La scienza ariana e la scienza woke

Ci si riferisce con “la scienza ariana” alla purga nazista di tutti gli scienziati non ariani a causa delle leggi razziali del 1933. Infatti il nazismo nel suo delirio voleva che esistesse anche una scienza “ariana” la scienza vera del popolo eletto e che fosse superiore a quella “non ariana” o “giudaica”.

Il risultato di tali demenziali scelte è stato lo distruggere semplicemente la cultura scientifica in germania devastando le università. E questo ha causato anche il ritardo dei nazisti nella corsa alla bomba atomica, corsa vinta poi dagli stati uniti.

Ma quello dei nazisti non è stato l’unico caso, anche se il più eclatante, nella storia non son rari gli esempi di ideologie che cercano di estendersi anche nella scienza e, come capitato con Galileo, di volere una scienza in perfetto accordo con l’ideologia rigettando e perseguitando le idee scientifiche ed i fatti scientifici non in accordo con l’ideologia. Vedi proprio la vicenda modello eliocentrico e modello geocentrico.  Oppure la biologia marxista di Lysenko nell’unione sovietica, un sacco di danni all’agricoltura.

Quello che si impara dalla storia è che tutte le volte che si cerca di imporre una ideologia alla scienza, al fatto scientifico, e pretendere che la scienza sia in accordo con l’ideologia succedono pasticci, grossi pasticci. Qualcosa di simile sta capitando adesso in america con la “matematica antirazzista”. L’ideologia alla base è semplice, per quanto sciocca, gli uomini bianchi sono razzisti e tutto quello che loro hanno fatto è razzista. Bisogna trovare questo razzismo e denunciarlo con forza. Se un non bianco discute con un bianco delle due una, o il non bianco ha ragione o, se non ha ragione è a causa dell’oppressione del bianco razzista. Siccome la matematica bianca crede nella precisione e nell’univocità dei risultati allora, per essere inclusivi, ammettiamo gli sbagli, parliamo dei matematici non bianchi(1) e non dei matematici bianchi(2).

fonte: https://ilblogdibarbara.wordpress.com/2021/04/26/vengono-anche-loro-no-loro-no/

Seattle si incoraggiano gli studenti a pensare come la matematica sia stata “usurpata” dalla cultura occidentale e utilizzata nei sistemi di potere e oppressione. Lo stato dell’Oregon introduce corsi di “etno-matematica”. E un docente di matematica di New York, Paul Rossi, è stato appena licenziato dopo aver accusato la sua scuola di fare il lavaggio del cervello agli studenti, instillando loro l’“odio per i bianchi”. 
“E’ in corso un’acquisizione veramente allarmante dell’istruzione, che si basa sull’idea che non ci si dovrebbe aspettare che i bambini neri e i bambini latini ottengano dei risultati, che siano precisi, e che imporre loro la matematica è razzista” ha detto il linguista afroamericano John McWhorter. “I progressisti sono dei razzisti in una nuova veste, pensano a se stessi letteralmente come a Gesù”. 
L’idea si basa su un consorzio di 25 organizzazioni educative che ha offerto “A Pathway to Equitable Math Instruction”, che cerca di “smantellare il razzismo nell’insegnamento della matematica”. Il gruppo rileva suprematismo bianco in pratiche insidiose come concentrarsi sulla risposta giusta, cioè l’apprendimento. E’ finanziata dalla Bill & Melinda Gates Foundation. Sì, Bill Gates, l’uomo che ha fatto fortuna con i computer. Ma ora è il tempo della mediocrità in nome della razza! 

 

Per me finirà in un bagno di sangue come tutte le altre volte. Puoi fare tutti i piangistei che vuoi, accusare mezzo mondo di essere razzista però “la legge di gravitazione se ne fotte, se ti lanci dal campanile per protesta contro la legge  patriarcale di gravitazione scoperta da newton, al 99% dei casi non voli come un uccello ma ti spiaccichi al suolo”.


(1) Che esistono, nessuno lo nega e nessuno non riconosce il loro valore. Ma sinceramente trovo idiota sia il negare le qualità di  Srinivasa Ramanujan, grande matematico indiano, perché indiano sia il parlare solo di lui senza parlare di Hardy, inglese, e degli altri matematici che lavoravano con lui. In entrambi i casi hai una storia monca.

(2) Vabbe’ il campanilismo in matematica esiste da sempre; il piano iperbolico ad esempio nei testi italiani è il piano di Beltrami, in quelli francesi invece viene chiamato piano di Poincarè, quelli russi lo chiamano piano di Lobacevskij, i tedeschi mi pare piano di Bolyai. Ma nei testi si parla del contributo di tutti alla materia, non vengono tagliate parti e attribuiti i risultati conseguiti da altri solo al matematico preferito.

5 pensieri su “La scienza ariana e la scienza woke

  1. Se non l’avevi mai visto, rifatti gli occhi, Shevathas.https://www.youtube.com/watch?v=C9SiRNibD14

    Comunque questi sono molto peggio della Scienza Ariana o del Lysenkoismo. Perché almeno a quei tempi stavano cercando strade alternative a delle teorie non del tutto dimostrate; certo, per carità, si intuiva comunque fossero minchiate dal tanto andavano contro il sentire comune, ma qualche scusa gliela si può dare. Questi, invece, dicono che le leggi scientifiche sono costrutti sociali e pertanto possono essere disfatti e rifatti a piacere. Se non ti piace Newton, che era un colonialista e si immaginava le cose guardando cascare le mele, lo puoi sostituire con lo sciamano del Wakanda che spara i fulmini dal culo meglio di William Wallace. E’ tutto soggettivo.

    "Mi piace"

    • Demenziale. Sarebbe stato interessante chiedere, alla fine della conferenza, ma per contattare gli amici usa il cellulare oppure manda il suo spirito guida a cercare quello degli altri?

      "Mi piace"

      • Se fosse coerente dovrebbe usare un bel tamburo…
        Se fossi stato al posto del tizio che ha riso, li avrei esortati a far mercimonio del di loro tafanario e me ne sarei andato, ancora ridendo come un pazzo.

        "Mi piace"

  2. In realtà il discorso sulla “scienza tedesca” (o ariana) è leggermente diverso: ironicamente i nazisti riuscirono molto bene a creare una chimica ariana e una geologia ariana (Evans, trilogia del terzo Reich), ma fallirono clamorosamente sulla fisica (Lenard era a suo modo un genio, ma voleva “solo” dimostrare la falsità della relatività…anche se su questo non ho mai capito perché non esagerasse i contributi di Poincaré, che Einstein stesso per molto tempo fece finta di aver ignorato, mentre li conosceva), ma questo non è solo uno dei motivi del fallimento del progetto Uranverein (atomica), che dipese anche (e in certi casi maggiormente) da approvvigionamento di materiali (la famosa acqua pesante norvegese+il mancato accesso all’uranio), dall’aver mandato i fisici al fronte (Hahn), dall’aver estromesso , dal “sabotaggio” interiore di uno dei leader (Heisenberg) e dalla decentralizzazione competitiva (la HWA era in competizione selvaggia per fondi e risorse solo con altri progettini come gli u-boot della Kriegsmarine, i razzi di von Braun della Wehrmacht, il motore a reazione di von Ohain della Luftwaffe…). Il tutto con anche un dittatore relativamente poco interessato alla scienza (un Konrad Zuse che ti crea il primo computer Turing completo della storia e la cosa viene praticamente lasciata recepita come pettegolezzo da Adolf).

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.