Lo strabismo mnemonico

Cosa hanno i comune gli articoli che esaltano l’imbrattamento delle statue di schiavisti, quelli che esaltano l’imbrattamento della statua di montanelli o gli articoli strappalacrime sulle povere prostitute nigeriane costrette ad andare in strada?

La risposa è facile, ed è scritta negli articoli citati: uno strabismo completo nel vedere le colpe, o meglio l’uomo bianco ha tutte le colpe mentre non si vedono o si fa finta di non vedere le colpe, altrettanto gravi, di chiunque non sia un uomo bianco.

Prendiamo la schiavitù ad esempio; dal 1000 al 1800 circa ha interessato anche le popolazioni del sud italia e del sud della spagna che erano rapite da pirati barbareschi per essere venduti nei mercati di schiavi di tripoli e algeri. Anche la schiavitù degli africani non era opera diretta degli inglesi e altri, gli schiavi della tribù mbingo venivano catturati dalla tribù mbongo, venduti ai grossisti arabi e gli inglesi andavano ad acquistarli nei mercati degli schiavi di tripoli e di algeri. Però nel condannare la tratta degli schiavi di come si procurassero gli schiavi gli schiavisti anglosassoni, delle lotte tribali fra la tribù mbingo e la tribù mbongo non se ne parla, sul ruolo di intermediazione svolto dall’impero ottomano neppure. Fra tutti gli sdegnati, di adesso, contro la schiavitù nessuno ha ricordato gli altri pezzi della filiera, o mostrato solidarietà alle popolazioni, siciliane, sarde, spagnole colpite anch’esse da tale piaga.

Idem per montanelli; come avevo già scritto:

“Ok deplorare il comportamento di acquistare come moglie una 12-enne, ma perché non si fiata su una civiltà, una cultura, che considera normale vendere come moglie una dodicenne.”

o per le prostitute nigeriane

Perché si deplorano solo i razzisti e non si deplora l’orribile filiera che parte con il “prelievo” delle ragazze dai paesi di origine e finisce con loro nelle tangenziali, filiera che comprende anche la traversata “libia – italia”? 

Il problema di tale modo di comportarsi cioè sostituire alla storia una narrazione con tutti i buoni da una parte e i cattivi dall’altra è che poi ti trovi a dover contrastare una narrazione uguale ed opposta. Narrazione che non puoi smentire ristabilendo la verità storica pena il mandare a pezzi anche la tua di narrazione. E si finisce a giocare ai tifosi sfegatati che credono ciecamente e scriteriatamente alla squadra del cuore.

PS

Io penso che della schiavitù in america importi a pochi, a molti interessa solo avere una alta causa morale per scatenare la propria rabbia continuando a sentirsi paladini che lottano per il bene, come capitato, ad esempio, a san carlo dell’estintore in quel di genova, che voleva usare il suo estintore per spegnere i fuochi dell’odio…

3 pensieri su “Lo strabismo mnemonico

  1. A Bristol tirano giù la statua di un benefattore locale perché “ha partecipato al sistema schiavista”.
    Schiavi per schiavi, mi chiedo perché, in una città come Bristol, nessuno minacci di buttare a mare la Regina e il Primo Lord dell’Ammiragliato come vendetta per la pratica dell’impressment.
    Forse è necessario essere negri per essere vittime dello schiavismo.

    Piace a 1 persona

  2. Ormai sembra che il fenomeno della schiavitù sia solo quella del bianco sul nero africano, che sia nata solo a partire dal 1600, che i popoli precedenti vivessero nell’armonia rispettando alla lettera i diritti umani, pure gender-free, assai meglio di quanto lo si faccia oggi.

    Va bene, credo sia una sorta di leva politica per caratterizzare il solito scontro BuonissimiVSCattivissimi (TM) ma penso pure che sia l’effetto collaterale di una certa moda che va sempre più per la maggiore: la mitologia della “black history”.

    Mi capita sempre più spesso di leggere degli scoppiati che “rileggono” la Storia infilando a forza ovunque una mitica età dell’Oro arabo-africana che è stata poi schiacciata e nascosta dall’oppressore bianco nel corso dei secoli. Attenzione, non si intende una corretta storiografia delle civiltà africane. etc. ma una sorta di mondo magico dove l’esercito di Roma pullulava di generali neri come la pece – Scipione l’Africano? il soprannome indica OVVIAMENTE l’origine nel Continente Nero – le Piramidi sono state erette dagli Arabi e cose del genere.
    Nei giorni scorsi mi sono imbattuto in uno che spammava le illustrazioni di un libro di testo: ecco il sovrano africano del Portogallo – e l’immagine ritraeva sì un corteo della nobiltà lusitana, ma il personaggio nero era un ex-schiavo liberato, divenuto prima giullare di corte e poi titolato…

    E’ probabile che queste falsificazioni girino sottobanco tra gli afroamericani tipo i buongiornissimi e ipppericolidelcinqueggi!111!! da noi.

    Sarebbe però interessante avere informazioni di prima mano sui corsi di Storia che si seguono fuori dall’Occidente europeo.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.