Non esistono azioni ingiuste contro i fascisti…

Prima notizia, sconvolgente, sono d’accordo con michela murgia.

Ma dimmi tu se mi tocca difendere la nipote del duce perché nel 2020 qualcuno pensa che sia da militanti mandarle a casa un biglietto anonimo con l’impiccato.

— Michela Murgia

https://platform.twitter.com/widgets.js

Le risposte a quel tweet sono molto interessanti in quanto mostrano una ennesima verifica sperimentale del principio di Nenni: “a fare a gara a fare i puri, spunterà sempre qualcuno di più puro che ti epura”. 

Michela Murgia per quel post si è presa, da qualche commentatore, della “simpatizzante dei fascisti” , qualcun’altro invece è convinto, stile ultimi giapponesi negli atolli del pacifico, che la guerra continui

La violenza fascista mai cessata in Italia mi spinge a sospendere il giudizio su un precario che coglie l’occasione di una vita per ricordare a una fascista, che ha fatto carriera solo per un cognome infame, di cosa puzzano i fascisti e cosa rischiano quando diventano dittatori.

E c’è stato anche chi ha voluto “impararle” cosa sia stato il fascismo, perché chi difende una fascista deve essere per forza iNNiorante[^1].

L’impiccato (che poi non fu nemmeno impiccato, fu appeso il cadavere a cui avevano sparato) è il nonno dittatore peggiore della storia secondo forse solo a Hitler, di cui la nipote continua a magnificarne le gesta, nonostante in Italia sia proibito. Chiaramente difendi chi vuoi..

Nota: a questo ha ribattuto accusandolo a sua volta di mansplaning. A quanto pare nella dialettica di quella parte lì chi totalizza più punti obbressione è quello che ha ragione, la verità o falsità di un fatto conta poco.

Ci sarebbe da ridere per non piangere, perché quello è proprio uno spaccato del pensiero totalitarista. Il mondo diviso in buoni e cattivi, con i cattivi non si tratta, si lotta allo stremo.

In realtà in quel tread si vedono molte cose che mostrano come l’antifascismo italiano oramai sia degenerato in un fascismo con la camicia di colore diverso:

  1. Il mondo diviso in buoni e  cattivi.
  2. I “torti” passati fatti dai cattivi giustificano, ora e sempre, qualsiasi rappresaglia verso i cattivi.
  3. I buoni fanno solo azioni buone, se un buono fa una azione cattiva in realtà è una reazione giustificata alle azioni malvagie fatte dai fascisti.
  4. Le regole si applicano solo se “la vittima” ha fatto pubblico atto di fede antifascista, l’idea che una legge sia uguale per tutti, senza eccezioni non viene contemplata.
  5. Qualsiasi contestazione verso il comportamento di chi lotta contro i fascisti ti rende ipso facto fascista.
  6. Il fantadiritto, il credere che anche solo il non condannare veementemente il fascismo sia farne l’apologia e sia sanzionato dalla legge scelba; peccato non sia così.

Cose già viste ad esempio con la commissione contro l’odio, ufficialmente nata per contrastare l’odio in rete, praticamente nata strabica che vede, e deplora, l’odio A->B e non vede quello B->A.  Strabismo che alla fine sputtana le buone intenzioni e finisce a convincere molti, moderati, che sia stata solo una paraculata per avere uno strumento “morale” prima che legale per chiudere il becco a chi dice cose poco gradite.


[^1]: non che con il fascistometro abbia dimostrato di aver capito molto del fenomeno storico fascismo, da lei ridotta semplicemente ad antagonista del buono nel fumetto.

 

 

4 pensieri su “Non esistono azioni ingiuste contro i fascisti…

  1. In primis mi sembra corretto rivalutare una persona che ho giudicato malissimo.
    Ero convinto che Michela Murgia fosse la classica sinistroide senza cervello e devota alle direttive del Manuale del Perfetto Naziprogressista, e invece scopro che, se non altro, possiede ancora un minimo di senso morale ed è in grado di ragionare con il proprio cervello, cosa che le fa onore e merita rispetto…
    Purtroppo sembra che sia un caso isolato nel mezzo della canea dei fascisti di sinistra, cui non passa nemmeno nell’anticamera del cervello (ammesso che ne siano dotati) il concetto che chi si comporta da fascista pur lottando (a parole) contro il fascismo stesso non è molto differente da chi vuole eliminare…

    Vorrei approfittare per farti una domanda, se non sono indiscreto: l’altro giorno ho letto un tuo blog dal titolo ‘Accontentare i capricci’ , ma quando, successivamente, ho tentato di ritrovarlo per fare un commento ho visto che era sparito.
    Non è la prima volta che capita e mi chiedevo il perchè (ovviamente se ritieni che non siano affari miei nessun problema)

    Piace a 1 persona

    • Ma l’incipit “Ma dimmi tu se mi tocca difendere la nipote del duce”, come di chi debba in qualche modo scusarsi per quello che sta per dire, non depone a suo favore. Questo modo di fare a me dà terribilmente fastidio.

      "Mi piace"

      • E’ anche giusto guardare le cose dal suo punto di vista: per un sinistroide la sola idea di dover difendere un politico di destra, e peggio ancora, la Mussolini (più o meno per loro la nipotina di Belzebù) è assolutamente inusitata e sgradevole.
        Visto come la pensa il naziprogressista medio la presa di posizione della Murgia è insolitamente coraggiosa e inaspettata e penso meriti stima e rispetto.

        "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.