perché in italia s’è sempre in campagna elettorale

Perché la gente non accetta la sconfitta alle urne ma cerca di rovesciare il risultato nel dopo partita con mille mila pretesti fondati o meno.
Su change.org un amico mi ha segnalato una petizione, questa: https://www.change.org/p/ricorso-contro-l-esito-del-referendum-del-17-aprile-del-2016-matteorenzi-glgalletti-minsviluppo per chiedere:

-> che la magistratura indaghi renzi per il reato, inesistente nel codice penale italiano, di induzione all’astensione. Il comico è che a supporto della loro richiesta portano un articolo del fatto quotidiano.

Come osservato da ‘Il Fatto Quotidiano” il 15 Aprile scorso, infatti, nel 1985, la Corte di Cassazione dichiarò che “l’invito all’astensione è reato punito con pene fino a tre anni”.
Tramite questa petizione chiediamo, dunque, che i responsabili del mancato raggiungimento del quorum si assumano le loro responsabilità e si sottopongano al giudizio della Magistratura. 

-> che il Parlamento legiferi come se avesse vinto il Sì.

Inoltre, pretendiamo che la schiacciante percentuale dei SI (85,8%) venga comunque presa in considerazione in Parlamento per la revisione della legge sulle concessioni petrolifere entro le 12 miglia.

e la foglia di fico delle buone intenzioni è data da:

Nel lanciare questa petizione mi preme ricordare come gli ultimi studi sull’argomento rilevino che disinvestire (gradualmente) dai combustibili fossili e spostare le risorse sulle rinnovabili sia non solamente un obiettivo ecologista ma soprattutto una necessità economica
(…)
Pertanto, la perdita di posti di lavoro – addotta dagli astensionisti come ragione alla base del non voto – non sussiste, giacché le risorse finanziarie risparmiate potrebbero essere impiegate in maniera più efficiente e sostenibile per la creazione di posti di lavoro ‘GREEN’.

Che dire? la prima cosa è che il reato di “induzione all’astensione” è un reato inesistente ed inventato dai giornali, allo stesso modo del reato di “sesso con minorenne”(1).

La seconda invece la trovo comica. L’86% di voti a favore non significa nulla, o meglio il parlamento deve tener conto del numero totale dei voti espressi e non del solo valore percentuale; quell’86% rapportato non ai votanti ma all’intero corpo elettorale (~ 50 milioni) dice che i voti a favore son stati solo il 27% del totale degli elettori italiani. Pochini per pretendere che il parlamento ribalti una legge da esso stesso votata.

Se proprio c’è una cosa che non riesce è l’accettare la sconfitta.

(1) Non esiste il reato di sesso con un minorenne; con un minorenne che ha passato l’età del consenso e che è consenziente, legalmente, ci si può fare tutto il kamasutra acrobatico. Anche il partner ha 90 anni. Il reato in oggetto è stato inventato dai giornali parlando della vicenda Berlusconi, Ruby Rubacuori. In realtà il reato contestato al berlusco era quello di “prostituzione minorile”, non di “sesso con minorenne”.

 

Annunci

Un pensiero su “perché in italia s’è sempre in campagna elettorale

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...