Gli animalisti e la bontà degli animali

Una cosa che ho notato nelle varie discussioni riguardo alla sperimentazione animale ed alla ricerca, discussioni nate dopo l’assalto degli animalisti allo stabulario della facoltà di Farmacia di Milano, è che molti animalisti hanno un idea completamente campata per aria di come siano e come si comportino gli animali.

Tendono a personalizzare gli animali, a credere che siano come i protagonisti dei cartoni animati di walt disney attribuendo loro un sacco di sentimenti, umanamente, positivi, tendono a fare campagne soprattutto per quelli pucciosi e coccolosi come i coniglietti, i beagle o i topolini da laboratorio invece di lombrichi, cozze, Drosophila melanogaster o della dolce Escherichia coli.  Comportandosi, soprattutto quelli che credono di essere antispecisti, in perfetti specisti, preferendo, nelle loro azioni dimostrative, le specie più tenere, quelle che ispirano maggior senso di empatia e protezione all’essere umano.

La prima cosa da notare è che le azioni eclatanti vengono fatte quando riguardano animali teneri e carini che generalmente tendono a far sviluppare l’innato senso di protezione degli uomini verso i cuccioli: assalto a green hill per liberare i beagle, l’assalti per liberare coniglietti, cavie e topolini da laboratorio, assalti per liberare visoni. Però non ricordo di aver letto di un qualche assalto contro ditte di deratizzazione o di disinfestazione anti insetti oppure di qualche animalista che si fa riprendere e posta su FB le foto di come distrugge le trappole per topi mentre abbraccia una bella merdona(1). Non ho mai visto neppure alcuna manifestazione volta ad impedire la pulizia delle erbacce e la bruciatura delle sterpaglie nei campi incolti allo scopo di bruciare e distruggere l’habitat di zecche ed altri parassiti, oppure movimenti contro la bonifica delle pozze  d’acqua stagnante per rendere impossibile la riproduzione delle zanzare. Come mai, non son forse animali anche loro?

La seconda cosa è che gli animalisti ignorano, o fanno finta di ignorare, certi comportamenti del mondo animale che non cadono nel loro schema: natura buona – animali buoni – uomo cattivo. E’ noto a chiunque abbia avuto una gatta che ha partorito i gattini di dover fare attenzione ai gatti maschi non castrati in quanto tendono, soprattutto se non si sono accoppiati loro con la madre, ad uccidere i gattini appena nati per far andare prima in calore la gatta. E questo è un comportamento comune fra i felini, capita anche fra i leoni, ed è il motivo per cui è meglio che estranei non si avvicinino troppo ai gattini; mamma gatta in quei casi ha il graffio facile, molto facile.

O, parlando ancora di gatti, di come mamma gatta insegna ai micetti a cacciare: porta una preda viva, generalmente un topolino, un uccellino o una lucertola, e lascia che i micetti la catturino, la lascino e la riprendano, ed è questa l’origine del detto: giocare al gatto con il topo. Il piccolo cuculo che butta fuori dal nido le uova deposte dai genitori adottivi per essere l’unico della covata.

A studiare seriamente l’etologia si ha una carrellata di crudeltà: cannibalismo, infanticidi, riduzione in schiavitù, uccisione di membri della stessa specie, rapporti sadomaso, che non ha niente da invidiare a quelle combinate dall’uomo, ma va detto a nostra colpa che l’uomo le ha fatte consapevolmente.

Quindi è un errore attribuire agli animali i buoni sentimenti umani come capita invece nei film di Walt Disney, Bambi su tutti,  o in Kimba il leone bianco di Tezuka, quelle sono opere di fantasia, favole, e come nelle favole gli animali vengono personificati per parlare invece di uomini. La realtà è diversa.

(1) Termine in sardo che identifica il rattus norvegicusdetto anche ratto delle chiaviche, topo di fogna o pantegana.

2 pensieri su “Gli animalisti e la bontà degli animali

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.