l’importanza del campione di controllo

Stavo commentando nell‘articolo di Gava sui vaccini pubblicato dal fatto quotidiano e, come spesso capita visto che il predetto è omeopata, si è finito a parlare dell’omeopatia. Fra i tanti commenti è comparsa questa perla:

Anche le piante reagiscono all´omeopatia http://libri_su_omeopatia
Dallo stesso libro si impara che canfora dinamizzata fa andare via le formiche. So può fare lo stesso esperimento con lachesis dinamizzato. Sarà che le formiche non sono informate che l´omeopatia è troppo diluita per farle paura?

Perla che mostra come, nei corsi di scienze a scuola, spesso viene trascurata l’importanza del campione di controllo. Molto spesso viene raccontato l’esperienza o l’esperimento in questo modo: “se fai X, Y e Z allora succede così”. Non viene però detto: “invece se fai solo Y e Z allora la qual cosa non succede, e questo dimostra che una causa è proprio X”.

Che le formiche scappino dalla canfora dinamizzata è vero, però per dimostrare che sia proprio la dinamizzazione a far scappare le formiche dobbiamo provare, non solo che le formiche scappano dalla canfora dinamizzata ma che non scappano da quella non dinamizzata (campione di controllo). Se ciò avviene possiamo ragionevolmente sospettare che la dinamizzazione modifichi in qualche modo la canfora. Se invece le formiche scappano da entrambe allo stesso modo allora la dinamizzazione è ininfluente.

La canfora viene venduta al supermercato e in drogheria come rimedio per allontanare le formiche quindi scappano dalla canfora in ogni caso.  L’ignoranza del concetto di “campione di controllo” ti fa bere come acqua fresca la panzana che sia la “dinamizzazione” della canfora e non la canfora in sé a far allontanare le formiche.

Per vedere una proprietà mirabolante di un qualcosa devi confrontare due situazioni identiche la cui unica differenza è che nel primo caso la sostanza c’è e nel secondo caso è assente. Se i risultati coincidono (in senso statistico) allora la proprietà mirabolante non esiste.

L’omeopatia, nei confronti verso i campioni di controllo (placebo), è sempre uscita soccombente.

PS

Il confronto con il campione di controllo è stato anche il sistema usato per smontare la mirabolanti palle-detersivo, in ambiente controllato si è dimostrato che la pallina “lava” con lo stesso potere pulente dell’acqua senza pallina e senza detersivo.

 

 

Annunci

Un pensiero su “l’importanza del campione di controllo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...