Le mie due dracme sul referendum greco…

Ok la grecia ha fatto il referendum, il miglior commento alla vicenda l’ha fatto lercio: “si ribalta il carro dei vincitori di tsipras, feriti 67 politici italiani“.

Per cosa hanno votato i greci? boh pochi lo saprebbero dire visto che il quesito era abbastanza ingarbugliato di per sè, anche se poi la vulgata l’ha trasformato in un referendum contro l’austerity. Hanno votato che non vogliono le politiche “di austerity” proposte dalla troika. Bene, benissimo, la scelta di non aderire ai “piani di salvataggio” è una scelta lecita e nei poteri del popolo greco. Quello che invece non è nei poteri del popolo greco è il decidere come la troika debba agire. Io posso, dopo un referendum in famiglia, dire al direttore della banca che non pagherò più le rate del mutuo e che si fotta. Non posso però pretendere che, conseguentemente alla mia decisione, la banca non mi chiuda il conto corrente e non mi revochi la carta di credito. Io posso decidere delle azioni in mio potere, non posso decidere delle azioni in potere degli altri.

La questione è banalmente questo: adesso Tsipras dovrebbe dire con quali fondi pensa di andare avanti, semplicemente. E scommetto che se ne vedranno delle belle e tanti pro Tsipras penso cambieranno repentinamente bandiera.

Ah un altra cosa che la vulgata frigna è che gli altri paesi sapevano che la Grecia aveva i conti truccati però è stata fatta entrare perché, gli altri paesi, avevano il loro tornaconto. Sì, è vero come è vero che però anche la Grecia ha trovato conveniente truccare i conti per entrare ed essa stessa ha avuto il suo tornaconto, ad esempio sui tassi di interesse dei suoi bond. Se fosse rimasta alla dracma, moneta debole, i tassi sarebbero stati molto più alti visto che comprendevano anche il rischio di cambio. Basta vedere la storia dei tassi sui bond italiani per rendersene conto, la bassa inflazione e i tassi bassi sono un merito dell’euro. Quando c’era la prassi delle svalutazioni competitive della lira, anni verso il 1970, in italia c’era una inflazione a due cifre e il potere d’acquisto veniva eroso molto rapidamente.(1) Ergo la Grecia non è il pollo truffato dagli altri paesi, non è giusto che riceva lezioni di onestà ma non è neppure giusto che si metta lei a farle.

Come andrà a finire la vicenda? Difficile fare previsioni, la troika non può cedere perché cendere con la grecia significherebbe cedere poi con Spagna e altri paesi ai quali la “finanza allegra” piaceva alquanto. Di contro se si arriva al muro contro muro la grecia dovrà giocoforza vendersi al miglior offerente e avere basi militari russe, cinesi o altro nel mediterraneo non è una idea che a molti va a genio(2). Un grexit con conseguente “morte” o “schiavitù” della grecia paradossalmente rafforzerà l’euro visto che mostra che sì è possibile uscirne ma a costo della vita.(3)

Vediamo come andrà a finire.

 

 

(1) Che poi il mitizzare il passato è una costante degli sbroc. Basta vedere le polemiche su big pharma e i vaccini per rendersene conto.

(2) Che gli altri stati rilascino prestiti ad una nazione che già si è dimostrata inaffidabile e con l’economia sgangherata senza “robuste” garanzie dovrebbe essere intuibile da chiunque abbia un QI pari almeno a quello di un carciofo. In Italia (e Germania) abbiamo avuto il piano Marshall ma anche le basi USA.

(3) Ah, i pasdaran della costituzione italiana più bellissima del mondo che rompono con il referendum sull’euro son pregati di leggersi l’articolo 75 della medesima.

Annunci

3 pensieri su “Le mie due dracme sul referendum greco…

  1. La cosa grave è l’enorme quantità di boiate che circola, tipo quella sulla “lezione di democrazia data all’Europa”, quando invece è stata una presa in giro della democrazia: come si può considerare valido un voto espresso sotto la minaccia di un prelievo forzoso del 30% dai conti correnti?
    È ovvio che Tsipras abbia truccato il risultato con questo e vari altri espedienti.

    Mi piace

      • Il film che vogliono vedere o anche quello che conviene far vedere. Ci sarà da ridere, perché non credo che nel lungo termine gli euroscettici saranno premiati da questa storia.

        Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...