Il redditometro…

Ok, l’italiano medio non si rende conto delle conseguenze delle proprie azioni. Come un bambino che prima fa un sacco di capricci per mangiarsi un sacco di roba e poi, quando arriva la bua al pancino, frigna contro la mamma cattiva che l’ha accontentato.
Il redditometro, contro cui molti si stanno scagliando in nome della privacy e del: non voglio uno stato di polizia fiscale, spiace dirlo ma è la logica conseguenza, da una parte, di 40 anni di roboanti dichiarazioni di lotta contro l’evasione fiscale e di richieste di stanare gli evasori in tutti i modi, in tutti i luoghi e tutti i laghi, e dall’altra di tutti gli applausi quando la finanza si è fatta giri a cortina a controllare alberghi, ristoranti e SUV.

Se si chiede di stanare, con ogni mezzo, tutti gli evasori si sta chiedendo di stanare anche il professor Luigi, che fa ripetizioni, in nero evadendo il fisco, si chiede di stanare anche il sig. Giuseppe, che si occupa, in nero, della manutenzione della casa, di stanare anche il dott. Alessio, che fa uno sconticino sulla visita medica. E il redditometro per far ciò funziona abbastanza bene.  Quando andavo a timbrare per la disoccupazione all’ufficio di collocamento vedevo molti che facevano storie per essere assunti nei cantieri comunali e in altri lavori simili e che possedevano cellulari ultimo modello. Roba che, a quei tempi, costava dalle 400.000 lire in su. Cioè se uno non ha di che mangiare spende tutti quei soldi in un cellulare ultimo modello ? La storia del regalo non regge, mi spiace, se uno ti fa regali così costosi dovrebbe essere una persona di confidenza, uno a cui puoi dire liberamente: preferisco avere del pane. E se invece non lo è perché non rivendere il cellulare, prendere un modello economico e comprare pane ?

La verità è che il redditometro farà bruciare il culo a quelli che si consideravano onesti perché evadevano “poco”, ma che andavano in piazza a frignare contro i proprietari di suv perché “suv = evasione”.  A quelli dell’intercettatemi perché non ho niente da nascondere (anche perché i lavoretti in nero raramente giustificano le intercettazioni), adesso vi stanno, in un certo senso intercettando, contenti ? A quelli che taroccavano l’isee per avere agevolazioni sottraendo risorse a chi invece ne aveva più diritto.  Cento evasori che evadono ognuno 1.000 fanno più danni di un evasore che evade 100.000; l’evasore usa i servizi per una singola persona/nucleo familiare, i cento invece richiedono servizi per cento persone/nuclei familiari causando, a parità di totale di cifra evasa, maggiori costi alla collettività. A quelli che urlavano: “evasore!!!” quando ti lamentavi di un fisco da rapina che non garantiva servizi proporzionali(1) al prelievo fiscale. Signori, avete voluto mangiare troppi dolci ? Adesso tenetevi la bua al pancino.

Emblematica la perla di grillo

Il redditometro è in sostanza uno studio di settore sulle famiglie. Hai speso di più del tuo reddito? Come hai fatto? Ti ha prestato i soldi tuo zio? Dimostramelo! Ti ha aiutato tua mamma? Dimostramelo! Hai risparmiato i soldi tenendoli in casa in una cassetta, sotto le mattonelle? Dimostramelo! Io devo dimostrare come spendo i miei soldi? Ma scherziamo? Io voglio rovesciare questo concetto. Sei TU che devi dimostrare come spendi i MIEI soldi!

E il perfetto rovescio della frittata: no beppe non devi dimostrare come spendi i tuoi soldi, ma da dove tali soldi ti siano arrivati. E, ricordo a tutti i fortunati con parenti taaanto generosi, che ci son leggi da rispettare se si fanno regali “non di modico valore”. Adesso l’italia è un paese alla fame con molti zii d’america ?

(1)Se pago un pasto 8€ mi posso accontentare del McDonald. Se pago un pasto 80€ pretendo  una tovaglia pulita, cibo buono ed un servizio decente. Purtroppo in italia si paga il conto di un medio ristorante per avere indietro un pasto da fast food.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.