la riserva frazionaria e la creazione di moneta dal nulla.

Adesso sui social gira il filmato di una tesi di laurea, che io ricordi la terza, sul signoraggio (qui si parla delle altre due). Non vorrei sbufalare per l’ennesima volta tutte le  storie sul signoraggio (qui ma basta una ricerca su google bufala signoraggio per trovare confutazioni a iosa di tale bufala) ma fare due piccole riflessioni.

Prima: se quella fosse una tesi di astronomia l’argomento potrebbe benissimo essere: “prove che la terra è piatta e si trova al centro dell’universo”, roba da espulsione immediata con infamia dal corso di laurea del laureando e del relatore per aver fatto discutere quella roba. Che qualità può avere una università che fa discutere e promuove il candidato nonostante tale tesi di laurea? Siamo seri, il rischio che i tagliatori di teste mettano in black list permanente tale università è forte. E chi ci perde/paga? chi si è laureato in una università riclassificata come sub-diplomificio che si trovano un titolo che non vale la carta cui è stampato, in secondo luogo i docenti. Tornando all’esempio dell’astronomia una facoltà che offrisse fra i suoi corsi anche ‘tarocchi e divinazione’ o di ‘astrologia quantistica’ avrebbe, anche nel mondo accademico, una credibilità sotto zero con tutto quello che implica. Cioè finché paga babbo stato sembra andare tutto bene ma non beccherebbe un soldo che uno da finanziatori esterni, e alla notizia che i suoi laureati son considerati paria gli unici studenti sarebbero quelli cui interessa un titolo che sia e son disposti a pagare per averlo.

Seconda constatazione: nella tesi ci sono un bel po’ di strafalcioni da far dubitare che il candidato abbia chiaro il concetto di credito e di debito. Tornando all’esempio di prima è come se uno studente di astronomia sostenesse che stelle pianeti aeroplani e uccelli son la stessa cosa visto che son tutte cose che stanno in cielo. Quello che mi ha fatto ridere è la bufala che la riserva frazionaria consenta alle banche di creare denaro dal nulla.

Come dovrebbe funzionare?

Ipotizzando una banca con 1000 euro di depositi con scadenza 12 mesi,
calcolato il vincolo del 2%, essa ha l’obbligo di tenere 20 come riserva e può prestare 980. Tali 980 euro possono poi diventare depositi della stessa o di un’altra banca e, ipotizzando che rimangono anch’essi depositi con scadenza 12 mesi, 19,6 euro dovranno rimanere in riserva (2%) e un massimo di 960,4 euro potranno essere prestati e così via.
Questo meccanismo consente di creare denaro dal nulla in quanto i depositi continuano ad esistere come denaro anche se, in alcuni casi, vincolati
nell’utilizzo immediato.

Dai 1000 euro di depositi iniziali nel sistema bancario, tramite le operazioni di depositi-prestiti-depositi, si crea un valore di circa 50.000 euro.

Incredibile, creare dal nulla 50.000 euro. Come funziona realmente?

Partiamo da Tizio che ha 1.000 euro. (Totale beni 1.000).

Tizio deposita i soldi in banca quindi la situazione è

Tizio -> credito di 1.000 euro con la banca

Banca -> 1.000 euro in cassaforte e debito di 1.000 euro verso Tizio.

Totale beni: +1.000 credito di Tizio verso la banca +1.000 soldi in possesso della banca – 1.000 debito della banca verso i correntisti = 1.000

abbiamo ancora 1.000 euro come valore totale. La banca presta i soldi a Caio

Tizio -> credito di 1.000 euro con la banca

Banca ->20 euro in cassaforte (riserva frazionaria), credito di 980 euro verso Caio e debito di 1.000 euro verso Tizio.

Caio -> 980 euro in cassaforte e 980 euro di debito verso la banca

Totale valore netto: +1000 (credito Tizio – Banca) +20 (riserva banca) +980 (credito Banca – Caio) -1000 (debito Banca- Tizio)+980 (soldi in possesso di Caio) -980 (debito Caio – Banca) = 1.000

E se Caio versa i soldi in banca e la banca poi li presta a Mevio?

Step 1: Caio riversa i soldi in banca.

Tizio -> credito di 1.000 euro con la banca

Banca ->1000 euro in cassaforte (20 di RF + 980 deposito di Caio), credito di 980 euro verso Caio, debito di 980 verso Caio e debito di 1.000 euro verso Tizio.

Caio -> 980 di credito verso la banca  e 980 euro di debito verso la banca

Totale valore netto: +1000 (credito Tizio – Banca) +20 (riserva banca) +980 (credito Banca – Caio) -1000 (debito Banca- Tizio)+980 (credito Caio – Banca) -980 (debito Caio – Banca) = 1.000

Sempre mille e non ci si schioda da lì. Anche se i soldi venissero prestati a Mevio il valore totale non cambierebbe affatto.

Tizio -> credito di 1.000 euro con la banca

Banca ->39,60 euro in cassaforte (la RF è il 2% del totale dei depositi), credito di 980 euro verso Caio e credito di 960,4 verso Mevio, debito di 980 verso Caio e debito di 1.000 euro verso Tizio.

Caio -> 980 di credito verso la banca  e 980 euro di debito verso la banca

Mevio -> 960,4 di soldi in tasca e debito di 960,4 verso la banca

Totale valore netto: sempre 1.000

E allora dov’è l’inghippo, dove sono i 50.000 euro? L’inghippo della bufala è che si contano solo i crediti trascurando i debiti non considerando che il totale dei crediti eguaglia, in valore assoluto, il totale dei debiti e che crediti e debiti si elidono a vicenda. Se io e un amico ci scambiamo vicendevolmente 100 euro per cento volte il valore totale dei beni rimane di solo 100 euro, non diventa 10.000 euro; ecco spiegato quindi l’inghippo.

Adesso che un “dottore di youtube” ci caschi con entrambi i piedi è anche prevedibile, che ci caschi un laureato in economia lo vedo molto grave e ritengo parimenti grave che sia stato proclamato dottore nonostante tali bufale(1).

(1) Allora per prassi alla discussione della tesi si ascolta in silenzio e spesso la tesi, soprattutto se compilativa è solo un pro forma, difficilmente viene letta dalla commissione e spesso si arriva alla discussione con il voto di laurea già deciso. La tesi generalmente pesa per pochi punti.

 

Annunci

29 pensieri su “la riserva frazionaria e la creazione di moneta dal nulla.

  1. Considerare depositi e prestiti come sistema chiuso in cui nessuno ci butta soldi da mutui, ratei sottratti a stipendi, risparmi tirati su altrove? E il rettore chi era, Di Luciano?

    Mi piace

  2. naa! a parte che la riserva frazionaria NON FUNZIONA in questo modo.. dopo il bulletin di due anni fa della banca centrale inglese ancora dietro alla formuletta 100-2=98-1,96=.. mi state? ma-ddavvero sei convinto che NON si sono creati 50.000 euro SOLO perché risulta, contabilmente, un “debito” bilanciante? 😀 😀 😀
    la chiamano apposta “moneta debito”!! il debito (la passività) è moneta. lo dicono tutti i manuali di economia (la VOSTRA tanto cara e ufficiale economia). “Le passività di una banca sono moneta per gli agenti economici”. senza contare che poi scompare, nel nulla, la moneta appena creata, col rimborso del mutuo.. ma lasciamo perdere: IL SIGNORAGGIO E’ ALTRA COSA (da quello che dite voi e i vostri antagonisti).
    ve la faccio semplice: IL SIGNORAGGIO E’ L’AGGIO DEL SIGNORE.

    ve VOANDRI non sapete VEDERE cos’è ‘sto “aggio”..

    😀

    Mi piace

          • esatto. per le banche. (ma non hai scritto tu stesso “debito verso banca” “debito verso tizio”?). il perno della creazione è che la moneta viene creata DAL NULLA dalle banche AL MOMENTO di CONCEDERE il prestito. quando si chiede un mutuo la banca CREA in quel momento 100.000 euro. lo fa APRENDOTI un deposito. è il DEPOSITO che crea la moneta, non il contrario, ovvero non serve (alla banca) avere moneta per concedere il prestito ma concedendo il prestito CREA la moneta equivalente (i 100.000) che PRIMA non esistevano.

            Mi piace

          • e qui casca l’asino. Non è detto che quei 100.000 euro la banca gli abbia fisicamente in cassaforte però se non ha un quantitativo comparabile di euro in saccoccia o sotto forma di titoli o altri beni, il prestito non te lo può concedere in quanto la banca non ha il potere di battere moneta. Tale potere lo ha solo la BCE. Il monte dei paschi aveva non so quanti debiti, perché invece di un aumento di capitale non ha creato moneta e pagato tutto, se era nei suoi poteri creare moneta? E lo stesso le banche americane durante la crisi? perché?

            Mi piace

  3. è OVVIO che la banca commerciale NON ha i 100.000, infatti li CREA DAL NULLA. questo mostra che non conosci i meccanismi del mondo monetario ma ti diverte sfottere i “signoraggisti” (tranquo, neanche loro sanno di cosa parliamo, credono alle scie chimiche e ai rettiliani, pensa un po’!!)). le banche commerciali BATTONO moneta-commerciale, detta moneta-bancaria o moneta-fiduciaria. le banche centrali BATTONO moneta-legale (o moneta ad alto potenziale o base monetaria, tra cui la banconota). anche se sono espresse in EURO non sono la stessa moneta. la moneta che Monte dei Paschi fornisce accordandoti un muto è “moneta-bancaria”, non “moneta-di-banca-centrale”. le Riserve (moneta di banca centrale) sono i conti correnti che le banche commerciali hanno presso la banca centrale e sono, indovina un po’, una FRAZIONE della moneta (bancaria) che le banche commerciali hanno erogato. vuoi continuare? non ho problemi a spiegare, la prima volta, i meccanismi monetari di una banca..

    Mi piace

    • in ogni caso la moneta commerciale non può essere creata dal nulla ma deve essere agganciata alla moneta legale. Allo stesso modo in cui io posso scrivere un assegno solo se ho i soldi nel conto corrente a copertura dell’assegno. Infatti il rilasciare assegni scoperti non è che venga visto tanto di buon occhio anzi.

      Mi piace

      • non esiste “in ogni caso” e il tuo è il classico errore di chi non vuole studiare 4-paginette-4. la banca commerciale E’ LIBERISSIMA di creare 100.000 euro (aprendoti un deposito) senza avere un euro in cassa (né locale né presso le Riserve della BC). solo DOPO la creazione dei 100.000 si dovrà preoccupare di “accantonare” l’uno per cento da tenere in “Riserva”. e neanche in tutto il mondo, dato che in Canada, ad esempio ma anche in UK, Australia e altre decine di posti, non esiste la “riserva frazionaria”. senza contare il meccanismo della COMPENSAZIONE, che permette alla banca commerciale di operare con Riserve MINIME e con valori elevatissimi di moneta bancaria (pensiamo solo ai miliardi di miliardi di euro sotto forma di mutuo alle famiglie e prestiti alle imprese che esistono in questo preciso istante al mondo). continuiamo?

        Mi piace

        • continuiamo pure, visto che sei così informato puoi anche dare gli estremi legali delle leggi che permettono alle banche di operare così allo scoperto. E magari spiegare come mai il Monte dei Paschi invece di farsi un prestito ha dovuto fare un aumento di capitale per finanziare le sue perdite.

          Mi piace

          • Articolo 1
            Modifica del regolamento (CE) n. 1745/2003 (BCE/2003/9)
            L’articolo 4, paragrafo 2, del regolamento (CE) n. 1745/2003
            (BCE/2003/9) è sostituito dal testo seguente:
            «2. Un coefficiente di riserva pari all’1 % deve essere applicato a ogni altra passività compresa nell’aggregato soggetto a riserva.»
            da: https://www.ecb.europa.eu/ecb/legal/pdf/l_33820111221it00510051.pdf

            Articolo 4
            Coefficienti di riserva
            M1
            1. Un coefficiente di riserva pari allo 0 % si applica alle seguenti
            categorie di passività [come definite nel quadro delle segnalazioni relative
            alle statistiche monetarie e bancarie della BCE di cui al regolamento
            (CE) n. 2423/2001 (BCE/2001/13)]:
            a) depositi con scadenza originaria superiore a due anni;
            b) depositi rimborsabili con preavviso superiore a due anni;
            c) pronti contro termine;
            d) titoli di debito emessi con scadenza originaria superiore a due anni.;
            M2
            2. Un coefficiente di riserva pari all’1 % deve essere applicato a ogni
            altra passività compresa nell’aggregato soggetto a riserva.
            da: https://www.ecb.europa.eu/ecb/legal/pdf/02003r1745-20120118-it.pdf

            Mi piace

          • è la riserva che devono detenere, come è ovvio perché o i soldi li prestano o li tengono presso la BCE come è logico ma non mi sembra autorizzi a creare ex novo euro senza che tali euro siano scritti come crediti verso qualcuno o che vengano presi a prestito dalla banca centrale.

            Mi piace

          • che vuoi che ti dica? se non AFFERRI che l’euro posto in Riserva NON E’ l’euro creato dal direttore di banca quando autorizza un mutuo.. non sono capace di insegnartelo in altro modo. rimarremo ognuno sulla sua sponda, amen.

            capisco che ci siano delle difficoltà psicologiche ad accettare che gli antichi greci si accompagnavano con i bambini ma quella era, all’epoca, la realtà. se ne dovrebbe prendere atto e andare avanti.

            la banca commerciale CREA DAL NULLA una moneta che si chiama moneta commerciale (ed è gialla) e poi, solo in Italia e altri paesi europei, si preoccupa di trovare una moneta di banca centrale (ad es. marrone) da depositare in seno alla banca centrale.

            NON E’ LA STESSA MONETA PRIMA CREATA. E’ N’ANDRA! è marrone, non gialla. si chiama sempre EURO ma è n’andro tipo!!11!!11uno.

            ripeto: amen. 😀

            Mi piace

          • il che è come dire che una banconota da 50 euro è diversa da un assegno circolare del valore di 50 euro. Vero, verissimo. Parimenti vero che se io porto l’assegno in banca posso farmi dare una frusciante banconota da 50 euro o dieci banconote da 5. Il valore nominale è lo stesso e i due tipi diversi di euro sono perfettamente convertibili l’uno nell’altro. Ergo dal punto di vista del potere di acquisto di beni e servizi son la stessa cosa.

            Mi piace

  4. quando la banca commerciale apre un deposito di € 100.000 a tuo nome per un mutuo STA CREANDO € 100.000 in “moneta-bancaria”. POI, non prima.. POI!! poi dovrà depositare € 1.000 presso il proprio deposito (le Riserve) in seno alla banca centrale. questi € 1.000 NON sono creabili dalla banca commerciale perché sono DIVERSI (moneta di banca centrale). dovrà TROVARLI in seno alla BC. ci sono molti modi per “trovare” questa moneta (rifinanziamento della stessa BC, uso delle garanzie del mutuo, prestiti da altre banche, versamenti in contanti di clienti, riscossione di prestiti fatti ad altre banche, compensazioni (clearing) ecc..) ma le Riserve NON sono moneta-bancaria.

    ciao.

    Mi piace

    • io poi giro quei 100.000 a chi mi ha venduto la casa, e ovviamente vorrebbe convertirli in euro sonanti per le sue spesucce.
      Può farlo o no? e nel caso lo faccia, da dove saltano fuori le banconote che gli vengono affidate?

      Mi piace

      • ti ho risposto mentre scrivevi: sì, in teoria puo’ ritirare i 100.000 in contanti, con la banca centrale che svuoterà, se ci sono, tale valore nominale dalle Riserve che la banca commerciale ha presso di lei. se non ci sono son guai!! (ma anche no, dato che puo’ “rifinanziarsi” nei modi su descritti).

        Mi piace

  5. la banconota NON è (come) un assegno. l’assegno non ha potere liberatorio, ad esempio. infatti possono rifiutarlo (vedi i cartelli alle casse dei supermercati o negozi in genere). l’assegno è uno strumento di pagamento, NON è moneta. inoltre, quando ritiri la banconota dal tuo c/c la banca commerciale va a prenderla nelle sue Riserve (dato che le Riserve sono gestite dalla BC e contengono “moneta legale”).

    ESISTONO TRE TIPI DI MONETA. devi abituarti all’idea!

    ma perché non studi un po’ quello che scriviamo a tal proposito?

    usa google e cerca “cos’è la moneta” o “cos’è la compensazione bancaria”

    Mi piace

    • Rimane il fatto che vale la convertibilità 1:1 fra moneta legale e moneta bancaria. E quindi la banca può creare moneta ma non può aumentare la massa monetaria totale circolante. Quindi se la somma è M e la banca tira fuori X da qualche parte X dovrà sparire visto che sia prima che dopo la somma di tutte le monete di tutti i tipi rimane M e non diventa M+X. Banale algebra.

      Mi piace

        • basterebbe stampare tutta quella carta moneta e contemporaneamente far sparire quella bancaria. Ci vuole tempo e gestire le transazioni sarà un poco disagevole ma si può fare.
          Il problema dell’assalto ai bancomat è in realtà che il denaro “virtuale” puoi controllarlo meglio rispetto a quello reale. Difficile andare all’estero con una 24 ore piena di denaro virtuale, più fattibile con una zeppa di banconote da 50 euro.

          Mi piace

          • ti ho risposto sotto ma mi spiego meglio: NON puoi stampare ciò che NON HAI. la banca commerciale NON HA i 100.000 nel conto riserve e quindi la BC non puo’ stampare se non i miseri 1000. se li stampasse dovrebbe PRIMA iscriverli come DEBITO alla banca commerciale che risulterebbe ESATTAMENTE nela tua posizione legale quando firmi un assegno da 100 euro e in banca sul conto ne hai 3, ossia..

            esatto: INSOLVENTE ovvero BANCAROTTA.

            bravo. ci sei arrivato! ciao e grazie della chiacchierata.

            Mi piace

          • In realtà la banca ha però dei crediti, ad esempio verso di me cui mi ha dato i 100.000 euro. E cosa vieta alla banca di chiedere in prestito 100.000 euro reali da dare a Tizio e di renderli alla banca centrale man mano che io stesso rendo i soldi?
            Guarda un po’ ad un debito di 100.000 con tizio corrisponde un credito di 100.000 con me…
            E si torna al punto di partenza…

            Mi piace

      • ti aiuto nella risposta: sarebbe L’ULTIMA GUERRA MONDIALE.

        non c’è al mondo la moneta legale che possa supportare una richiesta di massa. si chiama corsa agli sportelli o bank run.

        il rapporto 1:1 è vero in percentuale, ossia nella famosa riserva (dove esiste!!).

        la banca commerciale crea il 97% della moneta in circolazione.. tu vuoi andare a ritirare il 97% di X sapendo che c’è ad aspettarti il 3% di X ?? banale logica.

        Mi piace

  6. ..e la tua banca (in rotta) dove prende 100.000 euro “reali” per ridarli alla BC? da un versamento in contanti o un prestito in moneta di banca centrale (ossia tramite/su Riserve) da un altro istituto, a livello accademico. ma è DOPPIAMENTE indebitata ora, no?

    certamente una banca commerciale fa di tutto per COMPENSARE i propri debiti e crediti con le “colleghe” ma chiedere un prestito è solo saltare da un piede ad un altro stando su un letto di brace.

    e poi.. se tutti ritiriamo il contante.. chi mai gli darà 100.000 (moltiplicati gli n-mutui accesi)??

    non esiste moneta legale se non il 3% del totale. è matematica. le banche commerciali OPERANO in totale regime di BANCAROTTA FRAUDOLENTA. le salva solo la complicità della banca centrale che presta qua e la qualche miliarduccio per coprire i buchi.

    Mi piace

    • ovviamente da rendere non istantaneamente ma a rate, man mano che io pago le rate a lei. L’alternativa sarebbe chiedermi di rientrare immediatamente o di cartolarizzare il credito con me (cosa che viene fatta normalmente)

      Mi piace

      • ma si era parlato di prelievo immediato e totale, no? la rata che porti alla banca commerciale è una cosa infinitesima, esattamente Mutuo:Anni. e poi ogni rata è composta da una parte capitale e una parte interessi, per cui..

        la verità è che le banche commerciali creano moneta fuffa, dal nulla, contando che nessuno vada mai a richiedere loro il corrispettivo ma si ontenti di usare assegni e bonifici e carte di credito, che son tutti strumenti che muovo moneta fuffa e non moneta legale e quindi sono strumenti non pericolosi per le banche stesse.

        inoltre i vari pagamenti così effettuati sono facilmente COMPENSABILI in camera di compensazione, sia interna alla banca (bilanciare gli assegni/bonifici tra i conti dei propri clienti è una soddisfazione per il banchiere che in tal caso ignora COMPLETAMENTE la banca centrale – potrebbe non esistere prorpio!) che interna alla banca centrale, che compensa i pagamenti tra clienti diversi di banche diverse (ma muovendo i relativi importi in moneta di banca centrale quando le compensazioni presentano un saldo positivo o negativo, cmq non nullo).

        che altro dirti.. è tutto scritto sui nostri siti e non mi pare il caso di riportare qui tutte le tabelle e gli articoli (se vuoi possiamo farlo, un copiancolla di un paio di articoli didattici).

        sei tu il webmaster.

        Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...