Commenti che smentiscono gli articoli…

L’articolo del fatto quotidiano:

Ocse, in Italia abbandono scolastico oltre 17%. Siamo ultimi per capacità di lettura

L’Italia è “al di sotto della media per le competenze dei giovani, i metodi di sviluppo di queste competenze negli studenti e la promozione del loro utilizzo sul posto di lavoro”

Italia ultima tra i Paesi Ocse in quanto a capacità di lettura. I giovani in età lavorativa (16-29 anni) con scarse competenze in questo campo infatti, sono il 19,7%, mentre gli adulti (30-54 anni) con la stessa difficoltà toccano il 26,36%. Le percentuali sono contenute nell’ultimo rapporto Ocse su giovani e occupazione, basato su dati 2012-2013.

Se guardiamo alle competenze matematiche, l’Italia non è messa meglio. Il nostro Paese ha infatti la percentuale più elevata di adulti con scarse abilità in matematica, sono il 29,76%. Mentre i giovani italiani si piazzano al secondo posto per basse capacità con i numeri. Sono dietro solo agli Stati Uniti, con una percentale del 25,91%. La conclusione generale dell’Ocse non fa ben sperare: l’Italia è al di sotto della media per le competenze dei giovani, i metodi di sviluppo di queste competenze negli studenti e la promozione del loro utilizzo sul posto di lavoro.

(…) L’abbandono scolastico ha un impatto significativo rilevante sul livello di competenze: se si considera per esempio la matematica, la percentuale di persone con competenze insufficienti è del 58,5% tra chi non ha terminato le superiori, e scende al 27,7% per chi ha ottenuto un diploma.

e un commento all’articolo

Valentina • 2 ore fa
Ora qualcuno mi spiega sulla base di cosa l’Ocse fa queste valutazioni?
Cioè siccome i giovani lasciano la scuola intorno ai 17 anni, non sanno leggere?
No perchè io ho imparato a 6, loro non so.
E le capacità in matematica? Hanno spiato negli uffici quanta gente usa le calcolatrici?

(tono tristemente ironico) Sorprendente come bastino poche righe per demolire un articolo…

Annunci

3 pensieri su “Commenti che smentiscono gli articoli…

    • Chi soffre di simili deficit nella comprensione di un testo solitamente sguazza nel web (specialmente social e affini) ove per motivi strutturali viene favorita l’informazione parcellizzata e di rapido accesso. Il tutto a discapito ovviamente della capacità di visione complessiva di uno scritto qualsiasi.

      Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...