la scoperta dell’acqua calda…

I migranti sono un business per chi li ospita

(…) Con la protesta di Sadali anche la Sardegna ha fatto da vicino i conti con l’emergenza-migranti, in una storia pasticciata che – a guardare l’epilogo della vicenda – di risolutivo ha avuto ben poco. Ma come funziona? Spiega l’inchiesta de L’Unione Sarda oggi in edicola in un articolo firmato da Cristina Cossu: le prefetture chiedono le manifestazioni di interesse (l’appalto più recente nelle quattro dell’Isola è di inizio estate), ricevono le offerte e compilano le liste in ordine decrescente di prezzo. Volta per volta, quando il ministero fa gli smistamenti nel territorio, i funzionari inviano alle varie destinazioni fino a esaurimento. Ci sono le società che gestiscono i grossi Centri, le cooperative, le associazioni di volontariato. Poi anche gli alberghi, gli agriturismo, i bed and breakfast. Prendono una media di 35 euro al giorno a persona e spesso sopravvivono soltanto grazie ai richiedenti asilo che, se non scappano e decidono di aspettare buoni buoni l’esito delle domande di regolarizzazione, possono soggiornare anche quattro, cinque mesi. La burocrazia è infinita, e se la risposta è no sono pure ammessi i ricorsi, così i tempi si dilatano ulteriormente e le strutture (o le associazioni) incassano.

E così l’anno scorso la Regione (il dipartimento protezione civile, con fondi del ministero) ha liquidato oltre 6 milioni e mezzo di euro per l’emergenza immigrazione dal Nord Africa del 2012. Nell’elenco dei beneficiari ci sono enti pubblici, la Caritas, diverse onlus, consorzi, istituti religiosi, farmacie, la Telecom, agriturismo e mini hotel, da Tonara a Ula Tirso, da Aritzo a Vallermosa. (…)
da: http://www.unionesarda.it/articolo/cronaca_italiana/2014/08/27/i_migranti_sono_un_business_per_chi_li_ospita_l_onu_2000_morti_alfano_vola_a_bruxelles-5-383331.html

Che dire? se anche l’unione sarda comincia ad accorgersene significa che c’è un bel po’ di esasperazione dietro e che, vista la crisi e la riduzione dei soldi, non c’è più la propensione a fare beneficenza sciocca e scriteriata. Bisogna levarsi dal naso gli occhiali che mostrano il mondo in rosa e rendersi conto che dietro l’immigrazione clandestina ci sono fortissimi interessi economici.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.