Anonimato e identità: il caso Elena Ferrante e la vittoria del Dio Tutti

fallischaung

Stavo leggendo alcuni commenti in merito allo SGUP del Sole24Ore che ha scoperto (urca! urca!) l’identità della scrittrice Elena Ferrante.

Non so voi, ma questa storia mi ricorda i vecchi articoli di Uriel quando evocava lo spettro del Dio Tutti, e col senno di poi potremmo dire che ha avuto ragione, visto che i sintomi si vedono tutti. Lessi molti suoi articoli in merito e anch’io, come lui, concordavo che tra la massa, tra la gggente c’è qualcosa che non va.

Il Dio Tutti è il dio del conformismo, l’agglomerato dei più retrivi istinti della maggior parte delle persone. Bisogna essere inquadrati, ben visibili (perchè se sei visibile è più facile giudicarti), e mai provare ad essere più di sè stessi. Guai a coloro che si discostano dai suoi comandamenti, essi sono peccatori che vanno puniti e stanati.Basta vedere alcune reazioni che ho letto: “Eh, ma se aveva uno…

View original post 200 altre parole

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...