Troppo di destra per poter essere considerato negro.

Stavo leggendo delle polemiche su Toni Iwobi e su Balotelli. Leggendole mi è venuto in mente questo vecchio articolo di Uriel, articolo che condivido.

Come scriveva Uriel, hai i diritti solo se ciò è utile al partito. Ecco perché un “troia devi morire” scritto su internet era accolto da piccate proteste e presentato come un attacco a tutte le donne se lA bersagliA era una specifica dONNA mentre passava sotto silenzio se il bersaglio era il ministro della sanità pro tempore, ovvero Beatrice Lorenzin, favorevole ai vaccini obbligatori.

Mi spiace ma per molti Toni (che poi, a differenza di cecil, non ha neppure le tette…) è troppo di destra per poter essere considerato negro.

Sorgente: Il suono sinistro dei diritti. | Niente stronzate ©

Siamo ancora al punto di prima: la sinistra definisce i diritti, ma li definisce in sede politica. Essi quindi sono validi solo  e se la ratio politica non e’ avversa. Nel caso sia avversa, il diritto dell’individuo perde e viene cancellato. (…)

Questo non avviene perche’ l’uomo di sinistra non creda nei diritti: ci crede eccome. Il problema e’ la definizione stessa del diritto, che non e’ individuale e non e’ attribuito alla persona.

Cosi’, il diritto a sinistra viene definito come:

    • Sempre discutibile in sede politica.
    • Piu’ debole della ratio politica, in contrasto con la quale puo’ decadere.
    • Attributo del partito in quanto ente politico, ovvero semplice posizione politica condivisa.

Non esiste, in sostanza , una cultura dei diritti individuali a sinistra. Esiste una cultura politica dei diritti, che e’ una cosa diversa. Io ho diritto alla vita se non esiste una ratio politica che dica il contrario, e se cosi’ fosse il mio diritto alla vita dovrebbe venire meno. Come vengono meno i diritti alla vita privata  di ogni cittadino che faccia politica: la politica prevale sulla persona.

Questo che sto facendo non e’ un giudizio od una condanna: prendo atto che per l’uomo di sinistra la posizione politica possa far venire meno dei diritti individuali, e quindi per la sinistra i diritti individuali sono piu’ deboli della politica. Sapendo che la pensano cosi’, sara’ poi una mia cura chiedermi se li voglio al governo.

Si tratta di una posizione legittima: i cattolici, per esempio, sottomettono i diritti alla teologia, e quindi qualora un tuo diritto si scontri con la teologia esso perde la partita. Non si tratta di una posizione strana, dunque, ne’ inaudita. E’ semplicemente la loro idea di diritti: qualcosa che e’ piu’ debole della politica, e che quindi la politica ti puo’ togliere.

Non e’ vietato in se’ pensare questo: e’ legittimo quanto chiedersi se vogliamo una simile idea di diritti  al governo. Tutto qui.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.