Chi ha paura del nitrogeno ?

articolo modificato dopo la pubblicazione

Stavo leggendo sul fatto quotidiano la sbroccata l’articolo della sBrocca
http://www.ilfattoquotidiano.it/2014/01/21/in-ripresa-tutti-i-test-animali-gli-sperimentatori-ringraziano/

questo passaggio in particolare mi ha colpito

Quindi, obbligandole a inalare nitrogeno, le hanno portate al quasi-soffocamento per osservare gli effetti dell’ipotossia sul cervello dei feti. Infine, dopo qualche giorno di misurazioni, sia le pecore sia i piccoli, ormai devastati, sono stati uccisi. Eseguito nel 2011 e pubblicato su The Journal of Physiology nel 2012, questo ripugnante esperimento, l’ennesimo di una decennale serie di test analoghi, è arrivato con scalpore al grande pubblico inglese pochi giorni fa, a metà gennaio.

Il nitrogeno è una brutale italianizzazione del termine inglese nitrogen, a sua volta derivato dal greco (gli acidi dell’azoto si chiamano acido nitrico e acido nitroso), che in italiano si traduce con Azoto.  L’altro termine è ipotossia che in italiano non esiste. La traduzione corretta del termine inglese hypoxia è ipossia; per rendersene conto basta cercare il termine inglese sulla wiki in inglese e confrontarlo con la pagina corrispondente in quella in italiano.

Due strafalcioni scientifici; il nitrogeno molto grave visto che sarebbe bastato quello per prendere un 2 inappellabile in chimica, mettono una luce alquanto fosca su quanto l’autrice abbia in realtà capito del testo in inglese che cita(1). Credo si sia limitata a riferire notizie di seconda mano senza capirle, cosa che rimane un brutto vizio dei giornalisti.

Come aveva già dimostrato la beffa del DHMO, molti ignoranti sentendo parole dal suono vagamente chimicheggiante partono lancia in resta contro il satana scientifico cattivo senza fermarsi 30” a ragionare contro cosa si stanno scagliando.  Talvolta con effetti umoristici come il chiedere cibo senza alcun tipo di sostanza chimica…

Purtroppo l’ignoranza più pericolosa è l’ignoranza di chi è convinto di sapere, e se tale ignoranza si sposa con il fanatismo di chi è convinto di avere la verità in tasca, il risultato è l’ennesimo remake della santa inquisizione…

***

Comunque per la cronaca

Il nitrogeno è:

  • un componente dell’acido nitrico,
  • causa dell’embolia nei subacquei,
  • è un componente del cianogeno e quindi dei suoi sali, i cianuri,
  • causa piogge acide
  • è un componente di molti esplosivi

e pertanto il sottoscritto è per la sua messa al bando tanto quanto il DHMO.

***

Addendum, fra i commenti all’articolo è apparso, a firma di maria collu, il seguente commento

http://www.ilfattoquotidiano.it/2014/01/21/in-ripresa-tutti-i-test-animali-gli-sperimentatori-ringraziano/852311/#comment-1211935170

“…Gli scienziati dell’Università di Cambridge hanno preso dodici pecore
gravide, le hanno anestetizzate e amputate chirurgicamente per inserire
cateteri e altri strumenti di rilevazione nelle zampe e nel circolo
sanguigno dei loro piccoli. Quindi, obbligandole a inalare nitrogeno, le
hanno portate al quasi-soffocamento per osservare gli effetti
dell’ipotossia sul cervello dei feti. Infine, dopo qualche giorno di
misurazioni, sia le pecore sia i piccoli, ormai devastati, sono stati
uccisi. Eseguito nel 2011 e pubblicato su The Journal of Physiology nel 2012…”.

Ma la Signora Rocca è andata a leggersi l’articolo di cui sopra? Oppure si è basata su quanto riportato dal sedicente gruppuscolo Anima Aid (dubito che ci siano medici, perchè come minimo avrebbero capito di cosa si parlava).

Non c’è alcuna amputazione, i cateteri sono gli stessi che vengono “infilati” nei vasi dei pazienti. Non hanno inalato alcun “nitrogeno” che non esiste caso mai si trattava del protossido d’azoto (quello che provoca la ridarella!) utilizzato in anestesia insieme all’ossigeno e all’isoflurano (anestestico). Quindi nessuno è socffocato e tantomento si è provocata ipotossia (che non esiste). L’ipossia è un ridotto afflusso di ossigeno ai tessuti e in questo caso è stato provocato comprimendo temporaneamente il cordone ombelicale (Gardner DS, Fletcher AJ, Fowden AL, Giussani DA. A novel method for controlled and reversible long term
compression of the umbilical cord in fetal sheep. J Physiol. 2001;535:217–229, citato nell’articolo). Vorrei sapere dove c’è scritto che ..”sia le pecore che i piccoli, ormai devastati (per avere dei cateteri nei vasi?, forse non ha mai visto pazienti in rianimazione) sono stati uccisi.”. Sono stati misurati i livelli di ossigeno, CO2 e NO (che viene prodotto dai tessuti ed è un vasodilatatore: la cui azione è alla base del meccanismo della nitroglicerina utilizzata per l’angina pectoris – la famosa pastiglietta sotto la lingua). Tutto questo per mimare l’eclampsia (vada a cercarsi cosa è in un dizionario medico) e/o la pre-eclampsia che se non trattata porta a morte madre e bambino.

Che demolisce del tutto l’articolo.

(1)E che fra l’altro riporta chiaramente che

All procedures were performed under the UK Animals (Scientific Procedures) Act 1986 and were approved by the Ethical Review Committee of the University of Cambridge.

Annunci

10 pensieri su “Chi ha paura del nitrogeno ?

  1. Ogni volta che sento la parola nitrogeno ho un moto di rabbia!
    Cosa farebbe la suddetta ignorante se sapesse che l’aria che respira è composta per il 78% di “pericolosissimo” azoto?
    Per non parlare dell’argon e degli sltri gas in tracce ma dal nome esotico!

    Mi piace

    • commento del sottoscritto (fra i tanti scritti nel forum dell’articolo)

      guarda, io adesso sto osservando cosa capita quando il gatto inala una atmosfera contenente il 78% di nitrogeno, il 20% di un gas il cui nome scientifico significa generatore di acidità, argon, kripton, radon, e vari ossidi compreso il DHMO.

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...