Magistratopoli

Stavo leggendo dell’intreccio fra magistratura e politica, l’ultimo scandalo in ordine di tempo.
Cosa posso dire: quello altro non è che il frutto di 20 e passa anni passati a giustificare le peggiori porcherie della magistratura in nome del “bene supremo”, ovvero l’abbattere l’avversario politico in ogni modo e con tutti i mezzi.

Si è fatto carne di porco di tutte le garanzie a difesa dell’imputato in nome del diritto di sapere, anche cose che per loro natura non interessavano e che, secondo costituzione, dovevano rimanere riservate, si è voluta la giustistia gossip e si son voluti i processi “in piazza”, processi basati su stralci di intercettazioni accuratamente selezionate. Questo perché il bobolo era buono ed aveva diritto a sapere, Come è capitato alla argento, con il caso Bennett, anche loro stanno gustando la zuppa da loro cucinata con tanto ammmore…

Una caratteristica del fesso che si crede furbo è il pensare che nessun altro usi i suoi stessi trucchi, azione che poi lo porta a cascare come un pollo quando gli avversari lo imitano. Se notiamo il giochino “impresentabile/inquisito” alla fine sta devastando chi ha iniziato ad usarlo per primo facendo girotondi e urlando honestà, honestà.

Non so come andrà a finire ma alcuni indizi: il fatto che oramai le inchieste spettacolo spostino meno voti di una comparsata al grande fratello, che la gente è più interessata a politici capaci di dar risposta alle loro domande e non a chi è così bianco che più bianco non si può, che forse sarò la volta buona che si riequilibra il rapporto fra politica e magistratura togliendo la prima dalla tutela della seconda.

Vediamo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.