lobby italiane e la lobby degli incazzati…

stavo leggendo su keinpfusch l’ultimo post di Uriel riguardo alle lobby occulte; direi che ha ragione però non penserei a lobby organizzate quanto a gruppi di persone, scollegati fra loro, che sfruttano la paurosa inefficienza dello stato italiano per fare i loro porci comodi e che pur sostenendo qualsiasi sistema per ridurre l’inefficienza non desiderano che lo stato diventi troppo efficiente, visto che la ciccia si ridurrebbe alquanto. E il fatto che siano scollegati e scoordinati, difficilmente si possono creare dei movimenti di opinione pro evasione fiscale, o almeno non troppo sfacciati e non troppo alla luce del sole, rende la lobby soccombente rispetto alla chiassosa e palese lobby degli incazzati.

Pensiamo ad esempio all’uso della PA come strumento di clientelismo politico, brutalmente: assunzioni in cambio di voti. Fino agli anni 90 il dettato costituzionale dell’articolo 97, nella PA si entra, salvo motivate eccezioni, solo per concorso veniva aggirato alla grande. Uno dei sistemi era fare contratti temporanei di avviamento al lavoro e poi renderli a tempo indeterminato, creare cooperative di servizi, cooperative che poi venivano inglobate dalla PA e i cui dipendenti, assunti senza alcuna trasparenza, venivano poi immessi in ruolo, o le tante assunzioni nel parastato. Tanti giochi delle tre carte e tanta, tanta ciccia, per i politici e per il clientelismo.

Perché allora la situazione in italia è cambiata? cosa l’ha costretta a cambiare? Perché oggi è impossibile fare quei giochetti, ed infatti per il clientelismo ci si è dovuti inventare le società in house(1), le municipalizzate etc. etc.

Oggi invece, a causa della pressione dell’opinione pubblica, pressione causata dal desiderio di un posto nella PA, chiunque proponesse simili manovre verrebbe immediatamente crocifisso. Ecco spiegato il fiorire delle società in house, municipalizzate e regionalizzate, che son state serbatoio di posti di lavoro per la politica. E adesso che i costi del malaffare sono diventati eccessivi saranno le prossime a finire sotto la scure. Perché, perché puoi accontentare, in proporzione, troppo pochi rispetto alle richieste. E i delusi amano ricorrere al: “se non mangio io non mangia nessuno”…

Conseguenza di ciò tra un poco la scure arriverà anche su quelle società. Potere della lobby degli incazzati. La lobby degli incazzati vuole uno stato efficiente perché s’è rotta, visto che c’è troppa poca ciccia per darne un poco ad una maggioranza per tenerla cheta, a differenza di quanto capitato durante il miracolo economico.  Aggiungiamo che oggi, grazie alle leggi sulla trasparenza, è abbastanza difficile fare il gioco delle tre carte senza che la lobby degli scontenti lo venga a sapere e vada a chiedere la testa del prestigiatore. Magari qualcuno apprezza il gioco di prestigio ma per salvare faccia (e culo) deve andare in piazza a chiedere la testa del prestigiatore.

Forse quello che salverà l’italia è il paradosso di Abilene molti simpatizzanti delle lobby occulte, ad esempio quella degli evasori, vorrebbero che si tagliassero gli artigli ad equitalia e che lo spesometro venga depotenziato ma pensano di essere una minoranza e che tutti gli altri, in piazza, invece vogliano catrame e piume sugli evasori. Quindi per mero conformismo non prenderanno mai apertamente posizione contro o faranno azioni plateali per la loro causa.

(1) Inizialmente società di diritto privato (possono fare il BIP! che volevano) il cui capitale era, direttamente o indirettamente pubblico. Un caso che ho conosciuto è quello di società in house che aveva come azionista di riferimento una società A, controllata a sua volta da un altro consorzio B, e l’azionista di riferimento di B era una società C integralmente posseduta dell’ente pubblico. Un bel gioco di scatole cinesi. Però la società di partenza all’atto pratico era una società privata e poteva assumere chi voleva e come voleva senza doversi giustificare con nessuno.

Annunci

3 pensieri su “lobby italiane e la lobby degli incazzati…

  1. Che l’Italia sia piena di furbi siam tutti d’accordo.
    Ora abbiamo le tasse più pesanti dell’universo, la peggiore pubblica amministrazione piena di strapagati burocrati ignoranti tenuta in piedi dai pochi volenterosi che vengono sistematicamente sfottuti. Abbiamo il costo del lavoro più alto di tutti i paesi sviluppati e contemporaneamente salari bassi grazie ai pesantissimi contributi che non riescono a coprire i costi di decenni di clientelarismo che ci hanno dato seicentomila pensioni d’oro (se paté un diagramma di frequenze vedrete che assurdo statistico sia).
    Credo che l’unico sistema per uscirne sia ridurre drasticamente la burocrazia e ridurre le spese dello Stato. Il che vuol dire licenziare mezzo milione di dipendenti pubblici.

    Poi però vai a vedere dove licenziare e…
    … E ci dovrei fare un pezzo intero che questo commento sta diventando troppo lungo.

    Mi piace

    • Nella PA da quello che sto vedendo sta, lentamente, avvenendo una piccola rivoluzione. Da una parte la pressione di persone che ambiscono al posto pubblico ha costretto ad eliminare molto malaffare all’ingresso, dall’altra trasparenza e informazione rendono arduo fare troppi giochi delle tre carte e quindi giocoforza deve essere più onesta. Son finiti i tempi delle consulenze milionarie al cuggino, consulenze cui non si sapeva niente.
      Il sistema era diventato insostenibile e sta cambiando, lasciando un bel po’ di cadaveri al suolo vedi i trombati alla preselezione del concorsone oppure questo:
      http://www.regione.sardegna.it/j/v/58?s=1&v=9&c=161&c1=1297&id=33380

      206 persone che, senza alcuna procedura concorsuale, hanno avuto un contratto di lavoro con la regione sardegna. Pochi anni fa ci sarebbe stata una leggina e via, todos caballeros. Oggi invece rischiano di doversi cercare un altro lavoro, a meno che non passino un, stavolta serio e non burletta, concorso pubblico.

      Mi piace

      • È bello leggere queste notizie. Spero non sia troppo tardi per fermare il treno prima che cada nel precipizio. Anche se temo che ormai lo sia se non facendo cadere in enorme masso sui binari schiantando un vagone o due. Oppure sganciando I vagoni più pesanti….

        Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...