaticano. Il crocefisso esposto è stato snaturalizzato dal suo significato religioso ed è stato ridotto a gagliardetto di partito. Quindi è giusto che venga eliminato in nome della neutralità dell’istituzione.

“Bella Ciao” ha seguito un percorso simile: da simbolo di unione è diventato l’inno di una precisa fazione politica; dal 1994 e dalla batosta elettorale la sinistra ha adottato e mitizzato la “resistenza italiana” come un simbolo di resistenza contro il fascismo prossimo venturo di berlusconi, fini e bossi. Dipingendo scenari apocalittici quasi che si stesse tornando al 1943 ed alla guerra civile. E come tutti i paragoni ha funzionato in entrambe le direzioni: se ti presenti tu come identico ai partigiani per prenderne i meriti fai sì che le tue colpe vengano attribuite a loro. Tanto per dirne il fatto che il fascismo venga percepito come “blando” e ci siano molti nostalgici è una diretta conseguenza del vizio di tirarlo fuori a sproposito quando non c’entra niente, solo per ammantarsi di virtù.

E come il crocefisso, la resistenza siccome è stato reso un simbolo politico poi, che finisca inzaccherato quando i politici, che lo adottano come simbolo, vanno a fare la lotta nel fango, è solo una ovvia e logica conseguenza.

PS

riguardo al presepe: è una tradizione ed un modo per fare qualcosa tutti assieme. Se venisse eliminato, in nome della laicità delle scuole non avrei nulla da eccepire. Purché sia in nome della laicità e non si cerchi il pretesto di non offendere le credenze di Tizio o Caio. “il non voler offendere le credenze altrui” son buone intenzioni che portano dritto dritto al disastro.

Annunci

Far west italia…

Sorgente: La denuncia choc di una giornalista: “Rom picchiata in metrò, e io insultata per averla difesa” – Cronaca, Italia – L’Unione Sarda.it

Un racconto agghiacciante che arriva da Roma, e che parla di violenza feroce, di disumanità, di quell’Italia di cui non vorremmo mai leggere né tantomeno scrivere.

A riportarlo il Corriere della Sera, che ripercorre la vicenda raccontata anche su Facebook, ma poi cancellata per paura e dopo ripetuti insulti e minacce, dalla giornalista 39enne Giorgia Rombolà.

Alla fermata San Giovanni della metropolitana linea A della Capitale, Giorgia mercoledì sera assiste ad una scena terribile: una donna rom viene fermata dai vigilantes perché accusata di furto.

La denuncia poi non sarà mai presentata, ma l’uomo che la ritiene responsabile di questo gesto, definito da Giorgia “alto e corpulento”, non è soddisfatto del “lavoro” dei vigilantes e picchia violentemente la donna, anche in testa, davanti alle urla e agli sguardi terrorizzati della sua bimba di tre o quattro anni, che nella concitazione del momento “cade a terra, sbattendo sul vagone”.

“Ci sono già vigilantes a immobilizzare la giovane (e non in modo tenero) – scrive la giornalista nel post poi rimosso – ma a quest’uomo alto mezzo metro più di lei non basta. Vuole punirla. La picchia violentemente, cerca di strapparla ai vigilantes strappandola per i capelli. La strattona fino a sbatterla contro il muro, due, tre, quattro volte”.

A questo punto Giorgia si fa coraggio e scende dal vagone provando a fermare l’uomo, ma rientrata sul treno viene affrontata e presa a male parole dagli altri passeggeri.

“Un tizio – prosegue la 39enne su Facebook – mi insulta dandomi anche della p…, diche che l’uomo ha fatto bene, che così quella s… impara. Due donne (tra cui una straniera) dicono che così bisogna fare, che evidentemente a me non hanno mai rubato nulla”. “Nessuno mi ha difesa – prosegue – tanti hanno fatto finta di niente. Questa indifferenza mi ha scioccata”.

“Due ragazzi – aggiunge – ridono e fanno battute terribili, altri dicono frasi come ‘bisogna bruciarli tutti’, mi urlano anche dai vagoni vicini ‘comunista di m…’, ‘radical chic, perché non vai a guadagnarti i soldi buonista del c…'”.

Giorgia scende alla sua fermata, con la paura che il passeggero più inferocita possa addirittura seguirla come aveva minacciato. Trovandosi invece sola si affretta verso casa e in preda all’ansia e alla paura fra le lacrime.

“Non difendevo la ladra né la rom in quanto tale – conclude Giorgia – ma c’erano i vigilantes perché picchiarla? Abito in quartiere considerato ‘per bene’, e allora mi chiedo: i ragazzi indifferenti o quelli che ridevano, i miei vicini di casa, come sono diventati?”.

Che dire? è un triste imbarbarimento ma, sarebbe opportuno riflettere sul perché “il bruto” sia stato applaudito invece che contestato e perché la giornalista che ha denunciato sia stata insultata. Ci si potrebbe dare una spiegazione autoconsolatoria “ha stato Salveeny a far impazzire la gggente” oppure prendere coraggio ed ammettere alcune cose “scomode”.

Prima considerazione: la gente ha fiducia nella giustizia e nella magistratura nella misura in cui la vede funzionare e la vede funzionare bene. Se vedi che contro la microdelinquenza, scippatori, spacciatori, balordi, non si fa niente, che le forze dell’ordine sono impotenti e, cosa peggiore, ti dicono di rassegnarti perché è inutile chiedere interventi, quello che pensi è che la giustizia “ufficiale” non funzioni per niente. E in questi casi, se non sei “protetto” dallo stato devi proteggerti da te oppure appoggi un “protettore” che poi potrebbe anche essere un “padrino1“. Se non c’è lo stato c’è il far west, sic et simpliciter. Quando lo stato si ritira spuntano fuori i giustizieri della notte.

Quello che ha raccontato la giornalista è la classica trama di un western. Tucson city è vessata da Tom il cattivo. Lo sceriffo vuoi per pavidità, vuoi per ignavia non fa nulla. La gente è esasperata ed ha paura. Un bel giorno a Tucson city arriva il pistolero John che riempie di piombo Tom il cattivo. Finisce con la gente che applaude John e magari fischia anche lo sceriffo quanto prova ad arrestare per John perché magari non ha letto a Tom i diritti prima di riempirlo di piombo.

Se lo sceriffo avesse messo Tom fra le sbarre e protetto, lui, i cittadini, pochi si sarebbero sperticati ad applaudire John il pistolero. Spiace dirlo ma è questa la verità.

Bisogna avere il coraggio di ammettere che esiste un problema di microcriminalità, e che questo problema si scarica soprattutto verso le parti “basse” della popolazione, raramente riguarda le persone dei quartieri alti. Se io ho un autista che mi scarrozza di qua e di là difficilmente avrò problemi con parcheggiatori abusivi.

Invece il problema microcriminalità si è preferito nasconderlo sotto una cappa di ipocrisia politicamente corretta, ipocrisia per la quale anche il fermare un ladro diventa una azione riprovevole “Ci sono già vigilantes a immobilizzare la giovane (e non in modo tenero) – scrive la giornalista nel post poi rimosso” sarei curioso di sapere, da parte della giornalista, quale sia il modo migliore per fermare “in modo tenero” una scippatrice che tenta di scappare. Anche questo “e non in modo tenero” alla fine porta rancore. Più che portare solidarietà alla scippatrice porta a pensare: “beh scippano, son sempre qui, nessuno fa niente e si critica chi interviene?”. Ok abbiamo una altro che, domani, fischierà lo sceriffo ed applaudirà i pistoleri.

Purtroppo certe zone sono terre di frontiera; che aggressioni anche da parte di rom sono all’ordine del giorno fra l’impotenza delle forze dell’ordine, eppure quando si provava a sollevare il problema si veniva tacitati di essere razzisti, dici questo solo perché sei razzista.  E questa ipocrisia ha impedito di ammettere e cercare di risolvere il problema, poi dopo i tanti che lottano contro chi solleva il problema, arriva l’idiota che lo risolve a modo suo, e la colpa, imho, è anche di chi ha impedito che venisse risolto prima e meglio.


  1. All’inizio del romanzo “il padrino” di mario puzo, don vito corleone viene presentato, non a caso, come un “raddrizza torti”. 

Il modo migliore per sdoganare un comportamento

è ripeterlo paro paro dopo aver passato un sacco di tempo a stigmatizzarlo; soprattutto se, alle osservazioni sul perché ci si comporti nello stesso modo che fino a ieri si condannava, si risponde con un: “ma hanno iniziato gli altri”.

Ciò si traduce in un: “l’errore non era nel comportamento ma nel fatto che lo facevano loro”. Prendiamo ad esempio Saviano, se il bersaglio è un “amico” è il primo a lagnarsi di macchina del fango, se è invece un nemico la macchina del fango viene ridenominata con “informazione corretta – diritto di cronaca”.

Devo dare onore alla Boschi che nella vicenda “babbo del dima” ha tenuto un profilo alto limitandosi ad augurare al dima di non passare quello che ha passato lei; una botta che fa male, molto ma molto più male, di tanti altri pronti a lanciare, come al solito sarebbe da dire, la merda contro il ventilatore.

Una cosa che molti sembrano invece non aver capito è che se vai a fare la lotta nel fango poi esci pieno di fango anche tu, e ciò avviene indipendentemente da ragioni e torti, vittoria o sconfitta. Finisci in ogni caso pieno di fango.

sulla giornata contro la violenza verso le donne

Maria, nome di fantasia, era una ragazza del mio liceo, molto carina e poco interessata allo studio.
Si era messa con giuseppe, un teppistello sempre pronto a fare lo spaccone, temuto perché picchiava tutti e faceva il figo con la moto e perché era già stato in riformatorio. La solita microdelinquenza di periferia. E lei, di riflesso grazie al “chiamo a giuseppe e vi faccio picchiare” faceva da piccola “bulla”. Terra terra maria stava con giuseppe perché era figo e picchiava tutti, e lei poteva fare, via giuseppe, da baby teppista oltre che brillare di luce riflessa.

Peccato che, dieci anni dopo, maria si trovò ad essere una venticinquenne senza ne arte e ne parte; maria mollò la scuola a sedici anni, con un compagno, giuseppe, manesco e con due figli piccoli da mantenere. Maria capì che a sedici anni potevi bullarti che il tuo pivello picchiava tutti e faceva paura ai tuoi compagni a scuola, a venticinque anni scopri che non può picchiare il responsabile dei servizi sociali, non può spaventare un magistrato e che cercare una rissa con i carabinieri è un comportamento alquanto controproducente. La separazione fra i due fu un poco “conflittuale” anche perché giuseppe era uno abituato a menare prima di pensare.

Oggi molti parlerebbero, giustamente, di femminicidio, di stalking e di violenza maschile da parte di giuseppe, di victim blaming, verso la povera maria. Io invece parlerei, oltre che della “cattiveria” di giuseppe anche, e molto, della di stupidità di maria. Se scegli tu il tizio perché è uno che “si fa rispettare” e picchia tutti, se ti vanti di ciò, se usi il “chiamo a giuseppe1” come minaccia verso i compagni e chi non accetta i tuoi capricci, poi non stupirti se in casa ti trovi uno violento pronto a menare. Sei stata tu a sceglierlo e l’hai scelto proprio perché un teppista “che si faceva rispettare” e di rifletto “ti faceva rispettare”; una con la sindrome della crocerossina non va in giro a vantarsi che il ragazzo è stato due o tre volte in riformatorio, raccontare delle risse cui ha partecipato e usarlo come minaccia: “o mi dai retta o chiamo a giuseppe”.

Quello che ho notato che manca nella giornata contro la violenza verso le donne è una seria educazione al “vaffanculo” da parte delle signorine: ovvero prevenire: sfanculare da subito il teppistello e mandarlo al diavolo prima è sempre meglio di curare ferite fisiche e psicologiche dopo. Perché si possono fare tutti i pipponi moralistici che si vuole ma, imho, se non si mette in chiaro che deve essere, in primis, la donna ad evitare il testa di cavolo e non starci assieme sperando che il testa di cavolo sia lui a redimersi, l’anno prossimo rimaniamo punto e a capo. Se si parla di Maria come di una santa, non si capisce come, perseguitata da satana giuseppe, e non di una che ha fatto scelte decisamente sbagliate e che si trova a dover vivere le conseguenze di tali scelte domani ci saranno tante altre maria.

E “vittime” su cui fare il piagnisteo per le future giornate non mancheranno.

Per questo io penso che nelle giornate contro la violenza verso le donne servirebbe, più che piagnisteo e pipponi moralistici, anche serie campagne di prevenzione rivolte alle signorine, svelando alcuni segreti rivelati nei corsi di logica patriarcale:

-> la prudenza serve per evitare di finire in situazioni spiacevoli. L’imprudenza non giustifica il carnefice ma spesso spiega bene perché la vittima sia diventata tale. [istituzioni di logica patriarcale]

-> se scegli lo stronzo violento (e proprio perché stronzo violento) poi ti trovi a stare con uno stronzo violento [logica patriarcale]

-> uno stronzo violento si comporta da stronzo violento [logica patriarcale superiore]

Senza, spiace dirlo, ma le manifestazioni mi sembrano tanto le frignate senza senso di gente che ancora confonde la realtà con i loro desideri. Vivere nel villaggio dei puffi sarebbe puffissimo ma purtroppo non viviamo nel villaggio dei puffi.


  1. la proposizione “a” è un costrutto del sardo, brutalmente italianizzato; in sardo i verbi come vedere, chiamare quando si parla di una persona precisa richiedono la “a” davanti al nome. 

Acquarius – i miei due centesimi

Torniamo a parlare della vicenda acquarius delle accuse di traffico di rifiuti pericolosi.

Attacco

Il solito modus operandi della magistratura mediatica italiana; si annuncia l’inchiesta e contemporaneamente si fanno uscire intercettazioni e documenti per avere una condanna “morale” in processi a mezzo media che si spera anticipi quella “giudiziaria”. Con la differenza che mentre nel processo “giudiziario” hai la possibilità di difenderti nel processo “mediatico” invece questa possibilità è enormemente ridotta.

Pacifico che si tratti di un uso “barbaro” e “snaturato” del potere giudiziario. Sarebbe opportuno che chi, fino a ieri, rompeva le scatole con il “diritto di sapere” e protestava contro le leggi bavaglio si renda conto che certe norme, le “leggi bavaglio” ad esempio, non sono “ad personam” ma servono a proteggere tutti dallo sputtanamento.

Si è lottato per il diritto di sputtanare, con buona pace dell’articolo 15 della costituzione, non ci si scandalizzi se tale diritto viene usato anche da altri. Si tratta del principio dell’escalation; se tu ti doti della bomba atomica e annunci che non avrai remore ad usarla poi non stupirti se anche i tuoi “vicini” cercheranno di dotarsi di un bel arsenale nucleare.

Difesa

Penosa; se cancellassero i riferimenti all’acquarius avrei serie difficoltà a capire se sta parlando un supporter di Berlusconi; è stato usato tutto l’armamentario difensivo che veniva rinfacciato al cdx dalla magistratura ad orologeria delle toghe “verdi” ai complotti per arrivare al potere, il benaltrimo: “e allora la terra dei fuochi”, il pensare eventuali colpe altrui più gravi assolvano dalle proprie, gli attacchi delegittimanti verso la magistratura, la difesa dal processo invece che nel processo.  Ho letto le dichiarazioni di Saviano; in questa vicenda non ha nulla da invidiare ad un Ghedini dei tempi migliori.Buffo vedere gente che su twitter invoca la pena di morte per chi abbandona una buccia di banana in un bosco sbracciarsi per dire che i rifiuti contaminati da fluidi biologici come il sangue sono tutto sommato  innocui.

Conclusioni

Tanti, troppi criceti che ragionano in binario: i buoni buonissimi non fanno mai niente di cattivo ed anche il solo pensare che, almeno in linea teorica, possano fare qualcosa di cattivo è un vile attacco verso di loro, attacco che ti fa inserire immediatamente fra i cattivi cattivissimi. Mentre i cattivi son cattivissimi, tutto quello che fanno è cattivissimo e qualunque cosa vada contro di loro, è sacrosanta e, per definizione, buonissima.

 

Cominciano i cortocircuiti…

Cominciano i cortocircuiti fra le categorie “oppresse” dal patriarcato; trans vs femministe. Sarà un bello spettacolo.

Sorgente: La transgender Sandra contro Birgitte, guerra degli spogliatoi in Norvegia

Birgitte vive a Stavanger in Norvegia ed è un’assidua frequentatrice del Sis Sportssenter. Un giorno, nel luglio del 2016, nota la presenza nello spogliatoio femminile di una persona con i genitali maschili e gli chiede se non avesse sbagliato stanza. «No sono una donna a tutti gli effetti e ho il diritto di stare qua» risponde Sandra, che ha cambiato genere senza operarsi grazie alla legge sull’identità sessuale approvata nel 2016. Una risposta che non cancella la sensazione di disagio di Birgitte che si rivolge ai dirigenti della palestra i quali le assicurano che gli uomini non possono entrare nello spogliatoio femminile. La ragazza si tranquillizza ma dopo qualche mese, a febbraio del 2017, incontra Sandra e, forte del parere già ricevuto, le chiede di andare via. L’altra scoppia: «Ma quale problema hai? Questi non sono affari tuoi. Io ho tutto il diritto di stare qui».

qui c’è un bellissimo cortocircuito; ha più ragione una donna che si sente a disagio a farsi vedere nuda davanti ad un “uomo biologico” oppure un “uomo biologico” che si sente donna mentale e che pertanto non vuole andare nello spogliatoio degli uomini biologici cis?

La campagna mediatica
Nel marzo 2017 Sandra fa causa a Birgitte per molestie. Il caso finisce sui giornali. Vengono pubblicati molti articoli di appoggio alla donna transgender: «Dove deve andare a farsi la doccia Sandra? Dovunque voglia farsi la doccia. Costringerla a frequentare lo spogliatoio maschile solo perché ha un organo genitale maschile sarebbe un abuso nei suoi confronti» scrive Karoline Skarstein sul quotidiano Stavanger Aftenblad. Sullo stesso giornale esce un articolo a firma del gruppo femminista Ottar in cui si chiede di considerare il bisogno di privacy delle donne. Ma la campagna mediatica non si ferma: Birgitte viene descritta come transfobica, intollerante, cattiva. Lei va in crisi ed è costretta a prendersi un congedo per malattia dal lavoro.

Vicenda decisa mediante ordialie a colpi di shitstorm; a furia di progresso si sta tornando al medioevo? Facciamo un bagno per ogni orientamento sessuale? Da notare anche il modus operandi: se provi disagio e lo manifesti non sei una persona che prova disagio, no, sei il cugino in primo grado di Hitler e diventi il bersaglio dei tanti giustizieri da strapazzo che impestano i social network.  Btw mi chiedo: se Birgitte fosse stata una islamica praticante sarebbe ancora dalla parte del torto oppure siccome più obbressa di un trans sarebbe passata dalla parte della ragione? Ai postumi (della sbornia) l’ardua sentenza.

Il processo
In tribunale Sandra è rappresentata da Legal Aid for Women che sostiene: «Se alle donne con il pene viene negato accesso agli spogliatoi femminili, quale spogliatoio dovrebbero mai usare? Se esistono degli spazi separati è perché le donne non si sentono al sicuro in una stanza con degli uomini, allora sarebbe strano costringere un gruppo di donne a usare gli spogliatoi maschili. Ricordiamo che le donne trans sono più a rischio di molestia delle donne cis (quelle che si identificano con il genere di appartenenza alla nascita ndr)». D’altro canto l’avvocato di Birgitte chiede che «sia considerato il disagio delle ragazze e delle donne che sono costrette a farsi la doccia accanto a una persona con genitali maschili».

“alle donne con il pene” ROTFL. Una domanda che sarebbe divertente da fare alle femminare nostrane è se nelle quote rosa son comprese anche le “donne con il pene”; penso si vedranno un bel po’ di capriole ed avvitamenti…

Assolta

La sentenza arriva il 12 ottobre. La giuria si spacca ma Birgitte viene assolta con due voti a favore contro uno contrario. Per lei, però, il calvario non è finito: «Quando le chiedo della palestra — ha scritto la femminista svedese Kajsa Ekman su Facebook — lei mi risponde che non usa più gli spogliatoi e si fa la doccia a casa. Aggiunge che molte altre donne hanno manifestato lo stesso disagio e si cambiano in bagno quando c’è la donna trans». Per Ekman, autrice di molti libri sui diritti delle donne, «i nostri spazi si sono ristretti, questa è la conseguenza della legge sull’identità sessuale. I sentimenti delle donne e la loro sicurezza non sono considerati importanti. Se una persona protesta viene trascinata in tribunale. È chiaro che queste leggi non hanno nulla a che fare con il femminismo». Lo scorso febbraio l’intervento di Ekman alla conferenza sulla pornografia e la prostituzione a Göteborg, in Svezia, è stato cancellato dopo che lei aveva espresso dubbi sul concetto di «genere come costrutto sociale e non biologico».

Se il genere è un costrutto sociale, la biologia viene messa in secondo piano; si arriva all’assurdo che una donna “donna” bianca venga superata, nella scala delle persone “obbresse” da un maschio bianco eterosessuale che si sente di essere una donna lesbica di colore. Purtroppo il “gender” è stato reso un dogma religioso e questo ha implicato l’allontanamento da l'”ecclesia” di chiunque metta in dubbio tale sacro dogma. Parafrasando nenni: a furia di voler fare i puri (politically correct) salta fuori qualcuno più puro che ti epura.
Facendo una battutaccia sessista patriarcale: si son comportate come il tizio che se lo era tagliato per far dispetto alla moglie…

Sciacalli e puttane

Sembra che l’ordine dei giornalisti si sia “risentito” per le accuse di essere sciacalli e puttane partite dal governo e che stia sollevando alte grida in difesa della libertà di stampa.

Che dire? invocando il principio dell’orologio rotto penso che giggino stavolta abbia azzeccato; in italia c’è pochissimo giornalismo “vero” e tantissimo gossip; prima di lamentarsi delle accuse forse un poco di autocritica sarebbe stata gradita. Basta vedere questo esempio: viene data una notizia la cui fonte è FaceBook, non viene fatta alcuna verifica e quando i fatti, per come son stati narrati, vengono messi in dubbio con dubbi decisamente ragionevoli e fondati, si cerca di abbozzare e cambiare le carte in tavola. Se vogliamo anche altri esempi si può considerare anche questo caso un articolo costruito più per “indignare” e far condividere che per spiegare con obiettività. Per non parlare poi di quanti son diventati ricchi diventando il “novella2000” delle procure con la macchina del fango sempre attiva. Come nel caso di Ilaria Capua ad esempio.

Questo non è giornalismo; è un costruire una “narrazione” finalizzata a supportare le simpatie politiche vagamente ispirata ai fatti.

I giornali italiani vendono molte “narrazioni” e poche analisi fondate; e questo marginalmente spiega anche la crisi che stanno vivendo; perché pagare per leggere le stesse cose, indignanti, che si diffondono gratis su faccialibro o sugli altri social? Vorrei leggere analisi fondate ed opinioni autorevoli, per le chiacchiere di paese prendo direttamente qualche giornaletto scandalistico (che almeno pubblica qualche tetta in più).

Che dire in conclusione? Chi è causa del suo mal pianga sé stesso.

assoluzione giuridica e condanna morale

Stavo leggendo dell’assoluzione di virginia raggi e, come al solito direi, i soliti pennivendoli[1]  straparlano di “condanna morale”; un chicca che ho apprezzato tanto è stata la frase: “assolta perché il fatto non costituisce reato, quindi ha commesso il fatto [ergo meritevole di condanna morale]”.

Se abbiamo una giustizia incasinata e una magistratura iperpoliticizzata è anche perché molti non accettano il verdetto giudiziario quando questo non coincide con i loro desiderata, e si lanciano in bestemmie giuridiche.

Hai voglia di lamentarti della politicizzazione della magistratura quando c’è una gara a chi la vuole arruolare per utilizzarla come maglio contro gli avversari politici, sostituendo l’azione “giudiziaria” all’azione politica.

Se un comportamento non è previsto come reato significa che tale comportamento può essere lecitamente fatto, che sia morale o non morale non deve c’entrare niente. Teniamo separate la legge e la morale. Giudicare la raggi incompetente o indatta, è un giudizio politico che prescinde da quello giudiziario. Non è una assoluzione a dover influenzare il giudizio politico.

 

[1]: La bega giornalisti 5stelle fa pensare tanto a dei buoi che, vicendevolmente, si danno dei cornuti.

Ma il fare i froci con il culo degli altri è un valore di sinistra?

Su cagliari pad è comparso un articolo delirante con le proteste per i nuovi parcometri installati a cagliari. In questi nuovi modelli si deve inserire anche il numero di targa dell’auto; scelta fatta per evitare che i parcheggiatori “abusivi” scambiassero i tagliandini fra le auto.

In pratica il parcheggiatore chiedeva, a chi se ne andava, il tagliando della sosta e lo “rivendeva” a chi arrivava. Logico che venendo a conoscenza di tale “gioco” la società che aveva in gestione i parcheggi ha cercato di porre un rimedio. Adesso il tagliando è legato, grazie al numero di targa, alla macchina. Ma qualcuno non è d’accordo… (grassetti miei)

Sorgente: Nuovi parcometri a Cagliari, Psd’Az: “Complicati per gli anziani. Penalizzati i parcheggiatori extracomunitari”

I nuovi parcometri? “Hanno una procedura complicata, devi inserire il numero della targa. E questo penalizza anche i parcheggiatori”. È la protesta di Gianni Chessa, segretario cittadino Psd’Az, portavoce, spiega, di lamentele diffuse in città sull’utilizzo dei nuovi parcometri.

“Per il ticket devi fare un procedura che somiglia a quella del bancomat che ti costringe anche a ricordarti il numero di targa”, spiega Chessa, “questo crea complicazioni e disagi e genera code per i pagamenti. La gente è incavolata e sono soprattutto i più anziani ad essere in difficoltà”.

E infine la polemica sui parcheggiatori. “Hanno pensato bene di farlo perché così i parcheggiatori”, aggiunge il segretario cittadino sardista, “ tra i quali tanti extracomunitari, non possono scambiare i biglietti da una macchina all’altra come facevano prima. Alla faccia della solidarietà, per quanto ci sia qualcuno che crea disturbo, ma la solidarietà non era della sinistra?”, domanda Chessa, “ricordo al sindaco Zedda che la povertà non si racconta ma si vive in mezzo alla gente”. (…)

Io l’unica spiegazione che posso darmi della dichiarazione è che prima di si sia, per scommessa, bevuto una damigiana di cannonau tutto d’un fiato oppure sta cercando, facendosi passare per fake di sinistra, di tirare la volata a salvini.

Secondo il tizio, che a rigor di logica dovrebbe essere di destra visto che il psd’az (aka fasciomori1) è alleato con la lega, la sinistra è quella che aiuta l’integrazione chiudendo un occhio sui parcheggiatori abusivi perché “poverini ne hanno bisogno”.

Da notare come si sviluppa il ragionamento:

-> ci si fa scudo di alti ideali per interessi di bassa bottega; il problema sono i nonnetti che non ricordano il numero di targa; non che i parcheggiatori “abusivi” non possono più fare il gioco del tagliandino.

-> si fa tanto i “froci” con il culo degli altri; cioè devo pagare il parcheggio ed in più pagare la sopratassa sull’antirazzismo2 ai parcheggiatori “abusivi”? Ovviamente chi ha problemi con i “parcheggiatori” non son quelli che possono farsi scarrozzare in taxi od in auto di servizio oppure possono parcheggiare lontano ed andare a piedi. Non i ricchi ricchi ma chi sta un poco meno peggio rispetto ai parcheggiatori.

-> la legalità è un valore assoluto se e solo se può essere usato come una clava contro i nemici, altrimenti, caso riace docet, la legalità svanisce di fronte ad alti ideali come l’antirazzismo e l’aiutare il prossimo. “Alla faccia della solidarietà, per quanto ci sia qualcuno che crea disturbo, ma la solidarietà non era della sinistra?“.

Peccato che quando venga presentata questa “sinistra” e questa “solidarietà” poi molti diventano convinti elettori della lega nord (ma solo perché ignoranti ed egoisti).

 


  1. Nel 2008 il psd’az si spaccò in due, una parte che voleva andare con il cdx,  che mantenne il nome e venne soprannominata “fasciomori” e una parte che voleva rimanere a sinistra, i “rossomori”. 
  2. se non dai un euro al parcheggiatore abusivo è solo perché sei razzista, e voti salvini, e magari picchi anche i bambini ciechi… 

Malleus razzistificarum

Quanto alla questione razzismo, una volta mi è capitato di essere abbordata per strada da un negro. Preciso che non sono sempre stata vecchia brutta e grassa, e sono stata instancabilmente abbordata per strada e in ogni altro luogo più o meno dai tredici ai cinquant’anni; naturalmente non mi sono mai sognata di rispondere a un abbordaggio. Però quella volta lì il motivo per cui non gliel’ho data seduta stante è che sono razzista.
[da un commento al blog]

Qualcuno ha preso talmente tanto a cuore la questione Salvini = Razzismo da specializzarsi, come già i cacciatori di streghe nel medioevo, nel trovare ogni minimo segno di razzismo e denunciarlo, con altissime grida di sdegno, al mondo.

Mi riferisco in particolare alle polemiche per l’immagine pubblicitaria dell’acqua uliveto; la uliveto ha pubblicato una immagine, per celebrare le pallavoliste della nazionale ove non compaiono le atlete di colore; due mancano perché hanno usato una foto di repertorio e una è stata coperta dalla bottiglia, bottiglia che copre anche una giocatrice bianca.

Una pubblicità “poco accurata” che è stata interpretata dai SJW come un tentativo di pubblicizzare l'”acqua” ariana e non disturbare i razzisti italiani con l’immagine di atlete di colore che indossano la maglia azzurra. Messa in giro la voce, naturalmente nei social i SJW si son scatenati con messaggi di indignazione ove urlavano lo sdegno, parlavano di boicottaggi1 e di pubblicità razzista fatta per carpire le simpatie dei leghisti. I messaggi su twitter erano una sequenza, oserei dire patologica, di processi alle intenzioni, dietrologia e non sequitur.

Addirittura qualcheduno, di sinistra talvolta anche area LeU – PaP, che, con molto buon senso, scriveva che tali polemiche erano un bellissimo assist per Salvini, per poter dare dei “paranoici” e degli “invasati” a chi lo criticava, veniva zittito e attaccato neanche fosse il presidente del “mario borghezio fans club”.

Il bello è che dei molti casi di razzismo denunciati ultimamente nei giornali poi, alla verifica dei fatti, si son rivelati non esser fondati:

  • Nel caso della aspirante cameriera rifiutata veneziana “perché negra”, ci son fortissimi dubbi sull’attendibilità del racconto.
  • Nel caso del flexibus di trento, il caso razzismo si è sgonfiato allo stesso modo dell’aggressione al bancomat di sassari; le telecamere hanno mostrato la verità
  • Nel caso di Riace stanno iniziando a venir fuori un paio di “ombre” e la narrazione: supergombloddo di Salvini sta iniziando a scricchiolare.

E qual’è l’effetto di tante accuse infondate? Le conseguenze principali sono due: la prima è che molti possono sostenere “in italia c’è una tale emergenza razzismo che i casi di razzismo bisogna inventarseli di sana pianta”, e la seconda è che magari un caso “vero” di razzismo potrà facilmente essere bollato come “le solite esagerazioni/cosa ci si è inventati stavolta”.

Purtroppo molti son talmente convinti della narrazione “ritorno del nazismo” da cercare qualsiasi cosa possa far sembrare che abbiano ragione; aspettiamoci settimane di polemiche basate sul niente con argomenti pretestuosi al massimo2, polemiche che paradossalmente favoriranno i veri razzisti visto che potranno facilmente sostenere: “le solite esagerazioni” anche nei casi reali e fondati. Più o meno lo stesso delirio capitato con il metoo che da movimento che carpiva simpatie è passato a gruppo di fanatiche invasate che vedono il patriarcato in ogni dove.

E Salvini ringrazia per il tanto marketing gratuito.

 


  1. A me hanno fatto pensare ad un astemio che annuncia, in pompa magna, il boicottaggio del cannonau e del vermentino. 
  2. Negli scacchi i bianchi muovono sempre per primi, se non è razzismo questo…