Legge e discriminazioni…

Talvolta leggendo i forum su internet penso che ci siano molti punti di contatto fra la costituzione italiana e il Necronomicon, entrambi spesso vengono citati da persone che ne hanno solo sentito parlare e si basano su informazioni di terza mano, ed inoltre alcuni loro brani sono interpretati in maniera alquanto fantasiosa.

Stavo leggendo quanto capitato a Trento, Trento, non smentisce omosessualità, la scuola non le rinnova il contratto. La vicenda, per come è stata riferita, di per sé apparirebbe abbastanza squallida e riprovevole. Quello che non mi è piaciuto invece sono state le sbroccate al contorno condite di robustissimo anticlericalismo condite di un sacco di citazioni “a pera” di costituzione e leggi.

Prima cosa: il non rinnovo di un contratto non è un licenziamento, una volta scaduto un contratto io sono libero di non rinnovarlo e non son tenuto a fornire alcuna giustificazione della mia scelta, diverso è il caso in cui decido di licenziare un mio dipendente; in quel caso è la legge stessa ad imporre che l’atto debba essere validamente motivato.

Licenziare Tizio perché la posizione di Urano nel suo tema natale è sfavorevole alla prosecuzione del rapporto di lavoro verrà inappellabilmente cassata dal giudice del lavoro, il  non rinnovare, per lo stesso motivo, un contratto scaduto invece è perfettamente lecito.

“Se il mancato rinnovo, come sostenuto dall’insegnante, fosse basato su un orientamento che attiene ad una sfera personalissima la cosa sarebbe grave: l’ordinamento italiano vieta licenziamenti discriminatori, anche se si tratta di mancato rinnovo il principio è il medesimo” è quanto dichiarato da Sara Ferrari, assessore alle pari opportunità della provincia di Trento.

ecco perché quanto sopra è una boiata pazzesca.

La costituzione italiana contiene tanti principi contro le discriminazioni ma la legge può intervenire solo in due casi: o un comportamento attivo come Tizio che volantina contro il ristorante di Caio perché Caio è omosessuale; oppure un comportamento omissivo in presenza di un obbligo di legge, come ad esempio  Tizio che si rifiuta di servire al suo ristorante Caio perché omosessuale.

Non può intervenire invece in comportamenti omissivi di azioni non imposte da obblighi di legge: Tizio decide di non andare al ristorante di Caio perché omosessuale. Siccome Tizio non ha alcun obbligo sancito dalla legge di andare al ristorante e nessun obbligo di motivare le sue scelte è libero di andare al ristorante di Sempronio senza dover rendere di conto a nessuno.

Intanto la docente non ha ancora deciso se sporgere o meno denuncia. “Dalla preside non ho ricevuto neanche una telefonata, non so se sporgerò denuncia, al momento sono disoccupata, ma non voglio più avere a che fare con quella scuola”

Questa è l’alta cosa che mi ha fatto riflettere il vedere la giustizia non come uno strumento per stabilire ragioni e torti ma come un giustiziere che deve raddrizzare il mondo “legnando”  i cattivi. È un grave errore il confondere un giudice con un giustiziere. Abbiamo avuto per 20 anni una giustizia ingolfata proprio perché troppi pensavano ai giudici come a giustizieri che avrebbero dovuto legnare il berlusco… Confondere “giustizia” con “morale” è un errore alquanto grave.

Conclusione: la scuola forse ha sbagliato(1) nel voler indagare sul privato della persona, ed è sbagliato prendere a pretesto il caso per chiedere leggi più invasive della sfera delle libertà personali. Sì, essere un testa di cavolo è una libertà personale, la legge deve limitarsi a vietare e nel caso sanzionare i comportamenti da testa di cavolo ma non può, e neppure deve pretendere, di cambiare la testa alle persone come invece tentava di fare la santa inquisizione…

(1) Vorrei sentire tutte le campane e possibilmente dalle fonti originali. Con i taglia e incolla è facile far apparire papa Ciccio I come amante del bunga bunga allo stesso modo di Silvietto…

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...