Due o tre riflessioni sulla vicenda metoo

Ma quello che in Italia si capisce poco e’ che se tu porti in giro una bandiera, la gente guarda TE. Se hai addosso la spilletta del partito/movimento, la gente non guarda la spilletta. Guarda TE. E associa TE al partito movimento.

Il che significa che se chi ha la spilletta e’ una merda, mettendogli la spilletta del partito/movimento addosso mi state dicendo che il partito/movimento e’ una merda.

[Uriel Fanelli]

Due o tre riflessioni sulla vicenda metoo;

Prima cosa, la front-woman del movimento a quanto pare è implicata, stavolta dalla parte dei carnefici, in vicende legate a molestie sessuali analoghe a quelle da lei stessa denunciate. Adesso è vero che “le colpe altrui non assolvono dalle proprie” e che questo vale anche per lei, il fatto che lei sia colpevole non assolve altri colpevoli, però è parimenti vero che se tu in piazza denunci con forza chi ha compiuto il tuo stesso peccato atteggiandoti a puro che giudica, quando vieni scoperto fai la figura del grandissimo ipocrita. E spesso l’ipocrita sta molto, ma molto, di più sulle balle del peccatore.

Seconda cosa: il movimento si è già spaccato in due; una parte che difende a spada tratta Asia ricorrendo alle stesse modalità utilizzate per gli altri accusati: “ma lui ci stava”, “è impossibile stuprare un uomo”, “agli uomini fa solo piacere”. Alcuni si son chiesti se il tizio ha goduto. Non rendendosi conto che comportandosi in questo modo giustificano chi si comporta allo stesso modo con le “lei” presunte vittime di stupro o molestie.  Alcune affermazioni simili alle difese “appassionate” dei supporters di lei son state scritte, ad esempio, nella vicenda dei due carabinieri accusati di stupro a Firenze, e l’autore in molti casi è stato prima scorticato vivo e poi crocifisso via social network.

L’altra parte sta invece denunciando la barbarie del processo mediatico sui social, e anche qui non si rendono conto di denunciare il loro stesso modus operandi. Emblematico il caso Brizzi, processato e condannato sui social solo per insinuazioni che la magistratura ha rivelato essere infondate; “archiviato perché il fatto non sussiste”. Eppure le voci che adesso si son sollevate per difendere lei con lui tacquero. Come al solito la giustizia “santa e giusta” dei social diventa “barbarie” quando sei tu a finire nel tritacarne. Spero che questo possa far capire a qualcuno come il garantismo serva a garantire tutti e che nessuno è immune dal rischio di trovarsi imputato.

Terza cosa: i partiti e i movimenti che avevano sposato la causa, e la sua portabandiera, adesso hanno scoperto di aver piantato la bandiera in un pozzo di letame e ovviamente il delicato profumo di violette del letame si trasmette alla bandiera ed ai suoi altri portatori. E la battaglia da punto di onore diventerà colpa. Il passaggio dal “mi attaccano solo perché donna” al “attacchi solo perché son uomo, perché non guardi prima fra le tue compagne” sarà repentino e sarà la “frase killer” che chiuderà la discussione.

38 pensieri su “Due o tre riflessioni sulla vicenda metoo

  1. Mi pare logico che la prima vendetta di un boss come Weinstein sia quella di screditare chi lo ha accusato e ovviamente conoscendo il potere della stampa e dei soldi ( offerti ad un cantante che prima era del tutto sconosciuto) abbia avuto, come si può ben vedere successo.
    Mai visto film polizieschi in cui succede questo? Immagino di no. È una tecnica usuale. Se mi fai un torto io per ricambiarti distruggo te e vado a cercare gli scheletri nel tuo armadio e se per caso non ci sono ce li netto a suin di dollari! Oh quanta credulità ha la gente!

    "Mi piace"

    • Mi pare logico che la prima vendetta di un boss come Weinstein sia quella di screditare chi lo ha accusato e ovviamente conoscendo il potere della stampa e dei soldi ( offerti ad un cantante che prima era del tutto sconosciuto) abbia avuto, come si può ben vedere successo.

      ex gombloddo quodlibet. Btw non era un cantante sconosciuto ma un attore, ex bambino prodigio, lungo il viale del tramonto. Se quello che ha scritto il Nyt è una volgare calunnia perché non ha smentito tutto e denunciato la testata?

      Mai visto film polizieschi in cui succede questo? Immagino di no. È una tecnica usuale. Se mi fai un torto io per ricambiarti distruggo te e vado a cercare gli scheletri nel tuo armadio e se per caso non ci sono ce li netto a suin di dollari! Oh quanta credulità ha la gente!

      Io ricordo di aver visto di recente un film dove una regista, Brizza Fausti , viene calunniata e trascinata nel fango da un attore di terza categoria, un tal Platino Oceania, convinto di essere un oscar mancato e che lucra sul fatto di essere un povero molestato… l’hanno trasmesso da poco ma non mi ricordo dove…

      "Mi piace"

      • Weinstein quante persone lo conoscevano prima di questa situazione? Se voleva attirare i media s’inventava qualcosa su Brad Pittvo George Clooney.Chi cavolo lo conosceva a questo Weinstein! Quando passano i titoli chi se ne frega del produttore. Si guardano solo attori e regista.
        Dunque se l’attricetta cercava il clamore non sceglieva uno sconosciuto ma un volto famoso. Chi cavolo l’aveva mai visto sto Weinstein?!

        "Mi piace"

        • L’attricetta si è precipitata a fare la vittima solo dopo che è scoppiato lo scandalo, garda caso anche quello dovuto ad un articolo del NYT, insieme a tante altre che dopo lo scoppio dello scandalo si son precipitate a denunciare violenze, prima invece i rapporti erano cordiali.
          Non penso che una prenda un volo intercontinentale solo per incontrare uno che detesti se non costretta da cause di forza maggiore.

          E visto che in italia la vicenda ha avuto clamore, la tizia l’ha sfruttata fino in fondo vendendosi come “alfiere” del movimento me too.

          "Mi piace"

          • Una donna quando e tra in un hotel con un uomo che crede “serio professionista” non sa che dentro una stanza può diventare tutt’altro.
            Dunque anche la Hunziker ha sfruttato la sua esperienza di stalking per creare un movimento. Allora tutte le donne che hanno usato la propria esperienza personale e hanno fondato un movimento sono tutte stronze che sfruttano il momentobin cerca di fama?!

            "Mi piace"

          • e un serio professionista ti invita in un hotel, nella sua stanza per “discutere” del contratto.
            Parliamo della figlia di un regista da sempre in quel mondo o di una tizia vissuta fino ai 21 anni suonati nel monastero delle orsoline?

            Piace a 1 persona

          • Appunto, il pregiudizio è la peggiore tortura per una vittima. Dunque se fosse stata una giovane americana di famiglia religiosa e morigerata sarebve stato stupro ma siccome si tratta della figlia drogata e ribelle di un regista allora….Bene..questa è la prova che le apparenze contano più di tutto. Ma basta mi sono proprio stancata.

            "Mi piace"

          • Fosse stata una appena uscita dalle orsoline la “buona fede” di sostenere che a lei non è sembrato per niente strano un colloquio di lavoro “in una stanza privata di albergo” potrebbe anche esser plausibile.

            Per una che invece dovrebbe conoscere bene il mondo del cinema, che frequenta da quando aveva nove anni e visto che anche lì le voci girano, e come se girano, l’ingenuità di pensare che non ci siano “inviti nascosti” nell’invito a discutere del contratto in una stanza di hotel suona un pochettino falsa.

            Come dire, se il fw dell’ufficio segnala l’accesso al sito xxx “www.ilprno.inv” io potrei dar la colpa ad un errore di battitura sostenendo che volevo vedere invece il sito, permesso, “www.ilperno.inv”.
            Dare la colpa ad un errore di battitura posso farlo anche se il sito incriminato fosse stato “www.tettone-ninfomani-assatanate.inv”? Sì, ma difficilmente verrei creduto.

            "Mi piace"

          • Questi errori succedono eccome. Infatti c’è gente che per uno sbaglio viene condannata a vita ad esser creduta quella che non è.
            A volte anche facendo stupide ricerche su google o nel cell, specie chi non è esperta/o può salavare cose assurde negli appunti e se l’altro li trova chissà cosa pensa, eppure, basta un click.
            Dunque lei è una donna navigata? sì, adesso forse, ma non quando aveva 21 anni.
            Girava nel mondo del cinema italiano allora e non sapeva cosa fosse il grande mostro di Holywood. Ci sono molte attrici italiana che vanno in America col sogno di fare film seri e poi si ritrovano in certi ambienti. Sono tutte navigate anche quelle? dovrebbero sapere tutte che Hollywood è un posto marcio? Diciamolo a tutte! Sì, adesso che lei ha parlato credo che ormai tutte lo sappiano.

            "Mi piace"

          • Stando alle dichiarazioni della stessa Asia e di tante altre italiane a seguito della vicenda, se holliwood era una cloaca non che il mondo del cinema italiano, almeno nelle loro dichiarazioni, fosse lindo e pulitissimo come una sala operatoria… Penso che molti abbiano code di paglia lunghe kilometri, vedi proprio il caso Brizzi fatto fuori per insinuazioni poi riscontrate infondate (archiviato perché il fatto non sussiste).

            "Mi piace"

    • Mi piace questo gioco!
      Voglio partecipare anch’io:
      Weinstein è vittima di qualcuno più tentacolare e più ricco di lui, che è riuscito a raccogliere un buon numero di accusatrici tramite un mix di ricatti, soldi, comunione di intenti e spirito di protagonismo, allo scopo di eliminarlo dai giochi.
      Mai visto film dove Godzilla distrugge Tokyo? È un cataclisma usuale. Non c’entra un cazzo, ma mi piacciono i film.

      "Mi piace"

          • C’entra perchè, come ho detto prima nella risposta, il problema è che le donne non vengono mai credute o prese sul serio. Doveva scapparci la morta anche lì per riuscire a capire che si tratta di un mostro?Perchè mi sa che solo quando le donne vengono ammazzate son credute.
            E questo è un grave problema.

            "Mi piace"

          • se così fosse, come spiegare i tanti condannati per stupro visto che le donne non son mai credute?
            Purtroppo uno dei capisaldi dello stato di diritto è che chi accusa deve dimostrare e non chi è accusato a doversi discolpare.

            "Mi piace"

          • Tutti questi condannati per stupro che escono dopo due mesi? ah bene sì in effetti la giustizia funziona bene, non c’è che dire.

            "Mi piace"

          • hai qualche esempio?

            BTW con la riforma del codice penale è sparito il reato di molestie. Anche una palpatina al seno o una sdrusciata viene considerata violenza sessuale, seppure di minore gravità.

            "Mi piace"

        • Per avere una condanna ci vuole un processo. Per avere un processo ci vuole una denuncia. Alla polizia, non ai social e ai giornali. Quando i fatti sono dimostrabili, non vent’anni dopo, e soprattutto non dopo averne passati cinque ad attraversare l’oceano per incontrare il mostro che ti ha lasciato addosso odore sudore ricordi e incubi. E non sono certo le invenzioni di quattro stronzette in cerca di notorietà ad aiutare le vittime delle violenze vere, attirando tutti i riflettori unicamente su di sé e lasciando tutto il resto in ombra.
          A proposito, prima della vicenda Weinstein era onorato e riverito da presidenti e first ladies, altro che illustre sconosciuto.

          "Mi piace"

          • Sai benissimo che una persona che viebe violentata è così sotto shock che spesso vuole solo scomparire o morire e dimenticare tutto. Forse non leggi i siti di psicologia che riguardano le vittime eppure tu stessa dici di aver avuto questa esperienza. Dunque a 9 anni hai denunciato il tuo abusatore? Sono contenta per te. Io ne avevo 4 e non riuscivo a parlare più e a ingoiare nulla in bocca e ancora oggi non posso sapere chi fosse perchè, come affermò il mio psicologo di 5 anni fa ( quando finalmente riuscii ad affrontare qyel ricordo devastante) sicuramente era una persona vicina alla famiglia e il mio inconscio ha attuato una censura assoluta e scoprirlo sotto ipnosi è talmente rischioso per la mia integrità che il mio dottore mi ha detto che lui non si prendeva questa responsabilità. Credi che se una mattina, dopo tutti questi anni senza sapere chi sia stato, io mi svegliassi da un incubo dove ho finalmente visto il suo fottuto viso, crederei che la giustizia italiana gli darebbe la giusta punizione?
            Sai benissimo che la Legge e la Giustizia non funzionano come dovrebbero. Tutto passa solo attraverso il canale dei soldi. Si comprano giudici, avvocati, testimoni e chiunque….
            Weinstein era conosciuto da ladies and gentlemen ma per il pubblico che guarda i film era uno sconosciuto. Ho fatto una precisazione a riguardo.

            "Mi piace"

          • Sai benissimo che la Legge e la Giustizia non funzionano come dovrebbero.

            Il giudice non è un indovino; è un tizio che deve decidere davanti a due tesi contrastanti quale delle due abbia maggiori probabilità di esser vera e per far ciò ha bisogno di indizi e soprattutto di prove.
            Supponiamo che domani ricordi il nome; che prove “inchiodanti” si potrebbero tirar fuori? Temo che la risposta sia: “purtroppo nessuna” visto che è passato un sacco di tempo, e senza prove non si può condannare.
            A differenza dei film, dove spesso lo spettatore sa qual’è la verità e quale è la balla, nella realtà invece bisogna cercare di scoprirla, la verità e di dimostrarla.
            L’alternativa quale sarebbe? che se una dichiara di essere stata vittima e tira fuori una storia plausibile allora l’accusato deve essere condannato, a meno che non riesca a discolparsi? Beh in questo caso allora è meglio non scaldarsi troppo se anche la Argento viene “condannata” per le dichiarazioni di Bennet così come Weinstein lo è stato per quelle della Argento.

            "Mi piace"

          • Mi pare che Weinstein sia stato processato in America, dove c’è una giuria che credo non sappia niente di chi sia questa Asia Argento, e nemmeno delle altre “attricette”.
            Di solito nelle indagini si va a verificare se quella cosa è successa anche ad altre persone.
            Così come fanno quando accusano per esempio una maestra, verificano se l’abuso è successo anche su altri bambini.
            Questoperchè di solito uno stupratore seriale o pedofilo seriale non si limita ad una sola vittima.
            Bè, non sembra strano che giusto dopo tutta questa storia di Weinstein sto ragazzetto si faccia vivo solo ora?
            Cosa cerca? Mi pare logico che ti viene il dubbio. Asia Argento anche se non fa film è sempre lo stesso conosciuta, quanto meno per i suoi legami con Morgan e il padre famoso. Ma questo tipo perchè spunta adesso? troppe cose strane…..troppe….

            "Mi piace"

          • il processo è in fase di svolgimento; vediamo cosa deciderà la corte.

            PS
            perché ha parlato solo dopo che è scoppiato lo scandalo ed il tizio ha perso “il portafoglio”? troppe cose strane… troppe…

            "Mi piace"

          • Sai benissimo che una persona che viebe violentata è così sotto shock che
            Stai continuando a dare per scontato che Asia Argento sia stata violentata, ed è questa, abbi pazienza, la cosa assolutamente ridicola. Una che con l’«abusatore» ha continuato ad andarci allegramente a letto per cinque anni, attraversando l’oceano per andarci, facendosi ripetutamente fotografare teneramente appiccicata contro il suo corpo con l’espressione tenera svagata rilassata di chi ha appena avuto una scopata ben riuscita. Non basta dire che gli elefanti rosa esistono perché esistano davvero. Neanche se a dirlo è una donna.

            "Mi piace"

        • “Forse pensare che tutte le donne s’nventano cose è proprio…”
          … Una cazzata.
          È proprio una cazzata.

          Infatti non lo penso e in nessun modo lo si può desumere dal mio commento. Vedi cose che non ci sono, e questo è grave. Parlane col tuo medico, ti può aiutare.

          "Mi piace"

          • È veramente offensivo da parte tua dire una cosa del genere ad un”altra persona. Io da un dottore ci sono già stata e non ho problemi a parlarne. Tu credo che non ne abbia mai visto uno.

            "Mi piace"

      • L’abuso non è un gioco ma un reato. E venire a dire che Asia Argento è più ricca di Weinstein e si compra le donne per avere false testimonianze è come dire che Capitan Uncino ha tutt’e due le mani.
        Lo sappiamo benissimo chi comanda a Hollywood e non sono le attrici. Ma tu essendo uomo vedi le cose dalla parte degli uomini. Io la vedo dalla parte delle vittime e quasi sempre sono donne. Dimmi un caso, un articolo in cui una donna ha violentato o stuprato più uomini. Una serial killer sessuale. Dimmi pure, son curiosa 😊

        "Mi piace"

        • Ma chi ha mai detto che l’abuso è un gioco??
          E chi ha mai detto che Asia Argento ha incastrato Weinstein??
          Bisogna leggere solo ciò che c’è scritto nei commenti, non ciò che non c’è.

          "Mi piace"

  2. “Mai visto film polizieschi in cui succede questo? Immagino di no”.

    Ma a questo punto perché fermarsi qui? Io penso che Weinstein nel 2046, grazie ai suoi soldi, sia riuscito a trasferire la sua coscienza in un’avanzatissima intelligenza artificiale, a quel punto ha deciso di creare un androide cyborg, BNT-17, che ha poi inviato indietro nel tempo con lo scopo di assumere il nome di Jimmy Bennett, sedurre Asia Argento e poi accusarla di stupro, per infangare il Movimento che doveva rovinare la vita al Weinstein Junior (quello del 2017). Potrebbe anche darsi che lo stesso Weinstein del 2046 sia pure l’IA che controlla BNT-17. Per rendere il tutto ancora più diabolico.

    "Mi piace"

  3. –edit: ho sistemato un poco la formattazione in maniera che sia più chiara–

    Un po’ di osservazioni consuntive (abbiate pazienza se continuo a tornarci sopra, ma io su questa cosa ho il dente avvelenato.

    Mi pare logico che la prima vendetta di un boss come Weinstein

    Nel senso che è stato lui a dire al ragazzotto di denunciare Asia per screditarla?

    Weinstein quante persone lo conoscevano prima di questa situazione? […] Quando passano i titoli chi se ne frega del produttore. Si guardano solo attori e regista.

    Attore e regista non si guardano affatto perché quando vai a vedere un film sai già chi sono. Quanto al produttore, nessuno in Italia ha mai sentito nominare Carlo Ponti? Dino De Laurentiis? Quanto allo sconosciuto Weinstein che nessuno aveva mai visto, si tratta di questo signore qui:

    Una donna quando e tra in un hotel con un uomo che crede “serio professionista” non sa che dentro una stanza può diventare tutt’altro

    Non è entrata “in un hotel”, è entrata nella sua camera da letto: non è esattamente la stessa cosa.

    Fosse stata una appena uscita dalle orsoline la “buona fede” di sostenere che a lei non è sembrato per niente strano un colloquio di lavoro “in una stanza privata di albergo” potrebbe anche esser plausibile.

    Una appena uscita dalle orsoline in nessun caso avrebbe accettato di andare a discutere nella camera da letto di un uomo. E nessuna donna di età superiore ai cinque anni accetta di andare nella camera da letto di un uomo. Tranne che sia più che disponibile a farsi sbattere.

    Nessuno può capire cosa significa avete un uomo enorme addosso

    Lei ha detto che le ha rovesciato la gonna e si è messo a leccarla: non le stava addosso, bensì con la testa fra le sue cosce: difficile immaginare una posizione più comoda per liberarsi di un uomo in un quarto di secondo.

    il problema è che le donne non vengono mai credute

    Dominique Strauss-Kahn ha perso la possibilità di correre per l’Eliseo grazie a un’accusa di stupro fabbricata esattamente per questo scopo. E l’ha persa perché la donna che aveva inventato la favoletta È STATA IMMEDIATAMENTE CREDUTA, e ha continuato a essere creduta fino a quando indagini rigorose non l’hanno smontata. Asia Argento è stata immediatamente creduta, giornali e televisioni sono stati pieni per mesi di dichiarazioni di solidarietà per la povera vittima e anatemi contro l’orco, e come lei tutte le altre gallinelle: in quale mondo vivi?

    Dunque a 9 anni hai denunciato il tuo abusatore?

    No, né lui né tutti gli altri. Ma non vado neppure a frignare davanti alle telecamere per farmi pubblicità.

    Così come fanno quando accusano per esempio una maestra, verificano se l’abuso è successo anche su altri bambini.

    Come a Rignano, dove alla fine è emerso che i bambini – TUTTI i bambini – erano stati imbeccati dai genitori che torturavano i bambini per ore davanti a una videocamera per fargli dire quello che loro avevano deciso che dovessero dire.

    Questoperchè di solito uno stupratore seriale o pedofilo seriale non si limita ad una sola vittima.

    Certo: se si limitasse a una sola vittima non sarebbe seriale. Per essere più precisi uno seriale non si limita MAI a una sola vittima.

    Bè, non sembra strano che giusto dopo tutta questa storia di Weinstein sto ragazzetto si faccia vivo solo ora?

    Detto in altri termini: se Asia denuncia una violenza è credibile perché è una donna, se Jimmy denuncia una violenza non è credibile perché è un uomo. Perché così abbiamo deciso in nome della parità dei sessi.

    Tornando per un momento a Weinstein, vorrei fare una piccola (perché io sono profondamente modesta, come tutti sanno) considerazione. Prima che scoppiasse tutto questo bordello, si sapeva che era un sessuomane assatanato che salta addosso a tutte le donne? Se non si sapeva, ossia se nessuno se n’era accorto, vuol forse dire che a nessuna delle numerosissime donne che gli giravano intorno era mai saltato addosso? Ossia che tutte quelle che si trombava erano pienamente consenzienti? E se si sapeva, com’è che Meryl Streep, oggi fra le sue principali accusatrici, ha dichiarato davanti alle telecamere che “Weinstein is God”? Forse intendeva dire che è un dio a letto?

    Ho il dente avvelenato, dicevo più sopra. Perché queste gallinelle in cerca di notorietà, accaparrandosi tutti i riflettori, lasciano sistematicamente nell’ombra le vittime vere, come ho spiegato qui nella seconda parte.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.