Costo del lavoro for dummies…

Una perla dai commenti dei forum del fatto quotidiano

Se umo è male attrezzato a capire come va il mondo e se insiste a vederlo come se si fosse 40 o 50 anni fa, poi non può lamentarsi di essere precario e/o di guadagnare poco.
In un’economia di mercato (cioè in TUTTO il mondo esclusa la Corea del Nord e – si spera ancora per poco – Cuba, gli stipendi e le possibilità di lavoro dipendono da due fattori:
1. Il valore aggiunto portato all’azienda
2. Il numero di persone in grado di fare il job in questione.
È quindi del tutto naturale che se uno porta un alto valore aggiunto e ci sono poche persone in grado di fare il suo lavoro guadagnerà un bel po’ di soldi. Anche MOLTI.
Mentre se uno sa fare solo cose di basso valore e ci sono legioni di persone che potrebbero fare lo stesso lavoro si deve accontentare di ciò che passa il convento.
Questa situazione c’è sempre stata, ma ora è particolarmente accentuata nei Paesi come il nostro dal fatto che lavori di tipo generico sia operaio che impiegatizio ne esistono sempre meno e sempre più soggetti alla concorrenza dei lavoratori dei Paesi meno ricchi, che hanno anche loro diritto a mangiare.
Non solo, ma si è diffusa la stupidaggine dei “lavori che gli italiani non vogliono fare” perché preferiscono laurearsi in Scienze Politiche con 90 e condannarsi alla precarietà a vita piuttosto che imparare a fare l’idraulico o l’elettricista.
Non vi sta bene questo stato di cose? OK. Ma, mi raccomando, quando farete la rivoluzione avvertitemi prima. Non vorrei perdermi lo spettacolo.

Che in poche righe fa piazza pulita di tutto il piangismo legato a lavori ad altissimo valore aggiunto come quello degli operatori di call center per il mercato consumer.

Che che ne dicano i sindacalisti si tratta di lavori a basso valore aggiunto e per i quali c’è un offerta strabordante di personale…

 

Annunci

Un pensiero su “Costo del lavoro for dummies…

  1. L’ha ribloggato su Buseca ن!e ha commentato:
    Parole sante. Se posso aggiungere i miei 2¢€, oggi è necessario metterci il cervello E sporcarsi le mani. Esattamente come fa l’idraulico o l’elettricista. Risolvono problemi. La gente ti paga bene se gli risolvi i problemi.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...