perché la citizen science è una stronzata

Lo spiega benissimo Mattia in questo suo articolo. Da parte mia aggiungerei alcune osservazioni:

-> per fare scienza si deve parlare in maniera appropriata il linguaggio della scienza, e tale linguaggio è la matematica. Se le conoscenze matematiche del “citizen scienziato” si riducono ad un poco di algebra, se le frazioni sono argomenti avanzati e la geometria analitica è roba esoterica, la roba come l’analisi funzionale, la geometria differenziale o il calcolo tensoriale sono oltre ogni possibilità di comprensione, allora non si riesce a fare scienza.

-> la divulgazione serve a far capire a chi è a digiuno di scienza, come questa funzioni, ma a grandi linee e con tutti gli ovvi ed ineliminabili errori che si porta dietro un modello semplificato rispetto alla realtà. Così come una cartina stradale 1:200.000 non riprodurrà fedelmente tutte le strade, compresi i più remoti viottoli di campagna. Capire il modello divulgativo aiuta a capire la realtà del fenomeno ma per padroneggiarlo serve anche altro. Un esempio potrebbe essere la questione della forza e del lavoro. I libri mostrano cosa si intenda per lavoro di una forza e mostrano il caso più semplice di una forza costante e di uno spostamento lungo una linea fissa. E i conti, in quel caso, son semplici. Nel caso più generale invece ti salta fuori un integrale di linea, come mostra anche wikipedia. L’uso della formuletta semplificata L = F*s*cos(angolo fra F e s) è inutile.

-> da notare che parla di citizen science nell’articolo citato da Mattia è un avvocato non un fisico od uno scienziato. Eppure anche un avvocato dovrebbe conoscere che per trattare bene una materia occorre conoscere e padroneggiare bene il linguaggio settoriale di tale materia.

-> Quello che rovina la scienza in realtà è la superbia di chi si crede competentissimo in un campo e, quando prende svarioni dovuti alla sua ignoranza della materia o dei prerequisiti per comprendere la materia (matematica ad esempio, quanti citizen scienziati sarebbero capaci di calcolare la derivata di: “(x^2)*exp(-3*x)”?) ricorre alla fallacia “ad populum” per dimostrare di avere ragione. Il caso del processo ai sismologi per il terremoto dell’aquila è triste prova, la colpa primaria dei morti era delle case fatte con il culo, di chi le ha costruite e di chi le doveva gestire, non della mancata previsione del terremoto. Eppure si è cercato il capro espiatorio perché gli scienziati cattivi si son rifiutati di credere ai calli di zio Filippo.

Annunci

Un pensiero su “perché la citizen science è una stronzata

  1. Io proverei a fare Citizen avvocatura.
    Poi ti faccio sapere entro quanti millisecondi parte l’esposto dell’Ordine…

    Buon Citizen Natale

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...