Processo Green Hill: la ricerca di sensazionalismo e la perenne insoddisfazione delle associazioni animaliste

Pro-Test Italia

I metodi in vitro, anche veterinari, usano anche anticorpi di cane (Immagine: Towerwood Veterinary Group) I metodi in vitro usano anche anticorpi di cane (Immagine: Towerwood Veterinary Group)

LETTERA APERTA AL DIRETTORE E ALLA REDAZIONE DE “La Stampa”

Gentile Direttore de “La Stampa”,

qualche giorno fa il Vostro giornale ha ripreso una velina Ansa riguardante il processo Green Hill, completamente decontestualizzata e faziosa. La seguente è per spiegare in modo corretto la questione, con auspicio di diffusione riconoscendo la serietà che avete dimostrato recentemente nel trattare argomenti riguardanti la ricerca e la Salute pubblica.

Ci riferiamo alla notizia che titolava: “Green Hill, gli imputati: I Beagle non venduti erano utilizzati per estrarne sangue e sieri”. Lasciando perdere il fatto che la dichiarazione riportata nell’articolo è una nota marginale per nulla inerente alle accuse rivolte a Green Hill, che riguardano quello che è successo dentro alla struttura e non quello che succedeva ai cani una volta venduti, e tralasciando anche che i media non stanno purtroppo raccontando…

View original post 715 altre parole

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...