Il video di Weinstein, ma dove sono le molestie?

Ho visto il video e penso che tale video più che un punto a favore di chi accusa finisca per diventare una solenne zappa sui piedi e una prova “pro buona fede” di Weinstein.

Da come viene presentato dai titoli sembra che ci sia un orco bavoso che assalta la povera orfanella affidatale da dei parenti senza scrupoli, la realtà è uno che “ci prova” e una tizia che invece di sfancularlo di brutto sembra starci. non vedo un netto rifiuto delle avance.

Sorgente: Molestie, nuovo video contro Weinstein: ripreso di nascosto mentre flirta con un’accusatrice – Repubblica Tv – la Repubblica.it

Molestie, nuovo video contro Weinstein: ripreso di nascosto mentre flirta con un’accusatrice

Un video diffuso da Sky News mostra il produttore cinematografico Harvey Weinstein, accusato per aggressione sessuale e stupro, mentre flirta in modo evidente con una delle sue accusatrici durante una riunione di lavoro nel 2011. Nel filmato, realizzato di nascosto dalla donna con la webcam del computer, si vede il produttore ricevere l’allora 28enne Melissa Thompson nel suo ufficio. La giovane è lì per proporre al produttore strumenti di analisi dei dati e promozione video. Weinstein chiude la porta, abbraccia la giovane donna e dopo un breve scambio di battute le chiede se “può flirtare” con lei e la donna risponde: “vediamo, un po’”.

chiede se si può flirtare e lei non risponde esplicitamente no, o mavaff… ma una risposta ambigua. Faccio notare anche un’altra cosa; è abbastanza evidente che ci son pezzi tagliati, non so se nel filmato originale o in quello rilanciato da repubblica. Cosa si son detti nei pezzi omessi? Battute che possono “alleviare” la posizione di lui?

Ok che sì significa sì e no significa no, ma dirlo con chiarezza quel “no”?

Poco dopo, Weinstein le annuncia che intende utilizzare il servizio che lei offre, allungando – da quel che si capisce – la mano sotto il tavolo per accarezzarle la coscia. Alla fine del video, Weinstein le fissa un appuntamento in un hotel dove poi, secondo le accuse della Thompson, l’avrebbe violentata.

Ho visto il filmato. Lei non manifesta alcuna sensazione di disagio o di fastidio. Il discorso sembra amichevole e che lei “ci stia”. Poi lui fissa un incontro in hotel e lei ci va, ci va nonostante ci siano stati “toccamenti” e approcci già in ufficio. La domanda che mi pongo è: perché? Non si aspettava che i toccamenti e gli approcci sarebbero proseguiti?

Delle due una: o lei è una impedita totale incapace di capire le situazioni in cui si trova, per intenderci una per la quale bisogna nominare urgentemente un amministratore di sostegno oppure, come sospetto per molte altre “vittime” si sta facendo un tentativo di ricostruzione dell’imene; passare per vittime è meglio che passare per complici.

Melissa è una delle donne che a giugno hanno presentato una class action contro Weinstein e nell’intervista a Sky News ha raccontato di aver cercato di “salvare la riunione” gestendo la situazione senza però averlo mai incoraggiato. “Se cercavo di divincolarmi per allontanarmi, lui si spostava per bloccarmi. Mi sentivo costantemente in trappola”.

A vedere il video non sembra. Passi anche lo spiacevole durante la riunione, ma allora perché andare “in albergo” dal tizio? Non mi sembra sia stata presa di forza da due della security e portata di peso nella stanza. E’ questo che non riesco a capire.

Secondo l’avvocato del produttore, Ben Brafman, con questo video la donna cercherebbe di rafforzare la sua posizione nel processo. “Si tratta di un nuovo tentativo di infangare pubblicamente Weinstein per scopi finanziari, e noi non lo accettiamo. I fatti hanno la loro importanza”.

Non so come andrà a finire la vicenda ma penso che se ne vedranno delle belle e credo si scoprirà che nella vicenda il più pulito ha 32 tipi diversi di rogna.

15 pensieri su “Il video di Weinstein, ma dove sono le molestie?

  1. so che sei un gran porco, però
    ho bisogno di te per lavorare, e allora
    mi organizzo per registrare l’incontro, in occasione del quale
    mi metto un vestitino che sottolinea tutte le mie deliziose curve
    tu entri, io ti porgo la mano, tu mi abbracci e io mi tuffo di slancio in avanti schiaffandoti le tette sul petto
    mi chiedi se puoi flirtare con me e io ti rispondo “ummm… vedremo, un po’”
    accetti la mia proposta di lavoro e proponi di inontrarci più tardi in un albergo. Io accetto.

    Domande
    – perché quel vestito? E perché al tuo abbraccio visibilmente contenuto ho risposto buttandomi addosso a te e schiaffandoti le tette sul petto? Per eccitarti perché avevo voglia di trombare? Per provocarti in modo da indurti ad andare oltre e poi incastrarti per sfilarti un botto di soldi?
    – la richiesta “mi è consentito di flirtare con te?” può essere considerata molestia?
    – la risposta “vedremo, un po’” può essere interpretata come “dipende da che cosa tu mi dai in cambio?” Cioè, per chiamare le cose col loro nome, che prima di accettare di prostituirmi voglio sapere quanto sei disposto a pagare? L’accettare di incontrarci in albergo può essere interpretata come “ok, mi hai dato quanto basta, allora puoi”?
    – Se lo scopo di tutta la messinscena è di documentare che mi hai violentata, perché non ho provveduto a registrare tutto anche in albergo mostrando come mi sei saltato addosso e io ho detto no ti prego e tu non te ne sei dato per inteso e mi hai strappato il vestito e io ho lottato con tutte le mie forze e tu mi hai sopraffatta perché sei fisicamente più forte di me e io ho tentato di gridare e tu mi hai tappato la bocca con una delle tue manacce schifose e alla fine ho dovuto soccombere?

    "Mi piace"

    • Barzelletta offensiva, misogina, gentilmente offerta dal mossad*.

      Un uomo va da una ragazza in un locale e le dice: mi faresti un p0mpino in bagno per 10.000 euro?
      la ragazza ci pensa un po’, arrossendo e poi dice: “si puo’ fare, ci sto!”
      E lui le fa: “ancora una domanda: invece del p0mpino per 10.000 euro, mi darebbe la fiça per 30 euro?”
      E lei: “la fiça per 30 euro? ma mi ha preso per una troja???”
      E Lui: “cosa lei sia l’abbiamo già capito. Ora stiamo solo trattando sul prezzo!”

      *ovviamente dietro consiglio di W.

      "Mi piace"

  2. A meno che le parti tagliate non mostrino cose ben diverse, un giudice sano di mente questo video lo prende come prova a discolpa.

    "Mi piace"

        • A parte poi che, qualunque cosa mostri un video, non credo sia giuridicamente ammissibile un video manipolato. E resta il fatto che quello che si vede qui è un Weinstein che non muove un dito senza che gli sia esplicitamente permesso. Oltre a una tizia esplicitamente consenziente.

          Piace a 1 persona

          • Il problema del sistema statunitense sono le giurie popolari… che fanno tanto “democrazia”… ma che in realtà dimostrano solo che del diritto e della giustizia non si ha rispetto, che le decisioni vanno prese per legge di pancia, se non peggio, e non di testa.
            E dato che ormai tutti “sanno” che Weinstein è un mostro… se si arrivase a un processo, lui non avrebbe nessuna garanzia di giustizia e obiettività. A meno che la giuria popolare non sia composta tutta da suoi parenti stretti, è condannato a priori e a prescindere. Anche non avesse fatto nulla.

            "Mi piace"

          • Sapessi quante volte ho sentito dire quella sì che è democrazia, appunto per il fatto che la giustizia è gestita “da gente come noi”. E così come è stato condannato a furor di popolo su social e mass media, è effettivamente molto probabile che lo sia anche quando quegli stessi utenti dei social si troveranno temporaneamente seduti in un’aula di tribunale. Poi magari capita che un grande campione sportivo nero ammazza la moglie e lo ammette pure ma viene assolto perché essendo già stato condannato dalla pubblica opinione, la giuria non poteva non esserne influenzata e quindi incapace di giudicare in maniera imparziale.

            Piace a 2 people

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.