Brindisi, ma serviva pubblicare il filmato ?

Nell’attentato di Brindisi si sta vedendo il peggio dell’informazione italiana, che più che informare oramai stuzzica la morbosità del pubblico.

Ha senso il divulgare il filmato dove si vede il presunto attentatore ? Fornisce informazioni utili alle persone ?

La risposta alle precedenti domande è no, potrebbe avere senso informare che un presunto attentatore è stato visto da un filmato, ma la pubblicazione del filmato oltre ad essere inutile ai fini informativi è anche controproducente.

In primo luogo c’è il rischio che qualche “giustiziere della notte” si lanci nella giustizia fai da te e magari decida di “punire” un povero cristo che ha la sfortuna di somigliare al tizio del filmato.

Secondariamente l’autore della strage venisse a sapere di essere stato ripreso inizierebbe, se non l’ha già fatto, a pensare ad un piano di fuga.

Risultato: si incasina il lavoro della procura e si stuzzicano i bassi istinti dei giustizieri da strapazzo per pubblicare qualcosa che tutto sommato ha una utilità informativa nulla.

Purtroppo la realtà non è una puntata di CSI dove il colpevole viene preso ed incastrato nei 25′ canonici della puntata; sarebbe molto opportuno che i giornalisti, in primis, lo ricordassero ai lettori e se lo ricordassero anche loro.

3 pensieri su “Brindisi, ma serviva pubblicare il filmato ?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.