Domande2

Stavo seguendo la vicenda della sea watch; adesso sta lanciando appelli in cui descrive la situazione a bordo e protesta contro il decreto sicurezza2 che impedisce di sbarcare nei porti italiani.

Sorgente: Sea Watch, l’appello della comandante: “Dobbiamo far sbarcare i migranti il prima possibile” – Repubblica Tv – la Repubblica.it

“Abbiamo immediata necessità di sbarcare queste persone in sicurezza il prima possibile” poiché la loro situazione è sempre più precaria. È l’appello che arriva dalla comandante della Sea Watch 3 Carola Rackete che dallo scorso 14 giugno si trova al largo di Lampedusa senza poter entrare nelle acque territoriali italiane. Il ministro Salvini, dice la donna in un video pubblicato su Twitter, “ha emanato un nuovo decreto legge che ci impedisce di entrare nelle acque territoriali, in contrasto con la legge del mare”. Ma “in questo modo non abbiamo alcuna opzione per sbarcare le 43 persone ancora a bordo, che sono sempre più preoccupate del loro futuro” e della possibilità di scendere a terra. Inoltre, conclude la comandante, “il rollio della nave è costante, ogni giorno, e ci sono problemi di disidratazione”.

E le domande che mi pongo sono:

la nave è ferma dal 14 giugno al largo di lampedusa; in questi giorni non avrebbe potuto raggiungere qualsiasi altro porto, non italiano, dove sbarcare? La corsica, dell’accogliente francia, la tunisia o volendo anche la spagna, l’algeria, malta etc. etc. erano raggiungibili in 7 giorni di navigazione; perché non ha tentato di raggiungere tali porti?

La nave è olandese ed affittata da una ONG tedesca; penso che se il governo tedesco o il governo olandese si fossero dichiarati disponibili ad accogliere i migranti da essa soccorsi il governo italiano non avrebbe avuto nulla da dire nell’organizzare un ponte aereo o un collegamento ferroviario per il repentino trasporto a destinazione. Perché i governi non si son mossi? Parlo dei governi perché, come si è visto in altri casi simili, un sindaco non ha i poteri di prendere simili decisioni, anzi in certi casi ho il sospetto che si dichiari disponibilità solo per farsi belli visto che c’è qualcuno, che fa la figura del cattivo.

Le leggi del mare parlano di un porto sicuro, non del porto di gradimento del naufrago, e in 6 giorni di navigazione di porti sicuri, extraitaliani, se ne raggiungono a iosa.

Come capitato per la aquarius il governo penso non abbia remore a fornire supporto logistico e generi di conforto; mi chiedo comunque perché sia lo stato italiano a doversi occupare dei problemi logistici di una nave di bandiera olandese noleggiata da una ONG tedesca che si trova in acque internazionali.

Noto anche il silenzio di UNHCR e tanti bacchettatori di professione oltre che dei paesi europei. A quanto pare la vicenda aquarius ha insegnato che bacchettare significa poi rischiare di dover attuare quello che si sta predicando…

Devo dire che nei social e nei media vedo poche vesti stracciate e tante persone che avanzano ragionevoli dubbi sui racconti dei soccorritori; come avevo scritto in altre occasioni se rendi l’essere buono troppo simile all’esser fesso, la logica conclusione è un aumento della cattiveria.

4 pensieri su “Domande2

    • La risposta è nota: la Tunisia non offre porti sicuri perché li rimanda in Libia, senza far presentare domanda d’asilo; farli sbarcare nei porti della Tunisia quindi non dà garanzie sul rispetto dei loro diritti umani (non so come farebbe la Tunisia a farli rientrare in Libia, né come possa restare impunita, visto che un Paese europeo non può nemmeno sognarselo).

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.