Perché Giorgia Meloni è contro la scienza | Vanity Fair Italia

Devo dire una cosa; questi articoli in realtà sono contro la scienza. Perché la strumentalizzano per meri fini politici. E strumentalizzare per meri fini politici è il modo migliore per diffondere diffidenza verso la scienza in italia paese notoriamente ignorante dal punto di vista scientifico.

Basta pensare ai danni fatti attribuendo al CTS la responsabilità di decisioni politiche prese dal governo; hanno vigliaccamente scelto di farsi scudo “della scienza” invece di prendersi la responsabilità delle loro azioni.

Sorgente: Perché Giorgia Meloni è contro la scienza | Vanity Fair Italia

l comizio finale della campagna elettorale del centrodestra, il 22 settembre in piazza del Popolo a Roma, con accanto Silvio Berlusconi, Matteo Salvini e Maurizio Lupi, Giorgia Meloni ha dichiarato, riferendosi al lockdown durante la pandemia: «Non piegheremo più le nostre libertà fondamentali a questi apprendisti stregoni», riferendosi non solo al ministro Speranza ma anche a medici e scienziati. La reazione del segretario del Pd Enrico Letta è stata immediata su Twitter: «I #vaccini e la gestione Speranza hanno salvato decine di migliaia di vite. Questa sera in un colpo solo la destra offende i nostri morti e si butta in pasto ai #novax».

Faccio notare subito l’artifizio retorico: chi ha dubbi sulla gestione della pandemia è solo perché è un novax. Cosa che non è affatto vera, è giusto ed è anche sano che si discuta ad esempio se sarebbe stato più opportuno un obbligo esplicito di legge che un obbligo implicito mediante green pass, se le “mascherine dalle 18 alle 06 ovunque” siano state utili o siano solo una inutile e ingiustificata vessazione.

Anche chi criticava Arcuri era solo un novax finquando le critiche son state fatte proprie da Figliolo…

Le due, dopo aver esaminato i programmi elettorali di Fratelli d’Italia e Lega per sottolineare tutti i concetti anti scientifici che contenevano, hanno poi lanciato un «Manifesto medico sanitario in difesa dei diritti civili e contro la disinformazione in campagna elettorale» con un appello al voto consapevole e documentato. A cui hanno aderito in tantissimi, tra medici, psicologi e psicologhe, infermieri.

Ma quali sono i punti «anti-scientifici» dei programmi di Salvini e Meloni? Dal concetto di genitorialità al ruolo della donna, passando per l’attività, nei consultori, dei gruppi pro-vita, secondo i medici è tutto sbagliato. «Basta guardare le linee guida dell’Organizzazione mondiale della sanità per capire che nei programmi elettorali si scrivono cose assolutamente anti-scientifiche», hanno spiegato a Repubblica Cortese e Sipio.

E cosa minchia c’entrano con la scienza? si tratta di scelte sociologiche e politiche. Il concetto di genitorialità è un concetto scientifico? esiste un genitorialometro?

Ecco due slide che le dottoresse hanno condiviso su Instagram, su due punti chiave del programma di Meloni: il diritto all’aborto e le adozioni dei single. Nel programma di Fratelli d’Italia è infatti vero, come dice da settimane la leader, che non si attacca frontalmente la legge 194, come non si attacca le unioni civili tra persone omosessuali. Nessun politico lo farebbe. Tuttavia nel primo caso, si parla solo di mantenere la legge ma potenziare tutte le azioni che di fatto impediscano a una donna di abortire, e nel secondo si «tollerano» le unioni civili ma si vietano le adozioni.

E nessuno dei due è un fatto scientifico, sono discussioni di opportunità. Trovo anche che sull’aborto si urli all’antiscientificità della destra e contemporaneamente si chieda la censura di fatti scientifici accertati come la data in cui il cuore del feto inizia a battere scritta nel manifesto di provita, manifesto di cui si chiese la censura perché offensivo.

PS

Manca comunque la parte più ghiotta in cui si sostiene il ddl zan nella parte in cui se una opinione sostiene una discriminazione e quindi diventa fonte di disagio e sofferenza psicologica (…) debba essere sanzionata.

La scienza quindi sostene che mostrare chiara ferragni come esempio di bellezza femminile causa sofferenza “alle ragazze fragili che non si sentono belle come lei” e quindi è giusto censurare modelle, divette e influencer assortite? D’altronde lo dice la scienza…

Chissà perché questo argomento non è stato citato…

 

Pubblicità

3 pensieri su “Perché Giorgia Meloni è contro la scienza | Vanity Fair Italia

  1. Bella tra l’altro la trasformazione di “mettere la donna che preferirebbe non abortire in condizione di poter tenere il figlio” in “impedire di abortire alla donna che vuole farlo”.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.