Catalogna o del genio di bossi.

Sto vedendo cosa sta capitando in catalogna; imho il governo regionale catalano è come uno di quei giocatori che ha tentato un bluff e si è trovato davanti un altro giocatore che non ci ha creduto e ha urlato vedo1.
Se scopre le carte si vede che in mano non ha in mano niente quindi deve tenere in ogni modo le carte in mano e cercare disperatamente di alzare ulteriormente la posta.

La dichiarazione di secessione è una stupidata, e le motivazioni sono banali: non hai un esercito capace di controllare il tuo territorio, ergo chiunque abbastanza “forte” può fare il BIP! che gli pare, e non hai una economia capace di sostenerti come stato sovrano. Dichiarare l’indipendenza significa trasformarsi in una repubblica baltica all’epoca del crollo dell’urss. Uno stato dove la valuta ufficiale era carta straccia, la valuta reale era il marco tedesco non il rublo, zeppo di mafiosi che giocavano ai signori della guerra. E le repubbliche si rialzarono grazie all’aiuto, interessato ovviamente2, di grossi stati stranieri.

Le domande da porsi sarebbero: chi, estero, riconoscerebbe la Catalogna indipendente e chi sosterrebbe la sua moneta permettendoli di comprare nel mercato internazionale le merci cui hanno bisogno. L’ultima carta rimasta alla catalogna è paventare il rischio di avere un kossovo, in vendita al miglior offerente3, fra Francia e Spagna. Mollare spagna ed europa per “doversi vendere” a cinesi o arabi (ah la reconquista) mi sembra una azione di cotale intelligenza da far sembrare Antonio Razzi un gigante della politica da collocare fra Cavour e Bismark.

Da una parte l’UE non vorrebbe avere un kossovo al suo interno, d’altra parte è consapevole che se si cala le brache davanti alla catalogna poi si trova alla porta gli indipendentisti greci, sardi, corsi, baschi etc. etc. e dall’europa dei 28 si passaserà all’europa dei 100.000 (fra cui il regno di Tavolara, la repubblica di Malu ‘Entu e il principato della scala B del condominio di corso Cagliari 42, Baradili (OR))

Non so come va a finire; imho comunque se si dovrà scegliere penso che l’europa si schiererà per il “colpirne uno per educarne cento”.

Sto rivalutando Bossi e le sue sparate; è stato folkloristico come il governo catalano ma ha avuto, o la cacarella o il buon senso, di fermarsi un attimo prima di far precipitare le cose in una situazione “irrecuperabile”, cercando di massimizzare i vantaggi evitando però di infilarsi in un “cul de sac”.

Da notare anche il solito bipensiero della politica italiana: le sparate secessioniste della lombardia sono esacrabili mentre, siccome il governo spagnolo è di destra, le stesse sparate Catalane sono da esaltare in quanto sacrosanta autodeterminazione dei popoli…

 


  1. Rajoy è stato un idiota. Più che mandare la polizia a menare sarebbe bastato chiudere all’istante tutti i rubinetti, difficile fare la rivoluzione se la prospettiva è fare la fame. 
  2. Casualmente sono entrati nella NATO ed hanno basi USA nel loro territorio. Ma solo per gratitudine eh… 
  3. il mondo è pieno di stati “francescani” il cui unico scopo è fare il bene del prossimo… 
Annunci

9 pensieri su “Catalogna o del genio di bossi.

  1. Mmm non saprei. Secondo me la Catalogna può facilmente trasformare i Mossos nel suo esercito. Sono fedeli alla causa e ben addestrati. Inoltre non credo che subirebbero mai pressioni militari. In quanto a fare la fame, anche li, bisogna vedere… Hanno un porto molto trafficato, hanno anche agricoltura e industria alimentare. Io a Barcellona compravo solo roba prodotta in loco non per altro, ma perché era economicissima.
    Quindi secondo me l’unico vero rischio è l’ingerenza cinese/araba. Ma l’indipendenza la vedo parecchio vicina…

    Mi piace

    • La questione dipende molto dall’economia; il punto critico è: la catalogna rimarrà nell’euro o no? e nel caso la catalogna non rimanga nell’euro quanto potrà essere forte la sua nuova moneta per permetterli di avere una economia capace di autosostenersi? Perché la catalogna non ha miniere e non ha petrolio o risorse naturali da poter essere utilizzate come merce di scambio.

      Il “grexit”, nonostante il referendum di Tsipras, venne evitato proprio così: i governanti greci si sarebbero resi conto che uscire dall’euro avrebbe significato doversi svendere al miglior offerente, la nuova dracma sarebbe stata carta straccia e le risorse estere le si sarebbe potute comprare solo in valuta pregiata; ovvero gli svantaggi dell’euro senza i suoi vantaggi.

      Roba che, ad esempio, si vide in italia quando la “svalutazione competitiva” divenne un vizio. All’estero i pagamenti venivano accettati solo in valuta locale o dollari; ergo il rischio di cambio era tutto lato acquirente, e con le svalutazioni i rischi erano alti.

      Magari poi scrivo un post sulla finanza allegra degli anni 1970 e poi…

      Mi piace

      • La Catalogna rimarrà nell’Euro?
        Il discorso è doppio: la Catalogna può decidere di usare l’Euro come propria moneta di sua iniziativa, credo almeno, ma per tutti gli accordi che ruotano intorno all’Euro dipende dalla UE e/o dalla BCE… ergo almeno in parte dalla benevolenza della Spagna (visto che alcune cose possono essere decise solo all’unanimità).

        Mi piace

        • Può deciderlo; ci son altri stati che pur non essendo “nell’euro” lo hanno adottato, unilateralmente, come valuta corrente; però per un indipententista quanto potrebbe essere accettabile stare in una moneta “fonte di tutti i mali” senza poter però avere voce in capitolo sulle politiche monetarie?

          Mi piace

      • Ad ogni modo, la Spagna ha portato un colpo veramente basso e potente ora, con la facilitazione del trasferimento delle sedi delle più grosse aziende catalane in territorio spagnolo. Persino la loro banca “nazionale” ha abbandonato la nave. Ora non solo un’indipendenza sarebbe difficilissima economicamente, ma persino qualsiasi altro “deal” trovino con la Spagna, avrà prezzi salati per la Catalogna.

        Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...