Sporcarsi le mani…

stavo discutendo con Zharthas sull’alternanza scuola lavoro e sul “sporcarsi le mani”.  Sembra che nel “sporcarsi le mani” e capire cosa significhi ci sia un sacco di pudore. L’idea Crociana che il dotto sia quello che sa e che non debba abbassarsi al volgare lavoro materiale ma limitarsi a speculare filosoficamente sulla vita, l’universo e tutto quanto1. Peccato che oggi sia solo una posizione anacronistica che, salvo qualche fortunello, significhi candidarsi ad un futuro di disoccupazione.

Questo idealismo, della cultura contrapposta alle mere esigenze materiali, lo possiedono principalmente i docenti, soprattutto quelli che non son mai usciti da scuola ma si son limitati a spostarsi da un lato all’altro della cattedra senza aver mai lavorato fuori dalla scuola, e i vecchi dipendenti pubblici, quelli che hanno trovato il posto più per meriti politici che affrontando, con il coltello fra i denti, concorsi dove si parte in mille per i dieci posti in gara.

Uno che conosce il mondo del lavoro è consapevole di quanto sia utile conoscere il prima possibile le sue dinamiche e le sue logiche; fosse anche il capire che il cliente lo devi trattare bene anche se si rivela essere uno stronzo cafone2.  Vedi, dietro le quinte, cosa vuol dire lavorare, come ci si deve comportare, quali sono i vincoli, cosa sono le consegne.

Si tratta di cose molto utili che spesso ti formano e ti fanno tornare a scuola con uno spirito diverso. Ti fanno capire a cosa serve realmente e a chi serve realmente quello che stai studiando. E ti fanno evitare di compiere gravi errori quando ti relazioni con il mondo del lavoro, come ad esempio il fare le figure da studentello borioso ai colloqui di lavoro finendo con il bruciarti dall’inizio.

Il fatto che la scuola non le consideri un utile complemento ma, soprattutto i licei, le considerino una grave e inutile perdita di tempo getta una fosca luce sui reali scopi del liceo. In pratica si sta dicendo che un liceale che non riesce a laurearsi è solo un fallito impreparato a qualsiasi lavoro. Un ottimo spot per la fuga dal liceo.

Il mondo non funziona secondo i sogni della gente ma secondo il risultato dello scontro fra i desideri delle persone e la realtà materiale. Prendiamo ad esempio la filosofia; perché dovrei pagare qualche insigne filosofo per raccontarmi le stesse cazzate sulla vita l’universo e tutto quanto che trovo gratuitamente su FB? Chi spera di mantenersi a vita semplicemente sparando cazzate inframezzate da qualche parolone, spesso usato a sproposito, o ha una fortuna oscena, comparabile con quella di chi vince alla lotteria, oppure finisce male. Il mondo reale non è il mondo dove i McDonald son desolatamente vuoti mentre son piene le agorà ove i filosofi, spesati di tutto, tranquillamente passeggiano ammaestrando gli altri secondo la loro dottrina.

Ad esempio il cittadino portavoce morra, ex docente di storia e filosofia, ha scritto.

Accordo tra il Ministero dell’Istruzione e Mc Donald’s

Sì, avete capito bene. Il governo che doveva promuovere il brand italiano, le aziende agricole italiane ed il cibo italiano nel mondo, manderà 10MILA STUDENTI GRATIS a prestare servizio nei Mc Donald’s.

Il programma è quello dell’alternanza scuola-lavoro, per “far capire” ai ragazzi cosa sia il mondo del lavoro. Ma a me sembra che qui si voglia “subalternare”, “assoggettare”, lo studente al grande colosso statunitense, per fargli comprendere che cosa lo aspetti fra qualche anno…..

Si chiama lavoro, e i ragazzi dovrebbero giungere al mondo del lavoro. O si pensa di convertirli in massa al breatharianesimo riprendendo le esperienze del compagno pol pot?

Cosa impara un ragazzo fra un cheesburger od un mc chicken, se non la cultura degli allevamenti intensivi, la speculazione capitalista attuata anche sull’alimentazione, la sostituzione della Coca-Cola alle bevande della nostra tradizione e la precarizzazione -o forse sfruttamento- dei lavoratori??

Se il cittadino portavoce ha prove di un reale sfruttamento dei lavoratori prenda carta e penna e denunci alla magistratura. Altrimenti è solo pseudosindacalismo per carpire voti e sostegno da chi pensa ancora che il reddito di cittadinanza sia un qualcosa di possibile3 e realizzabile.

Sono senza parole. Un consiglio da padre, prima ancora che da insegnante e da portavoce dei cittadini: non permettete che ai vostri figli insegnino, come modello, la cultura di Mc Donald’s! A meno che non si voglia un mondo chiamato a scegliere solo tra Hilary e Donald…

Sinceramente, un condensato di malafede e di sterile ideologismo. Tante lagne contro la cultura “Mc Donald” e nessuna alternativa… Un parlamentare dovrebbe andare oltre le lagne sterili e proporre alternative. Si parla di formazione e di come facilitare l’ingresso degli studenti nel mondo del lavoro, non di Donald o dei massimi sistemi. La soluzione Renzi può essere una mezza stronzata ma una mezza stronzata è sempre meglio del nulla assoluto.

Oggi serve sporcarsi le mani, serve ancora partire dalla gavetta. Io ho, dal punto di vista lavorativo, sistemando a mano codice HTML, E ai tempi l’HTMLista era il lavoro informatico più basso che ci poteva essere, l’equivalente ad un netturbino o ad una donna delle pulizie. Se avessi preteso di partire come DBA senior o Project Manager starei ancora a fare la fame.

Quello che manca alla scuola, e queste polemiche lo dimostrano, è un bel bagno di realtà. Il comprendere che bisogna venire a patti con il mondo reale e non scappare nel mondo delle idee di platone.

PS attendo con trepidazione l’articolo del Maestro sulla questione. Ci sarà da ridere, molto.


  1. La risposta è 42, e, nota la risposta, è finita la filosofia. 
  2.  Il cliente che ci si può permettere di perdere e di sfanculare di brutto è quello che “costa” più di quanto ti fa guadagnare. Come ad esempio, nel caso dell’informatica, quelli che, a fronte di un mero acquisto di mouse, pretendono assistenza 24/7 su tutti i problemi del PC con il pretesto che con gli altri mouse il PC va da dio. 
  3. chi crede al reddito di cittadinanza incondizionato ha qualche piccolo problema con la matematica… 
Annunci

Un pensiero su “Sporcarsi le mani…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...