demeritocrazia

Entro fine luglio cambiano i test di Medicina. Un sistema di selezione che il ministro dell’Istruzione, Stefania Giannini, intende rivisitare “prendendo a modello il sistema francese” o un “suo adattamento al contesto italiano”, che include “accesso al primo anno libero e selezione alla fine di esso su base meritocratica”. Giannini lo ha annunciato sulla pagina Facebook di Scelta Civica in occasione di un botta e risposta con gli internauti
fonte:http://www.ilfattoquotidiano.it/2014/05/20/universita-ministro-giannini-i-test-di-medicina-cambiano-entro-fine-luglio/993081/

Traduzione: servono soldi per l’università quindi leviamo i test e le preselezioni che bloccano molti potenziali candidati alle facoltà “richieste” e facciamo iscrivere tutti e becchiamo soldi dalle tasse universitarie. Poi ci sarà una selezione, non specificata, alla fine del primo anno ma almeno un paio di anni di tasse sono assicurati.

Mia opinione: una porcata. In primo luogo si saturerà il primo anno e ci saranno le ovvie difficoltà logistiche per far seguire bene le lezioni a tanti studenti, le lezioni di teoria le puoi far svolgere nei teatri, se proprio sei in emergenza, ma per i laboratori e i tirocini come si farà?

Seconda questione ma non meno importante: come garantire una selezione equa e meritocratica alla fine del primo anno? spostare di un anno le crocette con un test uguale per tutti? esami svolti dai docenti universitari? Bene come garantire equità e che il chiarissimo professor Accozio Accozzatis non abbia un occhio di riguardo, e insieme a lui i suoi colleghi, per suo amato nipote Asinio de Incompetentis? Etica professionale? HAHAHAHAHAH!!!!!11111!!!!UNOUNOUNO.

Logicamente i sindacati studenteschi esultano, e già questo basta per spiegare che il loro obiettivo non è istruzione di qualità per tutti ma che riapra la premiata stamperia Titoli&Diplomi, e peccato che il valore dei prodotti della stamperia sia inferiore a quello di uno strappo di carta igienica a due veli del discount.

 

Annunci

7 pensieri su “demeritocrazia

  1. Si ringraziano i sindacati degli studenti per aver combattuto per l’equalizzazione al ribasso di tutti i titoli di studio dal 1968 a oggi.

    Mi piace

    • purtroppo molti che seguono i sindacati studenteschi convinti che sia un diritto l’avere un titolo “a costo zero”, non capiscono che se il titolo è a costo zero ciò significa che il valore del titolo è zero, salvo poi incazzarsi quando questo viene loro rinfacciato o se ne rendono conto nell’ambito lavorativo.

      Mi piace

  2. Non sapevo come contattarti quindi lo scrivo qui
    Ti sei beccato la citazione sul merdone quotidiano….ormai sei famoso.
    Ah già!! oltre al NWO adesso sei al soldo anche di grillo…6 1 mito!!

    Mi piace

        • generalmente i più faziosi son quelli che affermano ogni tre per due di essere indipendenti…
          il buffo è che il comune non ha fatto nulla di scandaloso, ci sono due menù a scelta dei genitori con una differenza di 8 euro/mese fra i due, non cifre rilevanti.
          Bello che quando la Gelmini parlò di grembiulini tutti a lagnarsi dell’omologazione coatta imposta dal ministero…

          Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...