Teorie gender, controesempio

Stavo leggiucchiando qualcosa riguardo alle teorie gender quando mi son imbattuto nella recensione di questo libro che parla della storia di David Reimer la cui biografia, tratta da wiki, è riportata sotto.
Brevemente David, nato maschio perse, a 7 mesi, il pene a causa di un incidente operatorio e, seguendo le teorie di genere del dott. Money, venne cresciuto come una bambina. Però l’esperimento è fallito, nonostante operazioni, ormoni etc. etc. non si è riusciti a trasformare Bruce in una bambina.
E il fiasco prova che non è possibile influenzare con l’educazione quello che uno sente dentro, anzi un educazione discordante fra i sentimenti di una persona e il ruolo che essa deve svolgere può essere causa di nevrosi.
In parole povere non è possibile trasformare un etero in un omosessuale con l’educazione e viceversa, non è possibile trasformare un uomo in una donna. Cosa che disturba alquanto tutta la comunità che si è raccolta dietro tali teorie fuffa e che, le difende a spada tratta, usando tonnellate di retorica politically correct.

David Reimer

Da Wikipedia, l’enciclopedia libera.

David Reimer, nato Bruce Peter Reimer (Winnipeg, 22 agosto 1965 – Ottawa, 5 maggio 2004), è stato un cittadino canadese che, nato maschio, dopo la nascita fu sessualmente riassegnato al sesso femminile a causa della perdita del pene durante una maldestra operazione di circoncisione. Lo psicologo John Money (1921-2006) seguì clinicamente il suo caso, guidando Reimer verso l’accettazione della condizione sessuale femminile. Money dichiarò che la terapia ebbe esito positivo: Reimer apprese la nuova identità di genere. Tuttavia il sessuologo Milton Diamond scoprì[1] che Reimer non si identificò mai con una donna e che dall’età di 15 prese a vivere come un uomo. Reimer stesso volle che la sua storia fosse resa pubblica affinché a nessun altro capitasse quello che era capitato a lui. Morì suicida nel 2004[2].Biografia

Bruce Reimer nacque, insieme al fratello gemello Brian, a Winnipeg (Canada). All’età di sei mesi, stante la difficoltà di entrambi di urinare, fu loro diagnosticata la fimosi, una condizione medica per la quale il glande è completamente coperto dal prepuzio. Fu deciso di circonciderli. L’operazione, eseguita il 27 aprile 1966, fu eseguita attraverso la bruciatura (cauterizzazione) dello strato di pelle che causava la fimosi. I due medici che non avevano mai adottato tale tecnica sul pene, sottoposero per primo all’operazione Bruce. Il risultato fu che il suo organo sessuale fu irrimediabilmente danneggiato. I medici decisero di non eseguire la pratica sul fratello Brian, che fu curato in altro modo.

I genitori di Bruce, preoccupati per la futura vita sessuale del figlio, decisero di portarlo in cura negli Stati Uniti. Avevano visto, alla televisione canadese, un’intervista allo psicologo John Money (dell’Ospedale Johns Hopkins diBaltimora), nella quale egli aveva illustrato la sua teoria sul genere maschile e femminile[3]. Money era uno dei principali sostenitori della Teoria della neutralità di genere, secondo la quale l’identità sessuale si sviluppa in base al contesto sociale (quindi è appresa) nell’infanzia e può essere modificata attraverso opportuni interventi.

John Money aveva una vasta esperienza nel trattamento dei pazienti intersessuati. Egli riteneva che i bambini nati con organi sessuali non chiaramente maschili potessero essere indirizzati verso l’altro sesso. Secondo Money tale trattamento poteva essere applicato anche a Bruce Reimer. Indicandolo come il modo migliore per garantire la felicità del bambino, consigliò ai genitori di modificare chirurgicamente i suoi organi genitali, trasformandoli da maschili in femminili, e di crescerlo come una femmina.[4]

All’età di 22 mesi Bruce fu operato da un’équipe di chirurghi del Johns Hopkins: gli furono amputati i testicoli, poi furono suturati “il funicolo e i vasi che nell’età adulta avrebbero avuto la funzione di portare lo sperma all’uretrarecisa. Nel rinchiudere lo scroto”, i chirurghi, agli ordini di Money, modellarono “una rudimentale vagina esterna”.[3]

Successivamente Bruce fu seguito nel suo sviluppo evolutivo secondo un programma di “riassegnazione”: egli doveva imparare a convivere con il suo nuovo genere sessuale. Fu rinominato Brenda ed educato come una bambina. Money lo visitò una volta all’anno per circa dieci anni. Il caso di Brenda era particolarmente interessante dal punto di vista scientifico per due motivi: innanzitutto aveva un fratello gemello, Brian. Si poteva così parametrare il suo sviluppo con quello di Brenda, i quali condividevano lo stesso patrimonio genetico e lo stesso ambiente familiare; in secondo luogo, era il primo caso di un riassegnamento condotto non su un soggetto che portava malformazioni congenite o prenatali, ma che era nato con organi sessuali normali.

John Money, sicuro che il trattamento avesse avuto successo, lo riportò nei suoi scritti come “il caso di John/Joan”. Il caso dimostrava che la Teoria della neutralità di genere era corretta. Brenda aveva sviluppato un’identità femminile. Lo psicologo si era basato anche sulle dichiarazioni dei genitori, che riferivano di comportamenti diversi dei due gemelli. Purtroppo i genitori di Brenda avevano mentito.

Reimer non era mai riuscito a vivere come una bambina, come testimonia la sua autobiografia.[5] Egli non pensò mai di essere una femmina. Visse invece tutte le angherie ed i soprusi che subiscono i bambini che non sono accettati dal gruppo: fu vittima di bullismo. Neanche gli estrogeni, che gli furono somministrati per fargli crescere il seno, indirizzarono il suo sviluppo. All’età di 13 anni Reimer iniziò a pensare di togliersi la vita ed espresse il desiderio di non vedere più il dottor Money. Il cambiamento di genere si era rivelato un fallimento, sia sul piano teorico sia su quello pratico.

Finalmente, nel 1980 i suoi genitori gli dissero la verità: seguendo il consiglio dello psichiatra di Brenda, gli parlarono del riassegnamento di genere[4]. A 14 anni Reimer decise di assumere un’identità maschile, cambiando il suo nome in David. Nel 1997 completò il ciclo di operazioni, che compresero: iniezioni di testosterone, doppia mastectomia e due interventi di falloplastica. Il 22 settembre 1990 David si sposò con Jane Fontaine.

La sua storia salì all’attenzione internazionale nel 1997, quando una ricostruzione del suo caso fu pubblicata dal sessuologo Milton Diamond[1]. Successivamente Reimer decise di rendere pubblico il suo vissuto raccontandosi allo scrittore John Colapinto. Ne uscì un vivido ritratto, pubblicato nel dicembre dello stesso anno sulla rivista a larga diffusione «Rolling Stone». Colapinto scrisse anche un libro, As Nature Made Him: The Boy Who Was Raised as a Girl [6]. Il libro, uscito nel 2000, smascherò Money e rivelò al mondo il fallimento del suo metodo[4].

Nel 2002 David perse il fratello gemello, morto suicida con un’overdose di antidepressivi. Il 2 maggio 2004 la moglie gli annunciò l’intenzione di separarsi. Due giorni dopo David si suicidò con un colpo di fucile. Aveva 38 anni.

Annunci

6 pensieri su “Teorie gender, controesempio

  1. Quel medico era un pazzo. La sola presenza delle gonadi maschili induce la differenziazione del cervello nel maschio già in età prenatale, con la produzione di testosterone.
    Chi sostiene la neutralità di genere ignora (volutamente?) la biologia.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...