Aristotele, brillante ricercatore di Cambrige (UK)

da: https://disqus.com/home/#discussion/fattoquotidiano/test_ingresso_medicina_plico_manomesso_a_bari_rischio_annullamento/comment-1334390442

Una risposta ricevuta ad un mio commento riguardo alle domande di logica, e di comprensione verbale, nei test del 2014 per medicina. Difficile concentrare così tante perle in un solo commento.

Per praticità ho raggrupato i miei pensieri al testo

La logica deduttiva nei brani è opinabile, soprattutto nella lingua italiana, ogni persona può dare una motivazione diversa per la risposta data e avrà sicuramente un certo ragionamento dietro![1] Poi la logica deduttiva che serve in questo lavoro te la dovrebbero insegnare all’università[2], se lo fanno al corso di laurea in infermieristica[3], perché non a medicina? Per non parlare del fatto che se fosse così importante in primis il punteggio minimo per entrare non sarebbe venti e, inoltre, mi spieghi invece perché a veterinaria viene come seconda materia dopo chimica? Anzi, una volta veniva messa addirittura dopo chimica e biologia! Un veterinario non dovrebbe essere molto più deduttivo di un medico poiché lavora con animali, che, a quanto ne so, non sanno parlare, quindi il ragionamento deduttivo dovrebbe essere molto più importante, no?[4] Per non parlare del fatto che questa “nuova logica” è stata ben che copiata dall’università di Cambridge[5], cosa che nessuno ti insegna nel corso delle scuole elementari-medie-superiori, essendo stata ideata da un’università ed essendo anche “nuova”[6], direi che nessuno ti dà la preparazione[7].

***

[1] Il fatto che ci sia un ragionamento dietro non significa che il ragionamento sia sensato o che non sia viziato da fallacie. E questo è indipendente dalla lingua. Interessante comunque questo elogio della supercazzola, se qualcosa sembra essere un ragionamento allora è valido. Comincio a capire le orde di sciroccati che ascoltando ragionamenti che dimostrano inequivocabilmente che i vaccini causano l’autismo grazie al mercurio comprato con il signoraggio e irrorato nelle scie chimiche, li bevono come acqua fresca, senza accorgersi che sono ragionamenti che partono da premesse campate per aria e infarciti di fallacie logiche come il cum hoc ergo propter hoc, o la reductio ad complottum.

[2] In logica matematica formalizzi e rendi rigoroso il procedimento di ragionamento, ma non ti insegnano di certo a ragionare partendo da zero. Anche perché vorrei sapere come è possibile arrivare ad un corso del III anno di matematica (o della magistrale in matematica) senza essere capaci di svolgere un ragionamento logico deduttivo. Anzi, forse è meglio che non lo sappia.

[3] Sarei curioso di conoscere quale facoltà di infermieristica ha i corsi di logica deduttiva.

[4] Siccome l’ammalato dice che gli fa male il piede deduco che gli fa male il piede. Elementare watson, elementare…

[5] Ok, chi è il disinformatore del NWO che ha messo in giro la storiella che Aristotele fosse greco ?

[6] Spero non abbia frequentato il liceo…

[7] Se fosse vera sarebbe tragica. Tredici anni, tredici, di scuola per imparare a non pensare…

***

Per curiosità ho letto qui i test di comprensione verbale del concorso del 2014, e sinceramente preferirei essere curato da un medico che l’ha superato.

Annunci

2 pensieri su “Aristotele, brillante ricercatore di Cambrige (UK)

  1. I test di comprensione verbale servono a elimianre gli analfabeti funzionali che, in campi come la medicina, potrebbero uccidere qualcuno se non capiscono ciò che leggono.
    Evitare che la gente diventi analafabeta funzionale è tutt’altra cosa, indipendente dai test.

    Mi piace

    • Giustissimo. Il problema è che per l’effetto Dunning e Krueger non ci si rende conto della propria ignoranza. Nel messaggio di cui sopra di ignoranza se ne trova molta. L’essere inconsapevoli di non riuscire a scoprire un ragionamento corretto da uno fallato insieme alla convinzione dell’essere bravi perché si ha il titolo(1) causa rabbia e senso di frustrazione. E come prassi italiana, se qualcuno si dimostra più bravo di noi è, inequivocabilmente, a causa dell’arbitro venduto…

      (1) Un classico esempio di fallacia di inversione causa-effetto; se sono bravo avrò il titolo ergo se mi regalano il diploma allora divento immediatamente bravo.

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...