Shitstorm

A quanto pare la triste vicenda della ragazza suicidatasi sta scatenando una bella shitstorm sui social network, da una parte dementi che invece di un sano e corretto silenzio davanti alla vittima esternano la propria idiozia con commenti ingiuriosi come: “troia te la sei cercata”, “ben ti stà vaccona…”, “così impari a fare i film porno”, e dall’altra tanti autonominatosi paladini del web che rilanciano tali commenti demenziali invocando la vendetta del uebbe sugli autori di tali genialate, genialate spesso firmate con nomi e cognomi reali.

Che lezioni si possono imparare da tutta la vicenda?

  1. Nel uebbe e nei social scatenare shitstorm è facile, soprattutto se hai un poco di seguito, vedi la vicenda di nebo con barbie xanax. Vicenda demenziale scatenata da una, con molto seguito, ma incapace di capire un articolo e l’ironia, crudele, che esso conteneva leggendovi invece uno scaricare le colpe alla vittima.
  2. La vittima, per il mero fatto di essere vittima è sempre innocente e santa, anche se ha vinto un meritatissimo darwin award. Qualsiasi commento negativo sulle azioni, ed eventuali sbagli o errori, che l’hanno portata ad essere vittima vengono interpretati come attacco alla vittima. Questo è un comportamento che ritengo sbagliato, la compassione e la comprensione verso la vittima non devono però far ignorare che certi comportamenti possono essere pericolosi e far correre rischi altrimenti evitabili.
  3. La giustizia del uebbè è velocissima, più veloce di Lucky Luke, un cowboy capace di sparare alla propria ombra, ma poco garantista e poco attenta ai diritti degli imputati. Anzi spesso la condanna “a morte” precede non solo la sentenza ma anche l’accusa formale. Un bambino con la mitica “sei_colpi_che_non_si_scarica_mai” che spara a cazzo. Può piacere fino a quando qualche proiettile non ti prende in pieno.
  4. Nel uebbe è pieno di wannabe paladini che non aspettano altro che un pretesto per scatenarsi. Spingere simili imbecilli a scatenarsi contro i dementi che si son lanciati in offese gratuite verso la vittima significa, in parole povere, dire che l’errore non era nel comportamento, il vomitare tonnellate di insulti gratuiti verso Tizia o Caio, quanto nel bersaglio scelto. Io invece penso che l’errore sia il comportamento, non il bersaglio scelto. E la scusa, infantile, di voler far assaggiare la stessa minestra è solo una foglia di fico.
  5. Che per dire certe cose o fare commenti non affogati nel mainstream è meglio usare un nick. Ho imparato su usenet e i newsgroups che è meglio tenere separate le piazze virtuali da quelle reali; il problema vero son quelli che passano dal fare i leoni da tastiera a fare i paladini anche nel mondo reale. Meglio che i mondi rimangano separati.
  6. Su FB e sui social bisogna pesare “bene” quello che si scrive visto che “verba volant e scripta manent”.

In questo articolo e nel precedente non ho scritto nomi direttamente collegati alla vicenda, sia per non alimentare anche io una inutile shitstorm, sia per portare visibilità a paTadini* del uebbe e ad insultatori assortiti vari.

*voluto.

Annunci

5 pensieri su “Shitstorm

  1. C’è un’odiosa paladina con molto seguito che per punire uno stronzo ha fatto partire la shitstorm con buona pace di tanti cuori sensibili ed attenti ai problemi: di quelli che dicono che è pericoloso fare questo o quello per reagire alla stessa maniera.

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...