Ignoranza, scusa o colpa?

la vittima si riconosce dal pianto mentre il colpevole si riconosce dal piagnisteo.
[Uriel Fanelli]

Se qualcosa è troppo bella per essere vera allora molto probabilmente non è vera
[Paolo Attivissimo]

Una cosa che trovo buffa in italia è che l’italiano medio è un dottore in tuttologia teorico-pratica da far schiattare di invidia pico de paperis, è capace di discettare magistralmente di argomenti che spaziano dalle cure mediche innovative (stamina) all’ingegneria strutturale (9/11), dall’epidemiologia (vaccini) alla finanza (signoraggio), oltre ad essere il miglior CT della nazionale di tutti i tempi. Un vero super esperto tranne in un caso: quando giocando in borsa finisce a perdere il culo. Immediatamente piagnucola che è un povero ignorante truffato e che lui poverino non sapeva. Piagnucola che non sapeva alcune regole basilari della vita come che il denaro non cresce sugli alberi oppure che maggiore è il rischio di perdere e maggiore è il guadagno potenziale.

Invoca la propria ignoranza come scusa e piagnucola che, siccome lui è ignorante, è stato truffato e quindi lo stato deve risarcirlo ovvero usare soldi di tutti per coprire le perdite di qualcuno. L’ignoranza è la scusa e la giustificazione per avere babbo stato che evita le conseguenze delle stronzate fatte.

No, non sono più d’accordo a considerare l’ignoranza una scusa; se sei stato imbrogliato in malafede, ti fanno firmare un contratto e poi cambiano unilateralmente le condizioni contrattuali senza comunicartelo,  non si può parlare di ignoranza ma di truffa ed è giusto che lo stato intervenga a legnare i truffatori. Se invece hai firmato una quintalata di carte e di liberatorie bevendoti come acqua fresca quanto diceva il venditore e non hai letto quanto stavi andando a firmare, beh figliolo:

sei un coglione!

Come dicevano i latini, verba volant, scripta manentleggere quanto si firma, soprattutto se si parla di tanti soldi, è il minimo sindacale. Mai avere fretta e prendersi il tempo per controllare e verificare tutto magari anche con qualche esperto, terzo rispetto al venditore.

Bisognerebbe smetterla di permettere che l’ignoranza diventi una scusante per l’irresponsabilità, che il piagnucolare ma io non lo sapevo, invece di generare una risposta del tipo:

Testa di cavolo e allora perché non ti sei informato?

generi risposte come: banche cattive che truffano poveri ignoranti.

Oggi la popolazione dovrebbe essere alfabetizzata, dovrebbe essere capace di saper leggere e scrivere e comprendere quanto scritto, ha gli strumenti per informarsi, gli è stato permesso di farsi una cultura. Se invece di studiare un minimo di matematica e di italiano, quel tanto che basta per rendersi conto che un prodotto finanziario “strasicuro” offre rendimenti elevatissimi rispetto ad altri prodotti finanziari considerati “più a rischio” forse c’è qualcosa di strano…

Non stiamo parlando di contadini costretti a stare in campagna 18 ore al giorno e che a malapena sanno scrivere il loro nome, parliamo di persone che almeno le scuole medie dovrebbero aver completato. L’ignoranza non è più una disgrazia ma oramai è una scelta consapevole e quindi, ipso facto, la scelta di rimanere ignoranti è una colpa.

TU sei colpevole della tua ignoranza e quindi è giusto che TU paghi per la tua colpa.

Questo nel mondo ideale, nel mondo reale invece, siccome purtroppo gli ignoranti votano, è pieno di gente pronta ad arruffianarseli sposando la tesi che l’ignoranza non sia una colpa ma sia la giustificazione per tante cazzate fatte. Se si nota adesso, per alcuni, gli speculatori (gente che investe soldi in prodotti finanziari sperando in incrementare il capitale) diventano investitori (gente che investe soldi in prodotti finanziari sperando in incrementare il capitale) e risparmiatori, anche a costo di rimangiarsi quanto detto prima (catrame e piume sugli speculatori). Tutto questo per carpire i voti di chi avrebbe l’interesse a rientrare in possesso, in qualche modo, del capitale bruciato.

Un ultima riflessione comunque: se 80 euro in più al mese son voto di scambio, il far restituire i soldi a chi, scioccamente, se li è giocati al casinò della finanza, cosa sarebbe?

Wanna Marchi libera e Ministro della Pubblica Istruzione!

 

 

 

Annunci

3 pensieri su “Ignoranza, scusa o colpa?

  1. Sottoscrivo in pieno. Io non voglio pagare per gli obbligazionisti di Banca Etruria, così come non volevo pagare per i bond argentini. Chi ce l’ha nel cul se lo tenga, diceva il vate non senza finezza. E anche su questo salvataggio in toto avrei da ridire. Comoda questa moda delle bad company! La cacca, con rispetto parlando, la lasciamo allo stato (stavolta mascherato da banche prestatrici, come se i soldi alle banche prestatrici non li avesse dati a tasso zero la BCE _ sempre con soldi nostri, non dimentichiamolo_, i guadagni alla nuova società. Mi pare che da Alitalia in poi l’andazzo sia quello). Io sono antico, ma per me le soluzioni erano altre: o si lasciavano fallire come sarebbe stato giusto (i correntisti fino a centomila euro sarebbero stati comunque tutelati) oppure si nazionalizzavano, almeno oltre ai debiti magari si poteva sperare in qualche credito. Ecco, ho dato il mio contributo di tuttologia bancaria. 🙂

    Liked by 1 persona

  2. Wanna Marchi e Stefania Nobile (a cui avrei dato volentieri una bottarella, dieci anni fa), restano sempre nei nostri Quori, come l’esempio magistrale della libera imprenditoria italica, vessata e osteggiata dagli sbirretti borbonici e da quelle immonde bestie dei magistrati bolscevichi.
    Pagare per del sale che non si scioglie del tutto in un bicchiere d’acqua è la giusta e sacrosanta tassa per chi, invece di stare in classe ad ascoltare, durante l’ora di scienze era in bagno a fumarsi una canna.

    😉

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...