Il trota e la telefonista con il 110 e lode

il trota e la telefonista
il trota e la telefonista

Fra le tante idiozie che girano su facebook, c’è il confronto fra Renzo Bossi, aka “il trota”, diventato consigliere regionale e una povera operatrice di call center laureata 110 e lode, la protagonista del film “tutta la vita davanti”.

C’è da dire che Bossi jr comunque per arrivare al consiglio della lombardia ha dovuto trovare abbastanza persone disposte a votarlo; ovviamente è stato facilitato dal cognome e dall’aiuto di babbo ma, in democrazia, l’elettore è re. Diciamo che se è arrivato in quella posizione non è solo per merito suo.

Posizione, al call center, che invece la telefonista merita ampiamente. Laureata 110 e lode, in filosofia teoretica e in attesa di un dottorato di ricerca.  Laureata in una materia oramai inflazionata e per la quale la domanda di lavoro è oramai satura e ciò non ostante l’offerta non accenna a calare.  Strano che un filosofo, che dovrebbe essere quello che aiuta gli altri a comprendere ed interpretare il mondo, non si renda conto delle conseguenze di queste elementari regole dell’economia.

Come dire: medice cura te ipsum.

Fanno riflettere anche i commenti su faccialibro relativi alla notizia: tanto livore, tanta gente che si sente offesa, tanto livore, tanto desiderio di rivalsa e proteste contro il marcio e nessuno, dico nessuno, che pensa alla soluzione principale: raccogliere le firme e candidare l’operatrice di call center alle elezioni.  Se si fosse presa lei i voti del trota a quest’ora sarebbe lei a sedersi nel consiglio regionale. Semplice e lineare. Strano che i filosofi, esperti dei massimi sistemi politici, non abbiano pensato a questa semplice soluzione.

Meglio lamentarsi ma evitare di provare a cambiare la situazione, non sia mai che si scopra che l’essere finita nel call center non sia colpa del trota che ha rubato la poltrona da consigliere regionale ma di una serie di scelte di carriera sballate.

4 pensieri su “Il trota e la telefonista con il 110 e lode

  1. Tutto sommato abbastanza corretto, come ragionamento, e mette in luce uno dei difetti della democrazia, chi ha detto che i voti di 10.000 tonti valgano più di quello di una persona saggia?
    C’è anche il fatto che chi sbaglia carriera danneggia sé stesso, mentre il trota al potere danneggia tutti, non solo chi lo ha votato..
    Il fatto che il trota sia anche un tantiniello ladro non migliora le cose.

    "Mi piace"

    • chi ha detto che i voti di 10.000 tonti valgano più di quello di una persona saggia?

      teoricamente avresti ragione, praticamente chi, e come, dovrebbe scegliere i saggi con il diritto di voto ?

      "Mi piace"

      • Innanzi tutto già siamo in una situazione dove non tutti possono votare, per dire ci sono limiti di età, inoltre ci sono reati che interdiscono il diritto di voto, e altre cause.
        Si potrebbero rendere i requisiti più stringenti, per esempio per esercitare il diritto di voto bisogna aver svolto due anni di servizio pubblico e passare un esame di storia & filosofia.
        Meglio ancora eliminare il problema alla radice e far governare una persona competente e onesta, tipo me…. certo, in tal caso però si evidenzierebbe il difetto della dittatura, ovvero dopo di me ci sarà una persona all’altezza?

        "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.