ruolo politico e ruolo amministrativo.

Ho notato, in una discussione sul fatto, che c’è molta confusione fra il ruolo politico, quello che dovrebbe avere un ministro od un parlamentare, e il ruolo amministrativo, quello che dovrebbero avere invece i dirigenti del ministero o degli assessorati.

Il tutto nasce da una discussione, nei forum del fatto quotidiano, sulla buona scuola

Mario -> Shevathas • 21 ore fa
(…) Che fine ha fatto la famosa frase che nel pubblico si entra solo tramite concorso? Come fa un preside a giudicare la preparazione di un docente di materie che non conosce? Visto che critica in modo pesante la categoria degli insegnanti, cosa pensa dei ministri privi di laurea di questo governo? Che competenze hanno per decidere in materie che non hanno mai studiato?

Shevathas -> Mario • 20 ore fa
Partiamo dalla fine: dovrebbe essere noto dall’educazione civica che il ministro ha attività di indirizzo visto che le decisioni amministrative e gli atti amministrativi per il funzionamento del ministero non vengono prese dal ministro ma dalla struttura amministrativa e dai dirigenti di quest’ultima.

La frase di mario mostra chiaramente la confusione fra il ruolo politico e quello amministrativo; il politico ha compiti di indirizzo politico della struttura; terra terra dovrebbe decidere su quali ambiti puntare, quali progetti è meglio portare avanti e quali rinviare, decidere quali siano le situazioni critiche in cui è inderogabile intervenire e quali invece possono aspettare. Non si occupa di aspetti prettamente tecnici; scrivere il regolamento attuativo della legge XY, gestire il bilancio del ministero, emanare il bando di concorso. Terra terra, la legge che da mandato al ministero della pubblica istruzione di bandire un concorso per reclutare i docenti è stata emanata dal parlamento, il bando del concorso è stato predisposto dalla struttura amministrativa del ministero ed è stato firmato dal direttore generale del dipartimento dell’istruzione, non dal Ministro.

Infatti per amministrare un ministero servono molte e varie competenze: legislative, economiche, tecniche etc. etc. che è praticamente impossibile siano possedute da una sola persona. Ecco a cosa serve tutta la struttura amministrativa del ministero, ad attuare quanto decide il governo, il ministro o il parlamento. Non fa lui tutto il lavoro. Ecco perché io non vedo scandaloso che il ministro della sanità non sia un medico, che quello della difesa non sia un militare, che quello dei trasporti e infrastrutture non sia un capitano di lungo corso con il brevetto di pilota di aereo, patente DE e abilitazione alla conduzione di mezzi ferroviari, ovviamente laureato in ingegneria civile indirizzo infrastrutture. L’importante è che, se si deve emanare un regolamento sul traffico aereo tale regolamento venga predisposto da un esperti di volo e di diritto della navigazione aerea, non da archeologi e matematici.

Quanto sopra è, banalmente, la base di funzionamento della struttura amministrativa e politica dello stato, non è complesso e dovrebbe essere insegnata in diritto o in quella che a suo tempo si chiamava educazione civica. Eppure molti, anche docenti, dimostrano di ignorarlo, come dimostra il proseguo dei messaggi.

Mario -> Shevathas • 17 ore fa
(…)
Sul primo punto, vuole farmi credere che un ministro è un prestanome? che non conta nulla? Che sono i dirigenti a decidere? ecc… Ma allora perché i cittadini devono votare se tanto a decidere non sono i politici ma i dirigenti?…. perché discutere tanto sulla legge elettorale? Perché pagare oltre 10 mila euro al mese una persona diplomata che di fatto (in base al suo ragionamento) non conta nulla?
Non condivido i suoi ragionamenti, immagino che Lei fa politica o è pagato per difendere le scelte sbagliate, incomprensibili di questo governo. Per fortuna siamo in democrazia, chi non condivide le scelte di questo governo può sempre togliere la fiducia al momento del voto……

Sorvoliamo sulla solita accusa di “troll del PD”(1), da notare il colossale fraintendimento di quanto ho scritto. E, visto che mario dice in altri messaggi di essere un docente di ruolo e con molta esperienza, il dubbio che mi viene è: sta usando la tecnica dell'”uomo di paglia” mettendomi in bocca affermazioni mai fatte “il ministro non conta niente”, oppure è un analfabeta funzionale incapace di capire frasi come “il ministro decide cosa deve essere fatto e l’amministrazione decide in che modo deve essere attuato”. Nel primo caso direi semplicemente che certi “mezzucci” dialettici alla fine servono solo a squalificare chi ci ricorre. Se invece è analfabeta funzionale, è la miglior prova che la “buona scuola” pur con tutti i suoi difetti è un tentativo giusto di riportare in carreggiata la scuola. Se tu non sei in grado di capire, come puoi insegnare agli altri a farlo?

Uno dei problemi dell’italia è la grossa ignoranza riguardo all’educazione civica, come funziona a grandi linee la macchina dello stato, quali sono i compiti e quali sono i ruoli delle persone. Criticare la Lorenzin perché non laureata è solo ipocrita; in certe situazioni, stamina, si è comportata meglio di ministri laureati come Balduzzi, docente universitario di diritto costituzionale della salute e di diritto sanitario. Allo stesso modo il criticare Renzi per una buca sulla strada principale del paese; chi deve occuparsi delle buche sulla strada è il sindaco mica il presidente del consiglio; invece in italia abbiamo gli assessori comunali “alla pace nel mondo” e il ministro delle infrastrutture chiamato a rispondere della buca in via Garibaldi. Logico che se chiami le persone a rispondere di argomenti non di loro pertinenza ottieni le classiche assurdità all’italiana.

PS

da notare che battere sulle lauree e sul CV dei ministri alla fine diventa un boomberang; la Giannini è docente universitario e rettore, mentre il candidato in pectore presidente del consiglio del moVimento quanti dottorati e quanti master post lauream ha conseguito?

(1) Ecco perché la cultura di destra è sparita, tutti i colti son solo troll del piddììì 😀

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...