politically scorrect e barzellette sui gay…

Leggo sui giornali che l’italia è in rivolta (probabilmente qualche argomento ha preso un poco più di like rispetto al solito e i giornali che non sanno come riempire le pagine ci si buttano a peso morto) perché il giornale visto regala un libro di barzellette sugli omosessuali.

Sinceramente mi sembra una polemica fondata sul nulla, sono usciti anche i libri di barzellette sui carabinieri, berlusconi e i politici, i calciatori etc. etc. quindi non vedo alcun attacco mirato agli omosessuali quindi non capisco queste reazioni scomposte.

La barzelletta di base è volgare e pesantemente scorretta e serve per far ridere, non serve invece, come intendono certi autori, per educare le masse. Anzi spesso chi ha un idea che tutto debba essere didascalico ed educativo finisce puntualmente a guardarsi solamente l’ombelico e disquisire dottamente di come il mondo debba essere per intonarsi a quest’ultimo. E, questi intellettuali impegnati, poi si stupiscono che hanno poco seguito.

Quindi le barzellette prendono di mira tutto e tutti in maniera abbastanza equa, dall’omosessuale all’eterosessuale, dal carabiniere allo studente, dall’uomo alla donna.  Non esiste alcuna categoria che sia stata risparmiata dall’umorismo, anche pesante.

Anzi le reazioni scomposte di questo periodo possono anche diventare abbastanza controproducenti perché inducono l’idea che gli omosessuali non siano una categoria di persone che come tutte le altre (uomini, donne, studenti, ingegneri, carabinieri…) ci si possa anche ridere ma siano teneri panda da tutelare e proteggere senza se e senza ma, anzi dei quali sia offensivo anche raccontare barzellette.  E questo rischia di portare a due effetti entrambi controproducenti. Il primo è di spingere la discriminazione a nascondersi dietro una maschera ipocrita di politically correct, come capitato per i clandestini chiamati edulcoratamente “migranti” da persone che poi girano la faccia quando “i migranti” vengono mandati a lavorare “come negri diversamente pigmentati” nelle piantagioni di pomodori. Un contentino di facciata che non risolve però la sostanza del problema.

E la seconda è di diffondere l’idea che gli omosessuali siano troppo teneri, troppo dolci per vivere in un modo da uomini duro ma persone deboli da proteggere, o che cercano pretesti per essere protetti,  allo stesso modo in cui si proteggono i teneri panda; proprio il contrario del risultato desiderato.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...