integrar ghettizzando

No, non è una nuova tecnica che si affianca all’integrazione per parti e all’integrazione per sostituzione per calcolare esplicitamente gli integrali ma a quanto pare la nuova moda di integrazione delle minoranze.

Stavo leggendo questo articolo sul fatto quotidiano:

Donne islamiche escluse dallo sport a Sesto San Giovanni

Quando si parla di Islam, la polemica è sempre dietro l’angolo. Ma questa volta gli estremisti e l’Isis non c’entrano nulla.

Mentre a Milano le associazioni musulmane scendono in piazza contro il Califfato, a Sesto San Giovanni la Polisportiva Geas riserva la piscina Olimpia alle donne islamiche, ogni lunedì mattina, per una sola ora, a partire da gennaio. “Un classico esempio di discriminazione al contrario” per Viviana Beccalossi, assessore regionale della Lombardia. (…)

Intanto, a Sesto San Giovanni il centro culturale islamico traslocherà in via Trento, in attesa della costruzione della nuova moschea di via Luini sui terreni comunali, dopo lo sfratto dalla sede di via Tasso. Con il sindaco Pd Monica Chittò al centro delle polemiche, così come Giorgio Oldrini, ex primo cittadino di Sesto e oggi Presidente della Polisportiva Geas. Una querelle scoppiata, sia in rete sia in Regione, questa volta non per una moschea, ma per una piscina, in nome dell’integrazione. Un corso per sole donne, non solo musulmane, in ottemperanza all’interpretazione del Corano con la collaborazione del Centro Islamico di Sesto.

“La sezione nuoto della Polisportiva Geas ha accettato l’anno scorso di concedere un’ora il lunedì mattina alle donne islamiche per fare un corso alla piscina Olimpia. Possono entrare tutte le donne, non gli uomini, compresi gli istruttori. Nella discussione di allora c’erano pareri diversi (che perdurano ancora). Da una parte la considerazione che si tratta di una esclusione non sopportabile. Dall’altra però c’era per la prima volta la richiesta delle donne di una comunità che tende ad escluderle soprattutto dalla pratica di uno sport, che invece si proponevano di fare un passo avanti. Alla sezione nuoto è parso che fosse prevalente, nella valutazione tra pro e contro, questa seconda scelta, l’opportunità cioè per un certo numero di donne islamiche di avere uno spazio autonomo e di frequentare un luogo come la piscina. Sappiamo bene che è una scelta difficile la nostra, ma ci è parso che così fosse meglio, anche se alcune delle nostre dirigenti erano e sono contrarie”. Queste le dichiarazioni che mi ha rilasciato Giorgio Oldrini.

Apparentemente il discorso di Oldrini calza, le donne della comunità islamica chiedono di poter far sport però, in ottemperanza al loro credo religioso, di poter nuotare in un ambiente dove non è presente alcun uomo visto che per molte di loro viene considerato peccato il mostrare qualsiasi parte del corpo che non sia il viso e le mani ad estranei. E l’accontentarle viene visto come un segno di benevolenza e di apertura e di dialogo con la comunità islamica.

Per me è una stupidaggine pazzesca invece. Il primo motivo è che non si sta facendo integrazione ma anzi si sta favorendo l’autoghettizzazione degli islamici. Integrazione, a mio avviso, significa vivere assieme rispettando le stesse leggi e rispettando reciprocamente e nei limiti del buon senso i rispettivi costumi. Non significa invece che un gruppo debba soddisfare tutti i capricci dell’altro.

In italia è previsto che uomini e donne possano fare sport assieme e che non ci sia una rigida separazione fra di loro; se una donna vuole nuotare allora va a nuotare e chi trova in piscina trova oppure se ne sta a casa o si affitta tutta la struttura e in tal caso ci fa entrare chi vuole e come vuole.

Perché la storia della piscina riservata alle donne in realtà è una agevolazione dell’autoghettizzazione, autoghettizzazione che porta, come nelle periferie parigine o in certi quartieri del londonistan, a creare uno stato dentro lo stato, zone dove non vigono le leggi dello stato ma vigono le usanze e le regole che si autoimpongono i ghettizzati.

Potreste chiedermi dove sarebbe il problema se uno vuole chiudersi in un ghetto. Il problema sorgerebbe non appena le tradizioni e le leggi dello stato entrano in conflitto. Io posso evitare l’alcool e non farne uso, non posso però pretendere che nel quartiere dove vivo o nel palazzo cui abito sia vietato bere alcool oppure che al supermercato dove vado a servirmi sia proibita la vendita di birra. Il problema si è presentato sia a Parigi che Londra, quartieri dove non vige la legge dello stato ma dove vive un altra legge, quartieri che sono mine pronte a detonare nel caso di contrasti fra la legge del ghetto e la legge dello stato. Uno dei giusti lasciti dell’illuminismo è stata la preminenza della legge civile rispetto alla legge religiosa o meglio la loro completa scissione, non vedo perché si debba tornare al medioevo ed al cuius regio, eius religio.  

 

 

 

Annunci

3 pensieri su “integrar ghettizzando

  1. Il problema è che i benpensanti, che attualmente detengono il monopolio del dibattino, tuonano al razzismo e all’intolleranza ogni volta che si solleva il problema.
    Il fatto che il rispetto delle due culture debba essere reciproco, e non a senso unico, sembra essere troppo difficile da capire.

    Mi piace

    • salvo poi vedere i fuochi aritificiali quando due culture obbresse si incontrano. Come capitato a vegani e islamici riguardo alla festa del sacrificio ed alla sgozzatura di agnelli…

      Mi piace

      • Ricordo quell’episodio. I vegani sono altri che tendono ad autoghettizzarsi e sono anche quasi tutti fanatici. Anche loro andrebbero tenuti sotto controllo…

        Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...