attacco alla persona ed attacco al comportamento

Un artificio retorico che spesso viene usato nelle discussioni con “i progressisti” è il trasformare un attacco al comportamento in un attacco alla persona.

Esempio: “non mi piace che si bruci spazzatura, c’è un odore pestilenziale e si vede quel fumo nero inquinante”; “dici questo solo perché sei contro il campo rom”.

Si tenta di contrabbandare una dichiarazione di fastidio verso un comportamento preciso “bruciare spazzatura” in un attacco verso i rom, e da lì far partire il piagnisteo sul razzismo sulle discriminazioni, sul fatto che se la spazzatura la bruciasse un ricco milionario americano nessuno protesterebbe etc. etc.

O riguardo ai migranti: se ti lamenti di parcheggiatori abusivi, venditori insistenti ed un poco molesti, quelli che da cafoni insistono dopo che, garbatamente rispondi di no una, due, tre volte. Poi alla quarta parte il “va pensiero”, ma solo perché si è razzisti.

Questo modo di agire però porta due svantaggi: il primo è che così facendo si sta facendo un colossale spot al fascismo; cioè se è razzista non voler respirare la diossina dei roghi di rifiuti allora viva il razzismo, se il non voler essere molestati troppo mentre si cena è fascista allora viva le cene fasciste.

Il secondo è che si sdogana il comportamento “proibito”; vedo fumo nero ogni sera e allora lo faccio anche io, brucio invece di sbattermi a portare tutto all’isola ecologica, ricordate la teoria della finestra rotta? Poi nel caso, sfortunatamente, mi becchi un multone, sarà solo perché la polizia è razzista nei confronti degli italiani. Mi sentirò perseguitato e proverò simpatia verso chi lotta contro il razzismo contro gli italiani…

PS su twitter il modulo sottostante è stato sottoposto a molti “no borders”; non vi dico le violente reazioni, chissà perché…

 

 

 

11 pensieri su “attacco alla persona ed attacco al comportamento

  1. per par conditio, però, servirebbe anche un modulo di disponibilità ad accogliere pensionati che muoiono di fame, imprenditori che il governo dimentica e terremotati, visto che, quelli che condividono questo genere di minchiate, ha una certa tendenza a parlare a vanvera dei menzionati casi con libero abbandono.

    Piace a 1 persona

    • Ni… Si parla della scelta di allocare le risorse. Se i fruitori di risorse italiane sono italiani, hanno DIRITTO all’assistenza (grazie anche alle scelte di voto sovraniste). Se sono straniere, devono accettare quanto viene spontaneamente fornite dai sostenitori dell’accoglienza.

      "Mi piace"

          • da un lato, si dice, le leggi sono troppe e troppo complicate. dall’altro, ci si arroga il diritto di violarle, invocando il “vuoto normativo” ogni volta che ci si trova davanti ad un caso che non coincide parola per parola, segno d’interpunzione per segno d’interpunzione con quanto scritto.

            "Mi piace"

        • No. Le leggi sono uguali per tutti, certo. Ma per tutti i cittadini e i residenti con regolare permesso, non per tutti gli esseri umani.

          "Mi piace"

          • è una interessante visione del diritto. potresti provare a proporla. però, finché non riesci a convincerne abbastanza da cambiare lo stato dei fatti, non funziona così.

            "Mi piace"

          • Non è una “visione del diritto”.
            Esistono regole diverse per status diversi.

            Per es: credi di poter espellere un cittadino italiano?
            Un cittadino straniero regolare lo puoi espellere per giustificato motivo, uno illegale anche senza motivo.

            Controesempio: gli USA a Guantanamo torturano, nonostante la legge lo vieti. Come mai lo fanno (apertamente dico, non in segreto)? Perché i detenuti non sono cittadini USA, quindi per loro non valgono le garanzie costituzionali.

            "Mi piace"

          • che razza di esempi sono? è come dire che il codice della strada non è uguale per tutti perché non puoi essere multato per guida senza cintura di sicurezza quando sei a piedi.

            sui fatti di guantanamo non diciamo cazzate, per piacere, quello che è accaduto era contro la costituzione americana eccome. hanno cercato di fare finta che lo fosse, ma non ha funzionato.

            "Mi piace"

          • Su Guantanamo abbiamo evidentemente notizie diverse… a me risulta che non l’abbia chiusa nemmeno Obama. Quindi tu mi stai dicendi che processeranno più di un POTUS per decreti palesemente incostituzionali?

            "Mi piace"

          • ci sarebbero un paio di dettagli.

            1) guantanamo non lo chiudono esattamente per quello. se il presidente X lo chiude perché quello che ci succedeva dentro è contro la costituzione, i precedenti presidenti rischiano di “non farci una bella figura”. perché sul pianeta, non è che siano rimasti molti posti dove la tortura (anche se la chiami “enhanced interrogation”) è considerata accettabile.

            2) a guantanamo, comunque non ci sono semplici stranieri, hanno addirittura inventato un termine speciale “illegal combatants”, per la gente lì dentro. e sono lì dentro come prigionieri di guerra (o qualcosa del genere – non riescono a decidere, appunto, perché, le cose che fanno lì dentro, sono considerate “fuori luogo” un po’ da tutti.

            3) va bene divagare quando ti rendi conto di avere scritto una minchiata, ma siamo passati da “sul territorio italiano vige la legge italiana. per tutti”, a come vengono trattati dei prigionieri di guerra in america.

            "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.