Telebuonismo…

Questo: Non toccateci Immigrant Song (di Rosalba Frangipane) (e soprattutto studiate l’inglese!!) | Scenarieconomici.it l’ho trovato decisamente interessate; ho l’ho trovato un articolo interessante. Ho visto anche io parte di quella puntata di the voice of italy e devo dire che ha pagato abbastanza tributi al politically correct e al culto dell’aMMMore…

Ricordo anche un’altra scenetta: una partecipante, prima di cantare, ha dedicato la sua canzone, inedita, a tutte le donne ed elettra lamborghini si è girata, il girarsi significa che il concorrente è stato scelto dal coach per proseguire, prima ancora di averla sentita cantare.

Mi è sembrato strano, quasi che invece della voce e della capacità canora si volessero premiare le buone intenzioni.

Ma alla fine è questo buonismo ipocrita imposto che, come naturale reazione, genera abbastanza cattiveria.

Sorgente: Non toccateci Immigrant Song (di Rosalba Frangipane) (e soprattutto studiate l’inglese!!) | Scenarieconomici.it

(…) Nella seconda puntata del programma The Voice of Italy, in onda su Rai 2 due sere fa, la conduttrice Simona Ventura, durante l’ esibizione di uno dei concorrenti che si presentava in gara con il brano “Immigrant Song” dei mitici Led Zeppelin, ha pronunciato una frase diretta al ministro Matteo Salvini ed evidentemente anche alle politiche messe in atto dal governo italiano per fronteggiare l’immigrazione.

La scena è la seguente: il concorrente sta cantando (un po’ a fatica) tutti ballano e ondeggiano sorridenti e inebriati al ritmo frenetico della musica ma ad un certo punto la Ventura, circondata dagli amici del concorrente, e presa dal ritmo incalzante se ne esce fuori con la frase: “E’ la canzone di Salvini questa..”. L’esibizione finisce e il concorrente viene ahimè bocciato senza appello dai giudici. A questo punto lei, che nel frattempo ci è rimasta malissimo, (i conduttori vorrebbero che tutti i concorrenti vincessero?) prosegue sul tema immigrazione molto convinta e insistente (per lei il riferimento esplicito: è nel titolo inglese “Immigrant Song…”) aggiungendo al male il peggio dice:

“….Io l’avrei fatta passare solo per il testo”

– o “per il pezzo” – ma il significato cambia poco a questo punto. Così poco dopo sui social giustamente scoppia la bufera, perché quel brano con il ministro Matteo Salvini e con la questione immigrazione dei giorni nostri “non c’entra una mazza”.

Alla fine gli antisalviniani sono ossessionati e piazzano matteo salvini in ogni dove, spesso per giocare ai paladini e spararsi pose da buoni buonissimi buonissimissimissimi. Peccato che ciò abbia due conseguenze alquanto nefaste: la prima è tanta pubblicità gratuita per Salvini, cosa d’altra parte già vista con berlusconi quando in qualunque trasmissione televisiva si parlava, bene o male, di lui. E la regola aurea della pubblicità è: che se ne parli, bene o male se ne deve parlare.

La seconda è che se presenti Salvini come la nemesi degli immigrati, quando ti trovi ad avere qualche problema con la risorsa parcheggiatrice abusiva o fastidio con chi ti chiede nei parcheggi del supermercato di aiutarlo ad aiutare l’inps ti viene naturale pensare a Salvini come alla soluzione. Come dire: gli tirano una volata colossale e poi si stupiscono che vinca di gran carriera.

Da notare anche che far “promuovere” solo per le buone intenzioni è abbastanza diseducativo; perché in una gara canora devi premiare chi canta bene e chi sa colpire il pubblico, non chi è stato più buono.

La prima domanda che ci siamo posti è se la scelta del celebre brano Immigrant Song sia stata una scelta personale del concorrente o dello staff di produzione. Ebbene non lo sapremo mai. (…)

Qualche riflessione l’abbiamo fatta se non fosse perché, a dirla tutta, presentarsi con una canzone simile che praticamente solo Robert Plant poteva cantare, perché naturalmente dotato di quella sua particolarissima tonalità di voce, in pratica vuol dire andare a sfracellarsi senza airbag.

Ma se la concorrente è stata eliminata è per colpa dei fasciorazzisti e degli hater su internette, non del fatto che ha tentato una canzone fuori dalla sua portata…

La seconda domanda che ci siamo posti è questa: se almeno due nozioni, due, di inglese (anche perché il testo del brano è semplice) (…)

Non ci è voluto molto e sul web si è scatenato di tutto. Infatti occorre maneggiare con cura certi argomenti come la musica rock e hard rock degli anni 70 perché chi la conosce da tempo e la ascolta appassionatamente è di solito molto preparato, molto preciso e non lo puoi mica fregare. E Immigrant song non c’entra assolutamente nulla con il significato che gli si è voluto attribuire forzandone un contenuto che non c’è.

Quel brano non ha nulla a che vedere con l’immigrazione che stiamo vivendo oggi, con le centinaia di migliaia di poveri, di disperati che dall’Africa, e non solo da lì, vogliono venire in occidente e in Europa. (….)

Insomma giudicata la canzone dal titolo e basta. Come direbbe, giustamente Sgarbi: capre, capre, CAPRE!!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.