Ancora su Liliana Segre

L’aver trasformato Liliana Segre in una bandiera ideologica da opporre a Salvini ha fatto sì che si becchi la parte di fischi riservati alle bandiere della fazione politica opposta.  Quello capitato a lei non è diverso da quanto capitato, ad esempio, a Lorella Cuccarini quando dichiarò simpatia verso il centrodestra. Il giorno prima era solo una ex soubrette, il giorno dopo si scoprì che era la sorellastra di Tom Riddle aka Voldermort. Spiace comunque che le minacce siano state giudicate talmente gravi da giustificare una scorta.

Adesso sembra che il non essere completamente e totalmente d’accordo con Liliana Segre e le sue idee, nota bene ho scritto “non essere d’accordo” non l’insultarla, l’offenderla ed il minacciarla, semplicemente il non essere d’accordo, sia a sua volta un “crimine d’odio”. Il “fascismo dell’antifa

Imho la commissione alla prima contraddizione o al dover riconoscere che “anche i buoni odiano” finirà per implodere in mille distinguo, come reagirà la commissione davanti a messaggi di solidarietà al popolo israeliano come quello di sotto?

immagine condivisa dai 99posse

O qualche invito politically correct ad usare il napalm sulle sentinelle in piedi?

Picchierà anche loro prendendosi le puntuali accuse di commissione fascista per opprimere oppure, molto diplomaticamente e vigliaccamente, preferirà andare a lezione di pilates che trattare la “spinosa” questione?  Comunque sarei curioso di sapere come la commissione giudichi chi tira fuori le solite ritrite storie sui protocolli dei savi di sion o le puntuali polemiche sulla brigata ebraica e il corteo del 25 aprile.

Per il resto la strategia del csx è abbastanza palese, oltreché ripetitiva e fallimentare: demonizzare ad oltranza l’avversario mostrandolo come la reincarnazione di Hitler con l’unico anello di Sauron e i poteri oscuri di Palpatine. Roba già vista e stravista con Berlusconi. E come capitato con Berlusconi il “votate noi per non votare il Satana di Arcore” si risolverà in solenni batoste elettorali. Aggiungo che presentarsi uniti come “i capponi di Renzo” come fatto in umbria non è una mossa particolarmente azzeccata. Per questo penso che la commissione contro l’odio sia una foglia di fico per nascondere il desiderio di vincere per squalifica dell’avversario. Alla fine solo il comune nemicissimo evita l’esplosione e sopisce le faide interne.

Falliranno ma ovviamente la colpa sarà dell’odio sui social, come erano le telenovelas di retequattro per berlusconi, non delle incommensurabili stronzate fatte dagli accultuVati antiVazzisti.

Un pensiero su “Ancora su Liliana Segre

  1. Sempre tendendo presente che la Segre non è presente sui social e ha esplicitamente dichiarato che della storiella dei 200 messaggi di insulti al giorno non sapeva niente. Cioè propongono una commissione sui sentimenti, qualcuno la critica, allora si inventano gli insulti, dopodiché le viene data la scorta e il fatto che abbia bisogno della scorta è la prova di quanto sia giusta la commissione. Altro che Comma 22!

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.