Buonismo…

Dovendo dare una definizione di buonismo direi: “buonista; persona generosissima ed accogliente con i soldi, e le risorse, degli altri”. Riguardo alla vicenda migranti e Piazza del Carmine a Cagliari, su sardiniapost è comparso tale articolo

fonte: http://www.sardiniapost.it/pronto-intervento/quel-wi-fi-spento-contraddice-lanima-generosa-luminosa-cagliari/

Piazza del Carmine fa parte del mio percorso quotidiano. In genere la costeggio soltanto, ma ogni maledetto giovedì la taglio obliquamente, quando da via Sassari scendo verso l’ingresso secondario della stazione.

Quella piazza forse non è bella: ci sono molte prostitute, giovani e tossicodipendenti; c’è qualche ricettatore che ci bazzica attorno. Io però non riesco a considerarla un posto di degrado.

Prostitute, ricettatori, tossicodipendenti E per considerarla un posto di degrado cosa ci dovrebbe essere, un SUV parcheggiato in doppia fila?

Ci sostano tanti ragazzi, neri, spesso maschi, poco più che adolescenti che si ritrovano per fare quello che i ragazzini fanno: parlare, ridere e giocare. Si riuniscono in capannelli attorno alle panchine oppure stanno in piedi, disordinati e sparsi a dirsi chissà cosa nella loro lingua. Mi capita di vederli giocare a calcio. Ogni tanto, tra un gruppo e l’altro, tra uno schiamazzo e l’altro, qualcuno è solo, in disparte, in piedi in mezzo alla piazza, o con la schiena sul muro di Caide: sguardo basso sul telefonino, a volte parla, a volte legge soltanto. Ho sempre visto nel free Wi-FI di quella piazza una specie di salvezza per quelle persone, l’unico strumento di connessione con il futuro desiderato (spesso lontano da qui) ma anche con il passato abbandonato, con gli affetti, gli amori, il quotidiano lasciato a casa, lontano.

Beh se hai i soldi per un cellulare allora hai i soldi anche per una sim con la connessione dati. Qui vedo una delle colossali contraddizioni: ok hanno il cellulare perché devono rimanere in contatto con le famiglie e bla bla bla. Però non hanno 10€/mese per una sim dati e senza il wi-fi del comune sono isolatissimi.

Ci sarebbe anche da farsi qualche domanda su che tipo di accoglienza sia una accoglienza che li lascia tutto il giorno buttati in piazza. Gli enti che si occupano di accoglienza non possono fornirgli, oltre al cibo ed all’alloggio, anche un poco di connettività per alleviare la loro solitudine? Fare qualcosa per integrarli? È questa l’accoglienza di cui tanti si riempiono la bocca?

Mi piace inciampare in quelle solitudini, nei loro sguardi assorti verso qualcosa che non riesco mai ad afferrare fino in fondo. Questa solitudine, questa fame di mondo, questa sfrontatezza che occupa le piazze me li rende simpatici, li sento affini. Fratelli spaesati, tristi e coraggiosi.

Non li definirei né “teppaglia” né “perdigiorno” e non voletemene se dico che ho difficoltà a credere che il sindaco di Cagliari abbia usato queste parole per definire quelle persone. Sono ragazzini che non hanno una casa, che non hanno un lavoro, non hanno una famiglia, non hanno prospettive.

non hanno un lavoro, non hanno una famiglia, non hanno prospettive. Giusto, qui non ci vogliono stare e cercano il più possibile di scappare dalla sardegna per andare nel resto dell’europa. E quindi cosa fare? diamogli il wifi gratis così siamo accoglienti e pazienza per tutto il resto?

Cagliari è sbocciata in questi anni. È viva ed è sempre più bella: è una città luminosa, accogliente, generosa, una città che non paura di aprire il suo porto. Fino ad oggi ha dimostrato di essere capace di abbracciare. Non era affatto scontato.

Se lo ricordi, dunque questa Cagliari – bella, pulita, profumata di mare, con il cielo rosa di tramonti e fenicotteri – che quella piazza, con quel Wi- FI, fino a oggi ha alleggerito solitudini. Non tolga una possibilità a tutti per colpa di alcuni.

E quindi cosa fare? Qui vedo il solito “topos” di tante polemiche: la soluzione scelta è sbagliata, sbagliatissima però ci si dimentica puntualmente di dire quale dovrebbe essere la soluzione giusta.

Proviamo a vestire i panni del nostro prossimo. Uno volta ogni tanto sarebbe già una grande cosa.

Una delle caratteristiche del buonista è l’empatia selettiva. Mettiamoci nei panni del ragazzo di colore. Però mettersi nei panni di chi in quella piazza ci deve stare? del commerciante che vede ridursi la clientela a causa del degrado della piazza? del residente che ha schiamazzi e risse sotto casa?

Manderesti i tuoi figli a giocare vicino a “zone di spaccio”? Vorresti vedere una rissa da vicino?  Apprezzi lo schiacciare con la ruota dell’auto una bottiglia di birra uscendo dal parcheggio? Se hai risposto no a qualcuna di queste domande è solo perché sei razzista.

E poi ci si stupisce di come mai, nonostante le tante stupidaggini fatte, Salveeny abbia molto più seguito dei partiti del “volemose bbbene”.

2 pensieri su “Buonismo…

  1. Mah, sinceramente dopo le prime righe il testo originale sembra lo scritto di un malato di mente: in piazza ci sono spacciatori, prostitute e pure un mercatino della ricettazione… ma no, secondo chi descrive non è un posto di degrado o problematico. Anzi, è aperta, accogliente… “bella, pulita, profumata di mare, con il cielo rosa di tramonti e fenicotteri”. A questo punto una montagna di letame, essendo uno sbocciare di fiori in potenza, è anche un piacevole concerto di aromi naturali che solleticano gradevolmente le narici.

    Detto questo, se davvero la situazione della piazza è questa, l’unica obiezione possibile è che togliere il wi-fi gratis o limitarlo non serve a niente perché la presenza di giovani senza lavoro e perdigiorno (affamati di mondo e simpaticamente sfrontati, secondo il testo originale), per quanto per alcuni magari risulti fastidiosa, è l’ultimo dei problemi.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.